Pre partita Virtus-Le Mans: vincere e basta

Tempo di lettura 3 minuti
230 letto

Dopo un’altra giornata campale, con l’addio di Sacripanti e l’arrivo di Djordjevic in panchina, arriva il primo snodo cruciale della stagione virtussina: si va in campo contro i francesi di Le Mans per guadagnare l’accesso ai quarti di finale di Champions League. La vittoria manca da quasi un mese (14 febbraio, in Coppa Italia con Milano). Uscire sarebbe un vero disastro.

GAME INFO

Quando: mercoledì 13 marzo 2019, ore 20.30

Dove: Paladozza, Bologna

TV: Eurosport Player e Rai Sport

Risultato dell’andata: pareggio 74-74.

PROBABILI QUINTETTI

VIRTUS LE MANS
Tony Taylor Michael Thompson
Kevin PunterKendrick Ray
Pietro AradoriValentin Bigote
Amath M’BayeCameron Clarke
Yanick MoreiraWill Yeguete

COME STA LE MANS: nel week end bella vittoria interna in campionato per Le Mans, che ha sconfitto 89-83 l’Asvel Villeurbane, capolista in terra francese e una delle pretendenti alla vittoria in Eurocup. Ancora sugli scudi Kendrick Ray, con 18 punti in 28′ uscendo dalla panchina (7/13 al tiro). 17 per il playmaker Michael Thompson, 14 di Richard Hendrix, in una partita vinta con lo sprint decisivo nell’ultimo quarto.

VOTATE CON NOI!

Coming Soon

5 SPUNTI SULLA PARTITA

1. Maggior attenzione a rimbalzo

I 16 rimbalzi offensivi concessi in attacco a Le Mans sono stati forse il peggior dato della gara d’andata. Grazie a questi i francesi hanno preso undici tiri in più dal campo rispetto alla Segafredo, bilanciando le difficoltà di tiro. Tanti i palloni lasciati dai bianconeri per distrazioni. Segnatamente mancanze palesi di tagliafuori. Sarà necessario affidarsi meno all’atletismo e più ai fondamentali. E, come si vede dal video seguente, questo riguarda più o meno tutti i giocatori del roster.

2. Cournooh e Martin possibili chiavi della partita

All’andata furono i due giocatori con cui la Virtus andò meglio (rispettivamente +24 e +16 di net rating per la Segafredo nei loro minuti in campo) e, considerate le prestazioni di offensive di Ray e Bigote, potrebbero nuovamente tornare molto utili, specie con compiti difensivi, nel caso la coppia di esterni francese ripetesse il match dell’andata.

3. Ci sarà l’effetto SuperMario?

Dopo il forfait per motivi extra campo di domenica a Cantù, tornerà nei dodici Mario Chalmers. Che all’andata, seppur con solo due allenamenti nelle gambe, tenne il campo per 12′ più che degnamente. Mercoledì arriverà con qualche altro allenamenti coi compagni disputato. Niente di incredibile, anche per quanto riguarda la sua probabile condizione fisica (di mezzo c’è stato anche un’andata e ritorno dagli Stati Uniti). Ma certo sarà un aiuto non da poco per la squadra, anche per contenere, come successo ottimamente all’andata, Michael Thompson, il playmaker di Le Mans che non è certo sempre quello visto in Francia martedì scorso.

Contro Le Mans esordirà anche il nuovo tabellone del Paladozza

4. Attendendo il vero Moreira

Dopo la partitaccia giocata contro Cremona nelle Final Eight di Coppa Italia il rendimento di Yanick Moreira è sceso in picchiata. Dal ritorno in campo dopo la pausa Nazionali produce appena sei punti di media, con meno del 50% al tiro e 3/11 ai liberi. Soprattutto in attacco non riesce a dare contributo alla causa: con lui in campo la Virtus si ferma a un asfittico 103.6 di rating offensivo. Gli accoppiamenti coi lunghi francesi non lo penalizzano, avendo, sia contro Hendrix che contro Yeguete, un sensibile vantaggio in termini di centimetri. La speranza è di tornare a vedere quello più che positivo delle prime gare in maglia bianconera.

5. Quanto peserà l’extra campo?

E’ una domanda impossibile da non fare. E forse la prima da porsi. Quanto sta incidendo sulla squadra tutto il marasma degli ultimi giorni? L’allontanamento di Marco Martelli. Le voci su Sacripanti e quelle su Djordjevic che poi sono diventate realtà tramite status Facebok, dopo che in mattinata era stata data fiducia totale all’ormai ex coach. Il caos è regnato sovrano ultimamente. Chiedere già qualcosa al nuovo allenatore è quasi impossibile, se non la scintilla che spesso fa scattare il cambio in panchina. Si riuscirà a fare tabula rasa delle negatività per mettere davanti a tutto il bene della squadra?

Seguiteci anche su
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *