Coppa Italia, Virtus-Milano: il post partita di VNera

Tempo di lettura 4 minuti
391 letto

Capolavoro Virtus, che elimina ai quarti di finale delle Final Eight di Coppa Italia la favoritissima Olimpia Milano giocando una partita a tratti perfetta, attacco e difesa. Avanti fino al +13 le VNere tremano nel finale pur avanti di 5 a 3″ dal termine. Ma l’instant replay è salvifico.

GAME INFO

RISULTATO FINALE: Vittoria per 86-84.

ANDAMENTO PARTITA: L’avvio di partita sembrava non far presagire a una serata da leoni, soprattutto per la vena realizzativa di James Nunnally, subito caldissimo. Milano avanti fino al +8. Ma da quel momento si iniziava a capire che sarebbe stata una gara particolare. Meneghini senza Tarczewski e Gudaitis, oltre a Nedovic e Bertans. Affidati nel pitturato a un quasi impresentabile Omic. E Virtus, quindi, a far la partita sotto i ferri con un grande Moreira, chiudendo, al contempo, ogni pertugio in area dall’altra parte del campo. Guardia spietata del duo Cournooh-Taylor montata su Mike James, totalmente fuori partita. Parziale nel secondo quarto e gara ribaltata all’intervallo, proprio con una tripla dell’ex Cantù (41-36). Al rientro in campo fantasmi in vista per Milano incapace di trovare la via facile al canestro, con James a sparacchiare. Solo Nunnally abile a produrre qualcosa in attacco e biancorossi a fatica in partita grazie ai rimbalzi in attacco. 63-54 Virtus al 30esimo e massimo vantaggio di lì a poco sul 74-61, con M’Baye e Taylor sugli scudi. Il tap in di Martin per il +8 a 30″ dal termine pareva chiudere i conti, ma Milano dava un ultimo colpo di coda: due triple di Jerrels per il -2 a 1″ dal termine. Errore di Martin sulla rimessa, intercetto di Brooks e pazzesco fadeaway da sei metri. Ma fuori tempo massimo. Dopo un lungo conciliabolo gli arbitri annullavano. Game, set, match Virtus.

Il momento in cui abbiamo perso qualche anno di vita

FATTORE X DELLA PARTITA: la prestazione totale di David Cournooh. 27′ da mastino in campo. Su James, su Nunnally, su Micov. In generale su chiunque gli si sia parato davanti. +17 di plus/minus dando solido contributo offensivo anche (9 punti e 4 rimbalzi con 3/6 dal campo).

via GIPHY

PROSSIMA PARTITA: si torna in campo domani alle 18 contro Cremona per la prima delle due semifinali.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

David Cournooh e Pietro Aradori a fine partita

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. La difesa all’improvviso

La Virtus ha vinto la partita prima di tutto in difesa. Proprio laddove era andata a fondo pesantemente a Cremona non più tardi di cinque giorni prima. Pressione sulla palla, concentrazione, rotazioni di squadra col giusto timing. Il vantaggio in termini di centimetri, per via delle assenze di Milano, è stato concretizzato nella propria metà campo, dove l’Armani ha fatto una fatica tremenda a trovare canestri facili, alla lunga dovendo affidarsi alle invenzione di Nunnally e Micov. Decisivi i quarti centrali: 46-32 il parziale, con 136 di rating offensivo e 87 difensivo, tenendo, in quel lasso di tempo, gli avversari al 37% (10/27) da due punti, quando in campionato viaggiano ben oltre il 58%. Alla fine concesso 108.8 di offensive rating all’Olimpia, che in campionato viaggia a 122.

2. M’Baye con la partita dell’ex

Al terzo tentativo Amath M’Baye è riuscito a farsi rimpiangere almeno un po’ dai suoi ex tifosi. Partita tutta sostanza per il francese, che specie nei quarti centrali, quelli decisivi, ha fatto vedere il meglio, con un paio di highlights davvero da urlo. In mezzo i suoi canestri attaccando dalla media distanza, rimbalzi, intimidazione difensiva. Insomma, l’Amath che sempre vorremmo in campo.

3. Tutta l’esperienza di Pino Sacripanti

Stefano Sacripanti è, tra gli allenatori in attività, quello con più presenze alle Finali di Coppa Italia. Dal 2000 a oggi questa è la sua dodicesima partecipazione. Un’esperienza decisiva, che ieri si è vista tutta nella conduzione di gara. Dalla scelta a inizio partita di lasciare Aradori in panchina per cercare di mettere da subito un freno a Mike James con David Cournooh. A un paio di uscite dai time out gestite ottimamente. Alla bravura nello sfruttare sistematicamente i vantaggi vicino a canestro. La squadra in campo ci ha messo molto del suo, ma la partita è stata preparata alla perfezione.

4. Tony Taylor e il conto in sospeso con Milano

Che Tony Taylor sia un giocatore amante delle sfide difficili lo sapevamo. Ma le sue prestazioni contro una squadra del calibro dell’Olimpia Milano non possono lasciare indifferenti. Dopo i 23 punti di ieri, nelle tre partite fin qua disputate contro i biancorossi l’ex Banvit gira a 19 punti e 4 assist di media, col 56% dal campo in 30′. Un segnale abbastanza inequivocabile di come il numero sette sia un giocatore su cui fare serie riflessioni in ottica futura.

5. Una sofferenza a rimbalzo motivata

La Virtus ha sofferto parecchio a rimbalzo: 18 rimbalzi offensivi concessi, 39% di offensive rebound percentage per l’Olimpia. Numeri pesanti ma con dietro una motivazione abbastanza precisa. Molti dei rimbalzi offensivi milanesi sono stati frutto degli sforzi extra fatti dalla Virtus per impedire tiri facili. Laddove un uomo riusciva a battere il suo difensore sul perimetro, l’aiuto sotto canestro è sempre arrivato puntuale. Si è sempre cercato di mandare un uomo extra a contestare il tiro in ogni situazione, obbligando Milano a dover contare su percentuali al tiro da fuori che non l’hanno premiata. Certo, in questo modo sbilanciando la squadra a rimbalzo, dove Brooks in particolare è stato molto bravo a conquistare palloni.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *