Consigli per gli acquisti: chi è Alessandro Dalla Salda

Tempo di lettura 3 minuti
814 letto

La Virtus ha un nuovo amministratore delegato, strano che un sito come VNera vi parli di un membro di un CDA ma Alessandro Dalla Salda non è un semplice uomo di conti.

Il suo arrivo ha colmato un vuoto a livello comunicativo prendendo un uomo di campo e con ben 21 anni d’esperienza, interrompendo quei fastidiosi silenzi che purtroppo ci sono stati durante la scorsa stagione.

Durante la tanto chiacchierata e voluta conferenza stampa del 12 dicembre, l’ex AD ma braccio destro della Segafredo Zanetti, Luca Baraldi aveva dichiarato verso la fine, di essere all’assoluta ricerca di un profilo comunicativo e dirigenziale per il futuro e lasciatemelo dire, abbiamo preso uno dei top in circolazione.

Reggiano di nascita Dalla Salda è stato giornalista dal 1991 al 1997 prima di entrare nella Pallacanestro Reggiana come resposabile relazioni esterne e ufficio stampa poi dal 2002 come direttore sportivo e 2006 amministratore delegato.

Nei suoi 21 lunghi anni nella sua città natale Dalla Salda ha sicuramente messo la Pallacanestro Reggiana nelle cartine d’Italia in quanto crescita, lancio ed eccellenza del settore giovanile, anche grazie all’ottimo esperimento Correggio: ovvero una società satellite in C divenuta serbatoio e vetrina importante per l’Under19 PR.

Gianluca Basile, Nicolò Melli, Angelo Gigli e Riccardo Cervi i più importanti ma anche Federico Mussini, Giovanni Pini, Luca Campani e Andrea Ancellotti sono gli esempi di quanti campioni e professionisti italiani sono usciti da Reggio Emilia ma non solo azzurri come Ojars Silins, Arturs Strautins.

Non solo però a livello giovanile il nostro nuovo AD è riuscito a portare anche importanti imprenditori in una piccola realtà cittadina, come Stefano Landi ( da semplice sponsorizzazione settore giovanile a presidente) o sponsor come la banca Bibop-Carire o la Trenkwalder (i primi a farlo nel basket a portare agenzie interinali come main sponsor) fino all’arrivo della Grissin Bon.

Alessandro Caraffi giornalista di Basket Time Reggio e Teletricolore, lo descrive come “un gran lavoratore primo ad arrivare in ufficio sempre alla mattina, molto attento alle parole e alle cose da dire” la forza infatti della Reggiana è stata la sua essenza di società molto compatta e con pochissimi casi da copertina.

“Con i media è molto sereno ma a cui piace la professionalità. Non nega una parola a nessuno dei media. Mai ingerenze su quanto vuoi o puoi scrivere, anzi ti suggerisce alcuni temi (è pur sempre un giornalista).”

“Un perfezionista che ha un suo metodo molto preciso di lavoro e che ha bisogno di sentire partecipazione attorno a se”, infatti il nuovo AD non sarà il solo a salvaguardare e dirigere la Virtus del futuro.

Dalla Salda nei suoi anni a Reggio dopo tante comparse in A2 e poche in Serie A, con l’aiuto di Alessandro Frosini in veste da direttore sportivo, raggiungerà i migliori traguardi della sua carriera (salvato anche da un canestro di Antonio Porta dallo spauracchio della Lega Dilettanti in Legadue nella stagione 2010).

Da quel giorno il suo modo di lavorare e concepire lo sport cambia, entrando in simbiosi con il suo ds ed ex bianconero, pensando e pianificando senza farsi prendere dall’euforia e dal disfattismo delle stagioni concluse, ma pianificando passo dopo passo la crescita di una piccola società sportiva come la Reggiana arrivando pian piano a risultati storici: due incredibili finali scudetto consecutive tra 2015 e 2016 e una semifinale di Eurocup nel 2018.

Purtroppo per lui le finali scudetto saranno perse ma personalmente ha vinto il premio di dirigente dell’anno Legabasket stagione 2012-2013, premio miglior Dirigente Fip 2013-2014, e ha vinto premio Reverberi febbraio 2016, personaggio dell’anno 2014-2015.

Benvenuto Alessandro da parte di VNera e speriamo di condividere e arricchire insieme il tuo palmares da dirigente.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *