La Virtus fa il bis a pranzo contro Torino

Tempo di lettura 2 minuti
145 letto

Seconda domenica a pranzo vittoriosa e bella, dopo un brutto primo tempo, della VNera.

Nella ripresa la squadra non è sempre stata lucidissima ma ha fatto vedere una gran voglia di portare a casa i due punti, che ad un certo punto del match non erano affatto scontati.

Segnali positivi per un super Stefano Gentile, che d’esperienza nell’ultimo quarto ha tirato in mezzo alla bagarre tutti gli americani, facendo perdere le staffe a Mbakwe, portato a spendere il fallo tecnico che lo ha messo fuori dalla partita, e alla fine segnando canestri difficilissimi e la tripla che ha deciso la gara.

La Fiat nel momento in cui è calato il playmaker Garrett, ha smesso di far canestro e stravolta ha cercato nuovamente uno spuntato Vujacic (0/10 al tiro) perdendo poi la gara.

Il doppio impegno è stato assolutamente penalizzante per gli ospiti che giocando alle 12 a Bologna non hanno recuperato il giorno di riposo e appunto sono crollati nel secondo tempo. Non dando l’impressione di meritare la vittoria neanche nel primo, per la verità.

L’Auxillium si era portata in vantaggio nel primo tempo con una difesa a uomo in transizione mischiata a zona a palla ferma su rimessa o tiro libero. Soluzione che aveva lasciato tanti tiri aperti alla Virtus imprecisa svariate volte, però, ripercorrendo quanto già analizzato la scorsa settimana nella film room di Cantù.

Ale Gentile oggi è stato molto positivo, forzando molto meno rispetto le scorse settimane ma privilegiando il gioco di squadra (6 assist) e in difesa ha offerto una prestazione buona sporcando e recuperando palloni (2 recuperate). Con lui anche suo fratello che, se sta bene, può a mettere a tacere le voci che vorrebbero un play in più in squadra.

Purtroppo Umeh e Lawson non riescono a offrire prestazioni insieme nella stessa gara: disastroso il lungo contro Cantù a differenza dell’ottimo tiratore nigeriano, oggi è successo l’opposto, dovuto anche un Ianuzzi in perenne difficoltà contro il nostro big man numero 25, mentre Umeh ha sofferto la marcatura di giocatori molto più grossi e atletici di lui.

Si ritornerà in campo a Santo Stefano contro Varese. Finiti i match contro le prime otto (ed eccezione della gara ad Avellino a inizio 2018), ora serviranno tre vittorie anche per non perdere il primo obbiettivo stagionale: la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia.

LA CRONACA DEI REDATTORI: Davide Trebbi e Nicolò Fiumi

IL TABELLINO

LE PAGELLE: Oliver Lafayette 5.5, Pietro Aradori 6, Alessandro Gentile 6, Filippo Baldi Rossi 5, Marcus Slaughter 7, Stefano Gentile 7.5, Michael Umeh 5, Kenny Lawson 7, Klaudio Ndoja 6.

LA CRONACA DI REPUBBLICA

LA CRONACA DEL CORRIERE DI BOLOGNA

LA CRONACA DEL RESTO DEL CARLINO

ALESSANDRO RAMAGLI E STEFANO GENTILE IN CONFERENZA STAMPA (si ringrazia SportPress di Laura Tommasini per i video)

QUATTRO CHIACCHIERE A CALDO NEL POST PARTITA

 

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *