Recap Cremona – Virtus: mai in partita crolliamo contro l’energia della squadra di Sacchetti.

Tempo di lettura 2 minuti
85 letto

La Virtus crolla nell’anticipo serale contro Cremona per 87 a 70.

RISULTATO FINALE: vittoria per 87-70.

VANOLI CREMONA   VIRTUS BOLOGNA
87 PUNTEGGIO FINALE 70
22 PRIMO QUARTO1 18
46 (24) SECONDO QUARTO 38 (20)
61 (15) TERZO QUARTO 58 (20)
87 (26) QUARTO QUARTO 70 (12)
SUPPLEMENTARI
19 (87-68) MASSIMO VANTAGGIO  
1 CAMBI VANTAGGIO 0
  TEMPO IN VANTAGGIO  

FATTORE X DELLA GARA: la maggior precisione e aggressività difensiva della squadra di Sacchetti che in particolare nell’ultimo quarto ha creato il grosso divario tra le due squadre

IL TABELLINO

CREMONA: Saunders 15, Stojanovic 13, Aldridge 13, Feraboli ne, Ruzzier 11, Crawford 11, Ricci 3, Diener 7, Gazzotti ne, Mathiang 14. All: Sacchetti

VIRTUS: Moreira 16, Aradori 12, Taylor 6, M’Baye 10, Cournooh 1, Berti ne, Cappelletti, Martin 1, Baldi Rossi, Kravic 7, Pajola, Punter 18. All: Sacripanti

STATISTICHE DEI SINGOLI

VANOLI CREMONA   VIRTUS BOLOGNA
15 Saunders PUNTI 18 Punter
10 Mathiang RIMBALZI 6 Moreira e Aradori
4 Ruzzier ASSIST 4 M’baye
4 Crawford PALLE PERSE 4 Taylor
2 Diener e Ruzzier PALLE RECUPERATE 2 Punter
1 Crawford STOPPATE 2 M’baye
18 Saunders VALUTAZIONE 16 Moreira
22 Crawford +/- 3 Pajola

STATISTICHE DI GIOCO

VANOLI CREMONA   VIRTUS BOLOGNA
23/41 56% Tiri da 2 24/42 (57%)
9/25 (36%) Tiri da 3 5/20 (25%)
14/18 (78%) Tiri liberi 8/12 (67%)
24 Rimbalzi difensivi 23
11 Rimbalzi offensivi 10
35 Rimbalzi totali 33
11 Assist 9
11 Palle perse 16
8 Palle recuperate 4
1 Stoppate 4
16 Falli 23

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Le parole di Stefano Sacripanti  Abbiamo fatto una brutta partita per quanto riguarda il ritmo soprattutto in attacco, con troppe palle perse e canestri senza difendere con aggressività. È stato un problema che ci ha accompagnato per tutto il primo tempo poi con la zona mista abbiamo recuperato ma non siamo stati bravi e capaci a razionalizzare. Sul -3 abbiamo preso canestri troppo facili, come già nel primo e nel secondo quarto. Io ho fatto la mia scelta di tenere in campo Punter con 4 falli ma era in scia positiva e volevo tentare. Me ne assumo la responsabilità. Peccato perché abbiamo fatto buoni sprazzi di gioco ma poi non abbiamo avuto la forza mentale e fisica di reggere. Andiamo in Coppa cercando di fare il meglio possibile.
La gestione di Baldi Rossi è stata una mia scelta. Non mi sembrava che avesse dato abbastanza fisicità, a differenza di M’baye.
Non credo sia un esame di maturità fallito. Ogni tre giorni giochiamo partite tutte importanti ma è chiaro che speravamo di fare qualcosa in più. A fine terzo quarto eravamo comunque a -3 e non siamo riusciti a dare il colpo vincente, ma non penso sia un fallimento. Ogni gara richiede grande impegno e concentrazione e stasera non siamo stati abbastanza bravi. Nel primo tempo sono rimasto un po’ deluso dagli 1vs1 andati male. Tony deve evidentemente essere più scafato dal punto di vista arbitrale, perchè lui per noi è determinante e non può andare fuori di testa se fa due falli in due minuti, è una cosa su cui stiamo lavorando ma ancora evidentemente non ci siamo.

PROSSIMO IMPEGNO

La Virtus ritorna in campo contro l’Olimpia Milano per la Coppa Italia, il 14 febbraio alle 20:30.

Pre partita Cremona – Virtus: vincere per vendetta!

Tempo di lettura 3 minuti
104 letto

Sabato sera la Virtus scende in campo a Cremona per la diciannovesima giornata di Campionato.

GAME INFO

Quando: sabato 6 febbraio, ore 20:30

Dove: PalaRadi, Cremona

TV: Eurosport Player, Eurosport 2

Classifica: Cremona ha una vittoria più della Virtus. La differenza canestri all’andata fu molto pesante in favore della Vanoli, con un +18 difficile da ribaltare. 

PROBABILI QUINTETTI

 

 

 

 

 

 

 

 

VIRTUS BOLOGNA AVELLINO
Tony Taylor Michele Ruzzier
Kevin Punter Wesley Saunders
Pietro Aradori Andrew Crawford
Amath M’Baye Giampaolo Ricci
Yannick Moreira Mangok Mathiang

 

INDISPONIBILI

CREMONA: Demps?

VIRTUS: Cournooh??

Andamento Cremona: Cremona è 2-3 nelle ultime 5. Viene da due trasferte, una vittoriosa con una Avellino molto incompleta ed una brutta sconfitta domenica scorsa a Cantù. Nell’ultima giocata in casa è stata sconfitta da Trento. 

PRONOSTICO VNERA: Cremona 45% Virtus 55%

QUOTE DELLA PARTITA: Cremona 0.00 Virtus 0.00(quote riferite al testa a testa)

VOTATE CON NOI!

Chi vince tra Vanoli Cremona - Virtus Bologna?

View Results

Loading ... Loading ...

5 APPUNTI SU CREMONA

1. Meglio fuori che in casa

Cremona ha un record di 5-4 in casa contro un eccellente 6-3 fuori. Al di là delle vittorie, l’efficacia difensiva di Cremona in casa è molto più bassa che fuori (da un buonissimo 103.9 delle trasferte schizza ad un pessimo 111.4 in casa). Non si può dire che il fattore campo sia fondamentale per la Vanoli. 

2. Tiro da tre punti, si, ma quanto?

Non importa dire che Cremona è la squadra del campionato che tira di più da tre punti, con 30 tentativi per partita. La Virtus è tra le ultime per triple tentate, con 22.3. Noi però tiriamo meglio, con un eccellente 37%, mentre Cremona è tra quelle che tira peggio, soprattutto in casa dove non va oltre il 32%. Inaspettatamente sono altri i principali punti di forza della squadra di Sacchetti, non così facile da leggere e che presenta caratteristiche inattese, come vedremo anche dopo. 

3. Rimbalzi, rimbalzi, rimbalzi

Cremona è quinta per Total Rebounds percentage, cioè per il numero totale dei rimbalzi che prende su quelli disponibili, in una classifica dove la Virtus è solo penultima. Ancora più pericoloso il trend a rimbalzo offensivo, dove Cremona cattura quasi un terzo dei palloni disponibili, con il dato di altissimo livello di Mathiang che prende oltre il 17% dei rimbalzi in attacco disponibili. Sarà fondamentale il lavoro in taglia fuori dei nostri lunghi, in particolare di Dejan Kravic che tende a non essere ordinatissimo in queste situazioni.  

4. Amano correre

Anche qui poche sorprese, come tutte le squadre di Sacchetti anche la Cremona di quest’anno tende ad alzare il numero dei possessi, specialmente in casa. La Virtus al contrario si colloca tra le squadre che abbassano di più il ritmo. Non lasciare spazio al contropiede secondario di Cremona con buoni rientri difensivi potrebbe essere una chiave della partita.  

5. Attaccare Ruzzier, fermare Ricci

Cremona ha due playmaker che si alternano, Ruzzier e Diener, che giocano diversi minuti anche insieme con Travis da guardia. Entrambi, per stazza (Ruzzier), scarso atletismo (Diener) e non particolare attitudine difensiva, sono attaccabili dai nostri playmaker, soprattutto da Taylor ma anche da Pajola e Cappelletti. Giampaolo Ricci invece sta facendo un gran campionato ed è, udite udite, la prima opzione offensiva di Cremona con uno Usage del 28% (la nostra prima punta è Punter con il 25% di Usage). Da Ricci passano molte delle fortune di Cremona, sarà importante su di lui il lavoro di M’Baye, che è in un ottimo momento ed ha gambe e atletismo per contenerlo, e di un Baldi Rossi visto in eccellenti condizioni contro Patrasso. Ricci è anche il difensore di Cremona che commette più falli a partita: attaccarlo e caricarlo precocemente di personali potrebbe essere un’altra chiave della partita, con M’Baye che, anche nella metà campo offensiva, ha tutte le caratteristiche per metterlo in difficoltà.

Il Post partita Virtus Bologna – Patrasso

Champions League

Tempo di lettura 3 minuti

113 letto

La Virtus vince dopo un tempo supplementare, complicandosi la buona prestazione nei primi tre quarti, subendo un parziale di 15-4 con 5 bombe subite negli ultimi 4 minuti di tempo regolare.

GAME INFO

RISULTATO: Vittoria per 98-91.

ANDAMENTO PARTITA: Primo quarto combattuto 25-23 al gong dei 10 minuti, poi nel secondo quarto negli ultimi due minuti sul 45-43 la V scappa con Punter e Qvale con un parziale di 9-3 e chiude sul punteggio di 52 a 46 all’intervallo. Nella ripresa Taylor continua a tener vivo il divario fino ad nuovo tentativo di rientro greco ma Aradori negli ultimi minuti riallontana sul punteggio di 73 – 64 al trentesimo. Ultimo quarto dopo il canestro di Qvale al 35esimo per il +10 la Virtus rallenta il ritmo in difesa e subisce 5 triple: Gikas, Saloustrus, Mantzoukas, Hall e Meier; la Virtus dopo la bella schiacciata nel frattempo di Taylor, con Aradori in lunetta ha la possibilità per vincere la partita ma appunto la tripla di Meier porta la contesa ai tempi supplementari.

All’overtime Patrasso nei primi tre minuti della gara è in vantaggio 88-89 ma la Virtus con Moreira si fa sentire sotto canestro e in lunetta, Taylor mette sempre dalla linea della carità la staffa sulla gara, M’Baye con altri due tiri lucrati a tempo scaduto e con una gran schiacciata regala entusiasmo al Paladozza che si conclude sul punteggio di 98 a 91 dopo l’ennesima tripla segnata dai greci con Mantzoukas.

FATTORE X DELLA PARTITA: La stoppata di Moreira su Geromichalos nei supplementari per il possibile -1 greco.

CLASSIFICA: La Virtus chiude prima nel girone D, mentre Patrasso con questa sconfitta e con la vittoria del Besiktas contro Lubiana finisce terza

PROSSIME PARTITE: La Virtus torna in campo tra tre giorni, sabato 9 febbraio, ore 20:30 a Cremona.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SCARIPANTI

grazie della collaborazione con Laura Tommasini

5 APPUNTI SULLA PARTITA

(By Nicola Bonazzi)

1. Le due torri

20 punti e dieci rimbalzi per M’Baye efficace in attacco e presente in difesa. Contrariamente ad altre partite dove in alcune fasi si era nascosto, ieri Amath ha distribuito il suo contributo in modo costante lungo la partita. 16 senza errori dal campo e 6 rimbalzi in poco più di 16 minuti per Brian Qvale, che si sta ritagliando intelligentemente un ruolo di altissima qualità in Coppa. Promitheias vince numericamente la battaglia a rimbalzo (44 a 40) ma la Virtus ne prende ben 10 in attacco (3 per Brian, 2 per Amath), con un eccellente OR% del 27% contro il 17% dei greci. 

 

2. La difesa sul Pick and Roll

Dal terzo quarto la Virtus aggiusta la difesa sul P&R con regole chiare (show forte sul 4 bloccante, chiusura dell’area sul 5 bloccante) e diverse dal primo tempo. Risultato: l’area viene protetta molto meglio e mentre tra primo e secondo quarto i greci fanno 14 canestri dal pitturato, segnano solo 7 volte dall’area fra secondo tempo ed overtime. Solo una gestione non felicissima negli ultimi minuti da parte della Virtus, qualche libero sbagliato in modo inusuale ed una enorme precisione dei greci da tre punti nell’ultimo quarto, dove segnano ben 6 volte, portano all’overtimeuna partita che la Virtus era riuscita a prendere in mano. 

 

3. I cambi del play

Tony Taylor commette due falli in meno di 10 secondi quando mancano 7 minuti alla fine del primo quarto. Disastro? No, perché Alessandro Pajola entra sul 5-8 ed esce quasi 10 minuti dopo sul 28-27, sostituito da Alessandro Cappelletti che conduce la squadra fino all’intervallo, a +6. Taylor può quindi rientrare nel terzo quarto dove gioca però solo 4 minuti prima di commettere il terzo fallo, lasciando il timone a Pajola sul +9. Ancora una volta Pajolaguida la squadra con sicurezza fino alla fine del quarto, che si chiude ancora sul +9. Tocca ad Alessandro Cappelletti iniziare l’ultimo quarto lasciando in mano la squadra a Taylor a 748dalla fine. Dei primi 32 minuti abbondanti il playmaker titolare della Virtus gioca solo 7 e la squadra è a +8. Tony può quindi giocare gli ultimi 8 minuti scarsi dell’ultimo quarto ed i 5 del supplementare senza andare in affanno e gestendo i problemi di falli. 

 

4. Le strane – e azzeccate – scelte di Pino

Ieri sera non c’era chi non si chiedesse “che fine ha fatto Kravic” e “perché Qvale non gioca l’ultimo quarto”. Per il centro slavo della Virtus si conferma un trand in diminuzione di minutaggi in Coppa dall’arrivo di Moreira, che viene probabilmente ritenuto più efficace a livello difensivo e che fa meno fatica contro giocatori di stazza come Ellis e soprattutto Parks, autore ieri di una gran partita (16+14 in 25 minuti). Nell’overtime  peròMoreira è decisivo con un canestro dal campo, due falli subiti (2/4 ai liberi) e la stoppata che di fatto chiude la partita. 

 

5. Reattività difensiva

Un ultimo dato molto significativo sono i punti su palla persa avversaria (22 per la Virtus) e in contropiede (20), sono record in questa stagione e aggiungendo le 18 palle perse di Patrasso, possiamo definire che l’attacco della Virtus è stato molto cinico ad approfittare degli errori della squadra greca.

Recap Virtus Bologna – Patrasso: primo posto nel girone e passaggio del turno!

Champions League
Tempo di lettura 1 minuto
143 letto

La Virtus dopo aver dominato per 34 minuti crolla, si fa raggiungere con 5 triple e vola ai supplementari; ma poi vince la gara riprendendo a difendere nel momento più delicato.

RISULTATO FINALE: vittoria per 98-91.

VIRTUS BOLOGNA
PATRASSO
98 PUNTEGGIO FINALE 91
25 PRIMO QUARTO 23
52 (27) SECONDO QUARTO 46 (23)
73 (21) TERZO QUARTO 64 (18)
84 (11) QUARTO QUARTO 84 (20)
98 (14) SUPPLEMENTARI 91 (7)
15 (00-00) MASSIMO VANTAGGIO 3 (00-00)
2 CAMBI VANTAGGIO 2
37:29 TEMPO IN VANTAGGIO 3:34
FATTORE X DELLA GARA: La stoppata di Moreira su Geromichalos nei supplementari per il possibile -1 greco.

IL TABELLINO

VIRTUS: Taylor 12, Punter 9, Aradori 16, M’Baye 20, Moreira 12, Pajola 4, Cappelletti 6, Martin 3, Baldi Rossi, Kravic NE, Berti NE, Qvale 16. All: Sacripanti

PATRASSO: Hall 3, Lypovyy, Gkikas 12, Tsairelis 10, Germichalos, Sandramanis, Saloustros 9, Katsivelis 17, Meier 15, Ellis, Parks 16, Mantzoukas 7. All: Giatras

STATISTICHE DEI SINGOLI

VIRTUS BOLOGNA
PATRASSO
20 M’baye PUNTI 17 Mantzoukas
10 M’baye RIMBALZI 14 Parks
6 Punter ASSIST 10 Hall
2 Moreira PALLE PERSE 2 Gkikas
2 cinque execuo PALLE RECUPERATE 2 Gkikas
2 Moreira STOPPATE 1 Ellis Lipovyy
27 M’baye VALUTAZIONE 28 Parks
21 Punter +/- 6 Mantzoukas

STATISTICHE DI GIOCO

VIRTUS BOLOGNA
PATRASSO
24/42 57,14% Tiri da 2 25/48 52,08%
9/30 30% Tiri da 3 24/11 45,83%
23/36 63,89% Tiri liberi 8/13 61,54%
10 Rimbalzi difensivi 8
31 Rimbalzi offensivi 36
41 Rimbalzi totali 44
21 Assist 24
8 Palle perse 14
12 Palle recuperate 4
6 Stoppate 2
16 Falli 26

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SACRIPANTI

interviste raccolte grazie bolognabasket.org

VOTA CON NOI!

Votate l'MVP di Virtus-Patrasso

View Results

Loading ... Loading ...

PROSSIMO IMPEGNO

La Virtus torna in campo tra tre giorni, sabato 9 febbraio, ore 20:30 a Cremona.

Pre partita Virtus Bologna – Patrasso: vincere per fermare la striscia negativa

Champions League
Tempo di lettura 2 minuti
103 letto

La Virtus scende in campo contro Patrasso e gioca l’ultima partita di stagione regolare per il gruppo D della Basketball Champions League, provando a riscattare le due sconfitte di fila contro Strasburgo e Besiktas.

GAME INFO

Quando: mercoledì 6 febbraio, ore 18:30

Dove: Paladozza, Bologna

TV: Eurosport Player, Rai Sport

Classifica: la Virtus è prima nel girone D e come abbiamo scritto in questo articolo, vincendo la partita può consolidare il primato oppure perdendo deve attendere il risultato del Besiktas oppure difendere la differenza canestri con Patrasso.

PROBABILI QUINTETTI

VIRTUS BOLOGNA PATRASSO
Tony Taylor Dimitrios Katsivelis
Kevin Punter Rion Brown
Pietro Aradori Christis Saloustros
Amath M’Baye Tony Meier
Yannick Moreira Octavius Ellis

INDISPONIBILI

VIRTUS: Cournooh

PATRASSO:nessuno

ANDAMENTO PATRASSO: la sconfitta contro i lituani di Klaipeda ha complicato il loro cammino in coppa con la possibilità addirittura di arrivare terzi al termine della stagione regolare (sono secondi) ma in campionato si sono riscattati subito vincendo contro PAOK Atene per ben 23 punti.

https://youtu.be/1BkUScDKLFE
eccovi il video dell’ultima gara del campionato

PRONOSTICO VNERA: Virtus 55% Patrasso 45%

VOTATE CON NOI!

Chi vince tra Virtus Bologna - Patrasso?

View Results

Loading ... Loading ...

5 APPUNTI SU PATRASSO

1. occhio agli anticipi

Patrasso e terza in coppa per palle recuperate (8.8 a partita), la Virtus non è tanto distante da questa (sesta a 8.3) ma la loro aggressività costringe ai propri avversari di perdere molti palloni, bisogna stare attenti!!

2.fermiamo i secondi possessi!

In generale Patrasso ha segnato moltissimo da rimbalzo offensivo sono infatti ottavi in tutta la lega per rimbalzi in attacco catturati circa 28,5 e questo è un dato molto importante da tener conto ai termini del risultato finale

3. Octavius “il precisino” Ellis

Soprannome non a caso per il centro greco, è infatti primo per Effettive Field Gold con il 74,4% in tutta la coppa, quindi massima allerta quando ha la palla perché è uno dei migliori tiratori complessivi di tutta la Basketball Champions League.

4.RiOn o RiOff Brown

La battuta del titolo è semplicemente perché è un giocatore ancora molto incostante ma quando accende e 13º per punti a gara con quasi 15 di media; nella partita d’andata non fu così costante ma dopo quella è letteralmente esploso in coppa.

5.Corrono e perdono possessi per strada

A differenza nostra che siamo una delle squadre più lente in tutta la coppa (30imi con 72,2 di pace) ma con una capacità offensiva di tutto rispetto (4rti con 116,7 di offensive rationg) Patrasso invece è una squadra molto dinamica molto veloce che genera molti possessi (18esima con 73,1 di pace) ma che perde anche molti palloni (noi terzultimi loro 19evesimi con 12,4 e 14,8% di To%).