Halftime: Virtus-Torino 38-45 all’intervallo lungo

Tempo di lettura 1 minuto
137 letto

Solita Virtus degli ultimi due mesi in questo secondo lunch match casalingo dell’anno. Tanta energia ma poco ordine. Buona partenza, poi il vuoto in attacco, con Torino che rientra e supera sfruttando i suoi atipici (Patterson, Okeke, Washington).

V Nere senza difesa che concedono una quantità di punti insostenibile ai piemontesi (23 a fine primo quarto, 45 all’intervallo sono numeri con cui non si può vincere).

Sotto 23-15 a fine primo quarto, con un paio di cose discrete anche di Mazzola fischiatissimo (assente, invece, Poeta). Nel secondo quarto la rimonta con il quintetto inizialmente con Ndoja da 4 e poi con Ale Gentile. Eccellente Kenny Lawson (8 punti in 6′), apparentemente recuperato Aradori (9 ma 3/8, tra cui una tripla però). Solito Gentile: parecchi tiri ma anche molta sostanza (10 con 4/11).

Poi dentro Baldi Rossi da 4 e luce che si spegne di nuovo. Torino alterna Patterson e un ottimo Okeke da finto lungo e riprende in mano l’incontro. Lafayette aggiunge due non difese su Garrett e il primo tempo finisce con un 9-0 di parziale FIAT, che ha già Vujacic con tre falli però.

12/38 al tiro la Virtus. 16/34 Torino. Occorre cambiare marcia in difesa, perchè così non si vince, poco ma sicuro.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *