VNera Risponde – seconda puntata

Tempo di lettura 2 minuti
370 letto

Nomi ne sono usciti tanti, così di voci.

Noi però di VNera non vogliamo raccontarvi ogni singola news ma approfondire le perplessità o problemi che abbiamo notato in queste 14 (ultima giornata d’andata sabato) giornate di Serie A.

Lo facciamo con dei punti come già abbiamo fatto con i recap o approfondimenti.

Sarà una specie di VNera Risponde seconda puntata ma le domande le facciamo noi!

VNERA prima Domanda:

Quanti tesseramenti può fare la Virtus da qua a fine stagione?

Sei.

LaFayette è croato, Umeh è cotonou (nigeriano) gli unici due sono Lawson e Slaughter, quindi ne rimangono tanti a disposizione. Ma ne ha così tanto senso stravolgere l’intera squadra?

VNERA seconda Domanda:

Cosa manca tatticamente secondo voi a questa squadra? Un play?

Rispondo io Dawe.

Per me in questa squadra bisogna capire inizialmente in che ruolo deve giocare Alessandro Gentile.

È il dubbio più grande, più del manca il play, manca il centro ecc.

È tatticamente il nostro giocatore più importante, ma non si è ancora capito in quale posizione renda di più.

Nei quintetti base parte inizialmente in posizione di ala piccola per poi vederlo trasformato a partita in corso.

Quando abbiamo vinto, il nostro numero zero ha finito la partita giocando in posizione stabile da 4 con suo fratello da play, LaFayette da guardia, Aradori da ala piccola e Slaughter da centro.

VNERA terza Domanda: com’è possibile che la VNera trovi così tanta difficoltà nella difesa a zona?

Bella domanda.

Credo che la Virtus abbia grandi individualità offensive, ma purtroppo non è ancora riuscita a trovare un armonia di gioco con due giocatori molto simili come Aradori e Gentile.

Per attaccare entrambi hanno bisogno di spazio ma togliendo questa possibilità con la zona si riducono le capacità per essere efficaci nonostante il grande movimento senza palla del quintetto in campo.

VNERA quarta Domanda: non è più semplice risolvere i problemi spostando lafayette in guardia, prendendo un play serio?

Il play aiuterebbe, ma non è la panacea di tutti i mali secondo me, perché la Virtus non perde solo quando non gioca Stefano Gentile.

Inoltre LaFayette ha giocato molti finali di partita proprio da guardia ma la Virtus non ha vinto così tanto.

È più complicato di quanto si pensi perché non è solamente una questione tecnica, ma fondamentalmente tattica.

VNERA quinta Domanda: era arrivata la voce di un interessamento di Julian Wright per la Virtus? Può servire questo giocatore?

Per me no. Gioca negli stessi spazi di Gentile e vuole gli stessi tiri, può essere una soluzione solo se non gioca con Alessandro e non mi sembra una buona mossa prendere un giocatore da 10 minuti per poi dove farlo giocare vista l’abbondanza in quella posizione con Ndoja, Lawson e Baldi Rossi?

Chiariti? Confusi ancora di più? Noi di VNera abbiamo provato a risponderci, ma ricordo che l’appuntamento ritornerà la prossima settimana sempre al venerdì!

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *