Champions League, le avversarie della Virtus: Olimpia Lubiana

Tempo di lettura 2 minuti
832 letto

Seconda presentazione delle avversarie di Champions League della Virtus. Oggi è il turno dell’Olimpia Lubiana, che riceverà i bianconeri per la terza giornata il 24 ottobre.

LA SQUADRA

Il nome Olimpia Lubiana stimola tanti ricordi e muove la nostalgia. Le battaglie in Eurolega dei tempi belli, in particolare il combattutissimo quarto di finale del 2001, con un 2-0 Virtus arrivato dopo una vittoria ai supplementari in gara uno per un punto e per due punti in Slovenia. Sarà dunque interessante ritrovare da avversari gli uomini di Zoran Martic, che nel frattempo hanno, a loro volta, perso un po’ di lustro internazionale, tornando, anche in patria, ad essere la squadra di riferimento solo da un paio di anni, dopo che il titolo nazionale mancava da sette lunghe stagioni, in cui il KRKA Novo Mesto si era imposto con frequenza.

GLI ESTERNI

Come da tradizione, la squadra slovena è a trazione spiccatamente locale. Il back court titolare è composto da Jan Span in playmaker, Aleksandar Lazic in guardia e dall’ex Brindisi, rientrato dal prestito, Blaz Mesicek in ala. Barbaric e Lapornik cambiano gli esterni, mentre il giovanissimo ucraino Iussuf Sanon, scelto al secondo giro dell’ultimo draft NBA da Washington, cambia Span. A roster c’è anche Jalek Felton, 20enne guardia americana, sospeso lo scorso anno dall’Università di North Carolina nella sua stagione da freshman, di cui andrà valutato l’impatto. Mesicek si pone come potenziale minaccia numero uno, tornato molto migliorato dall’esperienza italiana. Sanon, con la sua esplosività andrà tenuto d’occhio.

I LUNGHI

Il centro titolare è Marvin Jones, lungo (213 centimetri) e smilzo (100 chili scarsi), che l’anno scorso ha esordito in Europa con la maglia del Kolossos Rodi in Grecia. Rapido e atletico. Può essere un problema da contenere sui pick & roll e a rimbalzo, ma in difesa è parecchio ballerino. Il suo cambio risponde al nome, conosciuto da queste parti, di Mirza Begic. A fianco a loro Drazen Bubnic e, soprattutto, Luka Samanic. Ala forte croata 18 enne, già di proprietà del Barcellona che lo ha girato in prestito all’Olimpia. Giocatore da ammirare per tutto il tempo che passerà in campo. 2.08 per 95 chili, atletico, capace di segnare in svariati modi, già con buoni istinti difensivi. E’ uno dei prospetti più interessanti d’Europa.

CHI TENERE D’OCCHIO

Tra gli esterni di sicuro Blaz Mesicek ha il potenziale per fare male, sia in penetrazione che al tiro. Jones-Begic è una coppia con centimetri e esplosività (quella di Jones). Ma ricordatevi di non perdervi un singolo movimento del numero 9, Luka Samanic. Un ragazzino di cui risentiremo parlare.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *