VNera Numbers: i team record stagionali e di sempre dopo 17 gare

Tempo di lettura < 1 minuto
352 letto

Ieri abbiamo parlato di record personali, oggi invece parliamo di quelli di squadra fin qua realizzati e magari i prossimi ad esser superati, dopo 17 partite.

In campionato il record di punti sono i 94 contro Pesaro la seconda giornata, mentre in Eurocup sono i 96 punti contro Maccabi Rishon Lezion
dell’andata al Paladozza ad un passo dai 98 realizzati nel 2003 contro Bonn.

Contro Varese la Segafredo ha messo a segno 10 triple, mentre il record sono le 16 bombe messe sempre contro i Rishon in casa.

Parliamo di liberi segnati in lunetta, 22 contro Ulm in casa
con la Virtus che si è nuovamente riavvicinata al record in Eurocup di 23 liberi realizzati contro Badalona nel 2003.
In campionato sono 20 contro Treviso all’esordio al PalaFiera.

La Virtus contro Patrasso nonostante la sconfitta ha fatto registrare il record di squadra in Eurocup con 49 rimbalzi catturati.
Sono 54 sempre contro Pesaro in campionato, 4 in meno del record contro la Vanoli Braga Cremona del 2010 (58).

Parliamo di Assist 25 contro Reggio Emilia in Legabasket è record di sempre, così come 26 contro Ulm in trasferta in Eurocup, a sottolineare quanto è stato fatto finora d’importante dalla Virtus.

6 le stoppate record alltime in coppa contro Andorra all’andata, 5 contro Pesaro ma lontani dal primato di tutti i tempi.

La Virtus contro Treviso ha rubato 13 palloni come suo massimo stagionale, mentre 14 in trasferta contro il Maccabi Rishon Lezion

Infine sono 20 le palle perse
purtroppo nelle ultime due partite d’Eurocup

e 19 sempre contro Pesaro molto presente come statitistiche complessive a partita

Una virtus che sta continuando a lavorare, con tutti a pieno regime in preparazione della sfida al Palafiera contro Cantù di domenica 1 dicembre.

VNera Numbers: i record personali dopo 17 partite

Tempo di lettura < 1 minuto
271 letto

La Virtus al momento si sta allenando e sta cercando le giuste alchimie e trovando le forze per il proseguo della stagione dopo la vitale pausa.

Noi di VNera quindi parliamo di record, fin qua realizzati e magari i prossimi traguardi ad esser superati.

I 25 punti di Teodosic contro Brescia sono al momento il tabellino personale più ricco, classifica comandata quasi solo da lui,a ribadire la dipendenza virtus al giocatore con il 44.

Julian Gamble con i suoi 12 rimbalzi contro Trieste guida il primato dei rimbalzi a partita.

I 14 assist sono record all time in casa bianconera e l’ha superato due volte: Markovic contro Pistoia il 29 settembre si è preso questo primato ed è suo anche il secondo con 12 contro Roma la prima giornata di campionato.

Vince Hunter contro Pesaro ha stoppato meglio di tutti in una partita 4 volte, Julian Gamble contro Ulm in trasferta si è avvicinato a 3.

5 sono al momento le palle recuperate a gara ed è stato Stefan Markovic contro il Maccabi Rishon ad ottenerle.   

Così 7 palloni persi da Teodosic sempre in quella gara in trasferta rappresentano il record negativo stagionale.  

La Virtus ha avuto fin’ora ben 5 doppie doppie:  

1 di punti e assist con Markovic contro Pistoia (10 punti e 14 assist).

4 di punti e rimbalzi con:

Weems (19pt 10 rimbalzi contro Roma),

Hunter (10pt 11 rimbalzi contro Brescia),

Gamble (17pt 12 rimbalzi contro Trieste)

e Ricci (11pt e 10 rimbalzi contro Maccabi Lezion in trasferta).

VNera Numbers: rimonte, svantaggi, clutch time

Tempo di lettura 2 minuti
449 letto

È difficile analizzare i numeri dopo nove giornate di campionato senza sconfitte e primo posto in solitaria.

È difficile trovare aspetti negativi (nonostante l’ultima partitad’Eurocup) dopo quindici vittorie su diciassette.

Se l’ultima gara di coppa è stata persa, l’ultima di campionato invece è stata vinta con il solito Milos Teodosic ma con l’ennesima

rimonta.

La Virtus in campionato ha avuto un massimo svantaggio di

13 punti

contro la Reyer Venezia e appunto contro Alma Trieste.

In Eurocup il -14 è stato lo svantaggio più complesso non rimontato fin qua: contro il Morabanc Andorra in Eurocup (-13 invece l’altra sconfitta contro Patrasso).

La cifra più alta da recuperare in stagione invece sono stati i

17 punti

in trasferta contro il Maccabi Rishon in Coppa.

5 volte

è stato toccato lo svantaggio più di dieci punti:

-Monaco -11,
-Ulm in trasferta – 11
-Rishon in trasferta -17
-Andorra in casa -11
-Andorra in trasferta -14

6 volte

ha dovuto recuperare scarti sotto la doppia cifra:

-Roma -5,
-Ulm in casa -7,
-Rishon in casa -3,
-Varese -4,
-Brescia -5,
-Treviso -7

molte volte complice delle partenze un po’ a rilento:

-Ulm in casa,
-Andorra in casa,
-Reyer in casa
-Andorra in trasferta

Il suo massimo vantaggio fin qua in stagione è avvenuto contro Pesaro la quarta giornata ed è stato un

+26

Ora parliamo di “quarti regalati” la Virtus su 61 quarti fin qua disputati:

ne ha persi 18

e di questi solo 5 ha avuto svantaggi considerevoli:

-terzo quarto di Patrasso,
-primo quarto Andorra in casa,
-primo quarto contro Venezia,
-terzo quarto fuori a Rishon,
-terzo quarto contro Ulm

Aver Milos Teodosic aiuta ed infine parliamo di quante volte nei momenti più caldi e importanti e conclusivi della partita (Clutch Time) ha influito:

5 su 6 momenti

l’esterno di Valjevo ha segnato o deciso per la Virtus in questa stagione.

-Varese in casa

-Brescia in casa

-Monaco in casa

-Treviso in casa

-Trieste in trasferta

-Tranquilli ho detto cinque perché il sesto è di Kyle Weems com’è successo contro Ulm in casa ma Teodosic era in campo eccome!!!

La stagione è lunga ma senza dubbio queste diciassette partite sono state esaltanti in questo inizio di stagione.

Quali record potrebbero essere battuti nel 2019/20?

Tempo di lettura 3 minuti
293 letto

Con il campionato che inizia stasera e la squadra completamente cambiata, speriamo di agguantare i playoff e di migliorare i record di ogni singole statistiche della scorsa stagione.

PUNTI

Chi ha segnato più punti in campionato la scorsa stagione è stato Kevin Punter con i suoi 36 punti nella sciagurata partita contro Cantù del 11 marzo.

TRIPLE SEGNATE

È sempre Kevin Punter a detenere questo record: sono 6 triple realizzate e l’avversario è sempre stato lo stesso la Dolomiti Energia Trento il 30 dicembre 2018 e 28 aprile 2019.

ASSIST

Sono 11 il massimo di assistenze raggiunta in una gara da Tony Taylor nella partita contro Cantù dell’11 novembre 2018.

PALLE RECUPERATE

C’è sempre Kevin Punter come un leader dei record nelle singole statistiche dello scorso anno della Virtus; a questo giro sono ben 4 i palloni recuperati in due partite di campionato.

RIMBALZI

Yannick Moreira con i suoi 13 rimbalzi contro i campioni d’Italia di Venezia il 2 marzo, è stato il giocatore che ha catturato più palloni in una partita della stagione 2018/19.

VALUTAZIONE

38 di valutazione sempre Kevin Punter e sempre nella sconfitta contro Cantù del 10 marzo, incredibile eh?

STOPPATE

Sono 4 le stoppate date da Dejan Kravic contro Pesaro il 25 novembre 2018 ancora in una partita persa male prima della sosta natalizia.

PALLE PERSE

Sono 5 con Aradori e Taylor protagonisti, ecco speriamo di non vederne di più rispetto a queste commesse e fatte dall’ex capitano sempre contro Cantù il 10 marzo, anche perché Tony Taylor nelle tre volte che le ha perse, la V non ha mai vinto.

Eccovi i record nelle singole statistiche della scorsa stagione, secondo voi quali sono i record più battibili nel prossimo campionato?

Le statistiche di Pistoia-Virtus: muscoli e difesa per restare in corsa playoff

virtus
Tempo di lettura 3 minuti
485 letto

Quindicesima vittoria stagionale per la Virtus, che supera una squadra ormai priva di stimoli come Pistoia, da una settimana salva e che ha dato l’impressione di stare attendendo soprattutto la fine della stagione.

I bianconeri, comunque, hanno fatto la loro gara in maniera diligente, eseguendo bene il piano partita, così come anche le statistiche dimostrano.

Rating difensivi e offensivi dalla trasferta di Pistoia

LA DIFESA VINCE LE PARTITE

Terza miglior prestazione stagionale per la Virtus a livello di rating difensivo: 86.7, con dati migliori solo nelle vittorie casalinghe con Pesaro e Capo d’Orlando. Di fatto è stata la miglior partita esterna in quanto a difesa. Pajola, Lafayette, Slaughter, insieme a un eccellente Pietro Aradori nelle propria metà campo (i quattro migliori per rating difensivo, 81.4 Slaughter) hanno dato lo slancio alla squadra e, soprattutto, stretto le maglie difensive quando l’attacco ha cominciato un po’ a battere in testa nel finale. Evitando un altro collasso nell’ultimo quarto.

Venti quintetti utilizzati da Alessandro Ramagli, che comincia a prendere le misure al roster con Wilson.

POCHI POSSESSI MA BEN SFRUTTATI

Con le rotazioni ancora menomate, un Wilson da inserire e una partita in trasferta assolutamente da non perdere, la Virtus ha scelto, intelligentemente di gestire al ribasso i ritmi. 70 possessi giocati, sotto quel limite ideale che già avevamo visto in passato e che, quando non viene oltrepassato, ha permesso alla squadra di vincere nove partite su tredici. La trasferta toscana non ha fatto eccezione.

PAZIENZA ALLA RICERCA DEL MIGLIOR TIRO DA DUE PUNTI

Il controllo del ritmo la Virtus lo ha esercitato soprattutto in attacco, dove ha appoggiato tantissimo la sfera vicino a canestro. E quando non ci è riuscita ha mosso la palla senza fretta fino al 24esimo secondo. Senza buttarsi in soluzioni affrettate da dietro l’arco (vedere il video qua sotto). Solo 20 tiri sui 63 totali sono stati presi da tre punti. Considerati anche i 19 liberi tentati equivale al 24.2% sul totale delle conclusioni, il terzo dato più basso del proprio campionato per quanto riguarda le singole partite. E quando si è andati alla conclusione pesante la mira non è stata malvagia: 7/20, pari al 35% di realizzazione.

UNA OTTIMA PRESTAZIONE A RIMBALZO, CONTRO UN AVVERSARIO NON SEMPLICE

Pistoia arrivava alla gara come una delle migliori squadre a rimbalzo di tutto il campionato. Ma la Virtus, pur con qualche sofferenza a rimbalzo difensivo, non ha sfigurato. Anzi. Vinta la battaglia a rimbalzo (conquistati il 52% dei rimbalzi disponibili), molto ha contributo il gran lavoro fatto sotto il tabellone avversario. 13 rimbalzi offensivi, 33% di quelli disponibili catturati (sarebbe il miglior rilievo di tutto il campionato). Slaughter ha fatto la voce grossa, ma ha ricevuto una mano sostanziosa anche da Lawson (quattro rimbalzi in 11′) e dalla batteria di esterni: 21 rimbalzi complessivi tra Stefano Gentile, Oliver Lafayette, Alessandro Pajola e Pietro Aradori (sei a testa per gli ultimi due).

BENTORNATO OLIVER!

Dopo un periodo veramente nerissimo (6,8 punti col 28% al tiro nelle ultime cinque partite), al Pala Carrara siamo tornati a vedere l’Oliver Lafayette che vorremmo sempre in campo. Non solo mastino in difesa, ma anche preciso in attacco, sia quando c’è stato da ragionare che quando c’è stato da correre. E da segnare: 15 punti, con quattro triple di cui l’ultima per chiudere definitivamente i conti. Anche cinque rimbalzi e cinque assist. TI VOGLIAMO COSI’!