Leonessa Brescia-Virtus Bologna: il prepartita di VNera

Tempo di lettura 3 minuti
355 letto

Dopo la prima sconfitta stagionale la Virtus è attase da un difficile test per provare da subito a rimettersi in marcia.

Si va sul campo della Germani Brescia, che è reduce da una settimana molto negativa.

GAME INFO

Quando: sabato 26 ottobre 2019 ore 20:30

Dove: Pala Leonessa, Brescia

TV: Eurosport Player

RADIO: Radio Bologna Uno

PROBABILI QUINTETTI

BRESCIAVIRTUS
Luca VitaliStefan Markovic
DeAndre LansdowneFrank Gaines
David MossKyle Weems
Ken HortonGiampaolo Ricci
Tyler CainJulian Gamble

COME STA BRESCIA: la situazione in casa bresciana non è delle migliori. Gli uomini di Esposito sono reduci da due sconfitte parecchio dolorose, anche se estremamente diverse tra loro. Nell’ultimo turno di campionato hanno perso in volata a Trieste, mentre mercoledì in Eurocup hanno riscritto ogni record negativo della competizione, cedendo il passo, tra le mura amiche, al Darussafaka con l’imbarazzante punteggio di 35-61. Attualmente hanno tre vittorie in cinque partite in campionato e record pari (2-2) in Coppa.

Gli highlights del tonfo casalinga col Darussafaka

VOTATE CON NOI!

Chi vincerà sabato?

View Results

Loading ... Loading ...

5 SPUNTI SULLA PARTITA

1. Come reagiranno mentalmente?

La prima domanda da farsi è questa. Brescia arriva da una partita surreale. Nella gara col Darussafaka ci sono stati momenti in cui davvero i bianco blu sembrava non potessero segnare mai. 35 punti segnati con 12/61 al tiro e un eloquente -1 di valutazione complessiva di squadra. Chiaro che una partita del genere lasci il segno, sebbene non vada certo utilizzata come metro di giudizio della squadra che, anzi, è davvero di valore. Ma certo, con una proprietà, per di più, che non è certo restia a mettere benzina sul fuoco, la condizione psicologica dei lombardi sarà la prima cosa da testare.

2. Il pick & roll è la fonte dell’attacco

Come sempre in una squadra con Luca Vitali al comando delle operazioni, il pick & roll è il gioco da dove tutto parte in attacco. Passano gli anni ma l’ex virtussino resta maestro nell’esecuzione di questo particolare. E la Germani da qui trae molto dell’attacco che la porta ad avere, in campionato, un ottimo offensive rating di 113,8. Brava la dirigenza a mettergli attorno almeno un paio di giocatori molto funzionali: Tyler Cain, bloccante di primissimo livello, e Ken Horton, quattro perimetrale, di qualità ed esperienza, che sui passaggi al bacio di Vitali segna con continuità da dietro l’arco (36% in stagione, 43% in campionato).

3. Se segna Lansdwone Brescia vince

Un altro dei nuovi arrivi, per una squadra che, comunque, ha cambiato relativamente poco dall’anno passato, è DeAndre Lansdowne, guardia dal tiro mortifero. Il suo andamento finora ha avuto un impatto decisivo sugli esiti delle gare della Germani. Nelle vittorie, infatti, sta girando a oltre quindici punti di media, che diventano sette nelle sconfitte. Atleta intelligente, studioso del gioco. Sa muoversi sui blocchi ala grande e se esce con spazio è una sentenza. La Virtus dovrà fare il possibile per tenerlo fuori ritmo.

Ascolta “VNera Pod – Puntata 30” su Spreaker.

Abbiamo parlato della gara anche nel nostro ultimo podcast

4. Moss è sempre il loro mastino

36 anni e non sentirli. David Moss continua ad essere una delle certezze di Brescia. L’uomo incaricato delle missioni speciali difensive è sempre lui. Il suo defensive rating stagionale è di un filo sopra quota 100 (100.8, per la precisione), rilievo di assoluto valore. Contro Trieste è stato usato tanto su Cavaliero e Fernandez, pertanto, considerate anche le difficoltà difensive di Vitali, non è difficile immaginarlo sulle tracce, a turno, di Markovic e Teodosic per provare a portarli fuori dalla gara.

Le parole di Sasha Djordjevic a presentazione della gara

5. La crescita di Tommaso Laquintana

Continuano i progressi di Tommy Laquintana, che già l’anno scorso, nella gara di ritorno, fece molto male alla Virtus. Partendo alle spalle di Luca Vitali, e ora anche con l’aiuto di Angelo Warner arrivato a sostituire Bronson Koenig, il 24enne pugliese si sta ritagliando sempre più minuti. Spesso condivide il campo con Vitali o Warner ed è sempre più una minaccia dal pick & roll, su cui ha una buona capacità di conquistarsi spazio in area per il tiro in corsa. In più, il suo tiro da fuori, abbastanza strano a vedersi, sta entrando con buona continuità: 43% complessivo, anche se è al 53% in campionato e sotto il 30 in Eurocup.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *