Virtus – Pistoia: il post partita di Vnera

Tempo di lettura 4 minuti
159 letto

La Virtus perde in casa contro l’ultima in classifica Pistoia e si complica la rincorsa ai playoff.

GAME INFO

Risultato finale: sconfitta 67-78

ANDAMENTO DELL’INCONTRO: c’è Cappelletti per la prima volta in quintetto e dopo 6 minuti il punteggio è 3-11 con la Virtus che concede tantissimi rimbalzi e l’attacco a Pistoia; la V continua a non far canestro entrano Aradori e Baldi Rossi ma Mitchell con la tripla arrotonda a -11 dopo 10 minuti di gioco 11 a 22. La V nel secondo quarto rientra nervosa e se la prende con gli arbitri ma Krubally mette 2 triple inaspettate viste le medie in stagione e gli ospiti arrivano +17; si sveglia Bologna con M’Baye e Chalmers tornando a -7 (33 a 40) ma nuovamente Mitchell mette un’altra tripla allo scadere per il 33-45 all’intervallo. Nella ripresa Djordjevic si prende un fallo tecnico e si ritorna tutto ad un tratto -15 con ancora tanti secondi tiri concessi agli avversari (35-50) l’attacco non gira e Krubally rimane un bel problema, Taylor fa anche in tempo a sbagliare una schiacciata clamorosa e alla fine del terzo quarto il risultato è di 50-61; M’baye in attacco ci prova e arriva a -8 ma Mitchell inbeccato dal pubblico si esalta e con nove punti (in particolare 2 triple marcato da Cournooh) chiude quasi la contesa; il pubblico si arrabbia e contesta e dopo il gioco da tre punti di Mesicek a tre minuti dalla fine è già garbage time fino alle 67-78 conclusivo.

FATTORE X DELLA PARTITA: la schiacciata sbagliata di Tony Taylor e la differenza 38-47 nel conto dei rimbalzi totali a fine partita.

CLASSIFICA: si complica ancor di più la corsa playoff, la Virtus non può più sbagliare nelle prossime 5 gare.

PROSSIMA PARTITA: Virtus torna in campo domenica 14 aprile alle 20.45 al Paladozza contro Brindisi, per la ventiseiesima giornata di campionato.

LE PAROLE DEI PROTAGNISTI

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Rimbalzi concessi

Purtroppo tocca dire “l’avevamo detto” che una delle voci delicate avrebbe potuto essere quella dei rimbalzi, si, anche contro l’ultima del lotto. Pistoia, terzultima in stagione ma comunque davanti alla Virtus in questa voce statistica, è migliorata a rimbalzo con gli innesti di Crosariol ma anche di Mitchell. Krubally è uno dei migliori individualmente e, purtroppo, continua la tendenza dei 4 avversari a sembrare tutti Rasheed Wallace o Karl Malone, scegliete voi, contro i nostri pariruolo, evidentemente non esenti da colpe. Sul banco degli imputati in particolare M’Baye, autore di una prova sinceramente sconcertante e davvero di carta velina in difesa. Krubally ringrazia e piazza la miglior prestazione stagionale.

2. Difesa ragazzi dai

Qui non si sa da dove cominciare. 78 punti concessi al peggior attacco del campionato. Percentuali – tutte – concesse sia da 2 che da 3 punti sopra alla media stagionale. Sotto canestro, però, la difesa è arrivata a livelli di indecenza ancora non visti. Riportiamo qui solo le statistiche di Krubally, non importa ricordare chi difendeva su di lui perché lo abbiamo visto tutti. 9/10 da 2, 2/2 da 3, 6 tiri liberi (tutti a bersaglio, ma su quelli almeno non si difende). 16 rimbalzi di cui 5 offensivi, solo 1 palla persa, una. 1 fallo fatto, tra l’altro, uno. Se si aggiunge il 6/8 di Auda con 7 rimbalzi (e ci ha graziato con uno 0/4 ai liberi) credo che siano inutili ulteriori commenti.

3. Atteggiamento da rivedere

La Virtus è apparsa molle, priva di energia, di convinzione, di interesse quasi a recuperare la partita. Anche qui si fatica a trovare parole per commentare. Si tratta di una squadra che ha nel suo DNA la discontinuità. Più che un coach servirebbe un analista o un motivatore, chissà. Il primo, sicuramente sarebbe utile a chi era al Paladozza mercoledì e domenica. Non siete bipolari ragazzi, non avete le allucinazioni, è solo che quest’anno va così.

4. Fermi contro la zona

Tatticamente, si è tornati alla peggior versione della Virtus di Sacripanti. Attacco fermo, isolamenti, poca capacità di lettura (altra caratteristica ahimè sempre più riscontrabile in questa squadra), tendenza a giocare da soli alla prima difficoltà. La zona a fronte pari non è quasi mai stata attaccata a centro area, né a fronte delle scarse percentuali la Virtus è stata capace di sfruttare il vantaggio a rimbalzo che la zona concede sempre agli attacchi, a patto di andare con aggressività a rimbalzo offensivo. Di tutto questo, poco e nulla.

5. Virus intestinale: alibi o scusa?

La condizione anche fisica della squadra è sembrata a più riprese precaria. Chalmers stenta (eufemismo) a trovare una forma accettabile. Da M’Baye e Moreira, contro lunghi che cedono loro quasi 10 centimetri, ci si aspetta una prova di fisico ed atletismo certamente diversa. Taylor è parso l’ombra del giocatore decisivo di mercoledì sera. Ci auguriamo che con il virus intestinale passino anche gli alibi. Questa squadra ha ancora da giocare 7 partite sicure. Vincerne 4 o vincerne 6 (figuriamoci 7) cambierebbe radicalmente il giudizio su questa stagione.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *