Duetti Virtus: l’analisi delle migliori coppie dei bianconeri

Tempo di lettura 4 minuti
337 letto

Proseguiamo con l’analisi dei quintetti e dei giocatori schierati in campo dalla Virtus in questo campionato, iniziata sabato scorso. Quest’oggi ci concentriamo sulle coppie di giocatori, andando a guardare nel dettaglio cosa ci dicono i numeri riguardo la permanenza in campo contemporanea o meno di due giocatori.

[Avendo come base dati solo i play-by-play presenti su Legabasket.it segnaliamo come manchino i dati relativi alla prima di campionato a Trento e all’ultimo quarto della partita di ritorno sempre contro la Dolomiti. Pertanto i dati comprendono tutte le partite fin qui disputate (anche quella di Coppa Italia con Brescia) tranne, circa, cinquanta minuti. Un campione statistico comunque affidabile per poter trarre qualche conclusione.]

La convivenza Aradori-Gentilie

Non possiamo che partire dai due interpreti principali del roster di coach Ramagli: Pietro Aradori e Alessandro Gentile. Le statistiche ci raccontano, a un primo sguardo, una realtà che non sorprende. Quando entrambi sono in campo i risultati per la Virtus sono positivi. In 162 occasioni (intesi come quintetti schierati in campo, non avendo a disposizione il dato del minutaggio complessivo) hanno calcato il parquet insieme, accumulando +93 di plus/minus, un dato che, se non altro, smentisce in parte chi riteneva impossibile una loro convivenza quest’estate.

Le cose diventano interessanti quando si va a vedere il rendimento della squadra con uno solo dei due campo. La Virtus sembra riuscire a mantenere meglio i propri equilibri quando resta in campo il solo Aradori (133 volte lui in campo con Gentile in panchina, +32 di +/-), mentre quando in panchina va l’ex Reggio Emilia e sul parquet resta Ale il differenziale va in negativo: -34 in 83 occasioni in cui si è verificata l’evenienza. Un dato che sembra molto forte, ma su cui non bisogna farsi prendere  troppo la mano nell’arrivare a conclusioni affrettate.

Aradori-Slaughter: la coppia di cui la Virtus non può fare a meno

Venerdì scorso avevamo visto come le due costanti dei migliori quintetti schierati dalla Virtus per plus/minus fossero Aradori e Slaughter. E anche qui ne abbiamo una conferma bella decisa. Sono la migliore coppia bianconera: schierati insieme 200 volte, per un +143 di plus/minus. In effetti sono stati i due giocatori più costanti (Alessandro Gentile ha avuti diversi “sbalzi di rendimento”), e se Aradori è stato sempre un riferimento in l’attacco, Slaughter si è confermato ancora difensiva, portando però anche ben più dell’atteso nell’altra metà campo.

L’importanza di playmaker e centro

Un’altra coppia che sta funzionando molto bene è quella composta da Oliver Lafayette e lo stesso Marcus Slaughter (schierati insieme 177 volte, +105 di plus/minus). I due USA arrivati in estate, col tempo, hanno sviluppato una discreta intesa in attacco, in particolare sui pick & roll, ma soprattutto sono nettamente i due migliori difensori del gruppo. Danno alla squadra un contributo tangibile di esperienza e solidità. Per dire, con entrambi seduti in panchina il plus/minus della squadra passa a -16. 121 punti di differenza.

Se c’è Marcus, sotto canestro è tutto più bello

Sotto canestro Marcus Slaughter rende positiva ogni possibile accoppiata con i compagni di reparto. Funziona discretamente in coppia con Baldi Rossi. Niente di eccezionale, ma nemmeno negativo con Ndoja. Decisamente bene, invece, nella soluzione tattica su cui per lungo tempo si è parlato: in coppia con Lawson. 40 volte insieme, +43 di pus/minus. Ma è chiaro che, anche in questo caso, parliamo di numeri da interpretare.

Si tratta di una coppia particolare e assortita in modo e maniera che la rende proponibile solo in certe situazioni e contro determinati avversari. E in questo caso un applauso va fatto a Ramagli, che fin qui sembra aver saputo leggere bene i momenti delle partite in cui accoppiarli. Stesso discorso per l’accoppiamento con Alessandro Gentile. Che funziona bene ma, anche in questo caso, va usato leggendo in maniera intelligente la gara. Cosa che fin qua è accaduto con buona regolarità.

Ndoja-Lawson: la coppia che scoppia

Problemi seri, invece, per la coppia Ndoja-Lawson, che tra le unità a due giocatori della Virtus hanno il peggior plus/minus: 65 volte insieme, -45 il rilievo statistico. Va detto che contro Brindisi hanno giocato bene entrambi, anche insieme (+10 il loro plus/minus in coppia contro la Happy Brindisi), ma il dato sulla stagione resta parecchio negativo. D’altronde, come accennavamo già la settimana scorsa, entrambi hanno caratteristiche fisiche per cui in serie A possono andare incontro a problemi di accoppiamenti difensivi. Mentre in attacco sono per lo più specialisti, con buon tiro frontale, ma che certo non possono essere risorse affidabili per periodi di partita troppo lunghi.

Lafayette, con Stefano Gentile al fianco è meglio

Ultimo punto dell’analisi sull’efficacia di Oliver Lafayette come unico playmaker o affiancato da un secondo portatore di palla, Stefano Gentile nel nostro caso (con Pajola il minutaggio è ancora troppo basso per costituire un campione statistico affidabile). Ebbene, i dati ci parlano di un Lafayette con buon rendimento in assenza di Stefano Gentile (196 occasioni con +47 di plus/minus), ma in proporzione migliore con l’ex Reggio Emilia al fianco (plus/minus più basso, +37, ma nettamente in meno uscite, sole 51, circa un quarto delle precedenti). Insomma, Oliver come portatore di palla, con i suoi difetti, sembra poter garantire una discreta efficienza. Ma, in effetti, con minuti da guardia appare più a suo agio. Certo che un accoppiamento del genere vorrebbe dire rinunciare a uno tra Aradori e Alessandro Gentile. O schierare quest’ultimo da quattro tattico. Con tutte le implicazioni che abbiamo visto qui sopra.

 

Anche per questa settimana è tutto. Abbiamo passato un’altra settimana serena dopo la vittoria di domenica con Brindisi. Come al solito abbiamo analizzato la partita a fondo, sia nell’immediato post, che con statistiche e video che hanno mostrato la buona partita di Klaudio Ndoja. Infine, nell’avvicinarci all’incontro di oggi, abbiamo presentato la Vanoli Cremona con i consueti spunti statistici di squadra e sui singoli di Meo Sacchetti.

A noi non resta che augurare una buona Pasqua ai nostri lettori. Ovviamente l’appuntamento è per stasera, ore 20.45 per la trasferta di Cremona. Tutti pronti a sostenere i nostri ragazzi, sperando che possano contribuire a rendere il week end ancora migliore di quello che le mangiate con amici e parenti già non renderanno.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *