Le rotazioni di Aleksandar Djordjevic con e senza Weems

Tempo di lettura 2 minuti
263 letto

Con diciassette partite già disputate, abbiamo la possibilità di analizzare la rotazione fin qua fatta dal nostro tecnico bianconero Aleksandar Djordjevic.

Questo studio è stato fatto annotando minuti e situazioni (infortuni, problemi di falli, purtroppo anche lutto) di ogni singolo giocatore nelle gare fin qua disputate.

Playmaker:

La rotazione mi sembra abbastanza definita, il titolare è Stefan Markovic e il suo cambio predefinito è Alessandro Pajola.

Hanno giocato molte volte insieme e per diversi minuti, ma in un’ipotetica formazione Stefan è davanti ad Ale.


Markovic 30

Pajola 10


Guardia:

Il ruolo di Milos Teodosic. Frank Gaines parte in quintetto, ma le partite si concludono con il 44 in questa posizione/ ruolo in campo.

Non c’è differenza tra il playmaker e guardia, sono per giunta palleggiatori o creatori di gioco ma abbiamo diviso questi due ruoli per semplificarvi il concetto.

Senza Kyle Weems i minuti di Teodosic e Markovic aumentatano e molte volte troviamo anche Pajola in questa posizione.


Gaines 24 /no Weems 10′ Pajola 4

Teodosic 22 /no Weems 28′


Ala piccola:

Il ruolo occupato stabilmente da Kyle Weems.

Senza di lui le cose cambiano a differenza dell’avversario e della situazione: troviamo comunque David Cournooh, Frank Gaines spostato e abbiamo visto per pochissimi minuti Stefan Nikolic.


Weems 25′ / no Weems c’è Ricci 5′

Cournooh 14′ / no Weems 18′

Gaines 5’/ no Weems 16′


Ala grande:

Qua ci gioca Giampaolo Ricci e come con i play/guardia, non c’è tanta differenza offensivamente tra piccola e grandi, piuttosto in difesa.

Giampaolo Ricci è appunto il titolarissimo, con Filippo Baldi Rossi come cambio, ma anche qua dipende l’avversario e la situazione: oltre a Filo c’è anche Kyle Weems, provato più volte con scarsi risultati offensivi Vince Hunter.


Ricci 25′

Baldi Rossi 11′

Weems 3′

Hunter 2′


Centro:

Dopo le ultime prestazioni il titolare sembra essere Julian Gamble. Il centro ex Nanterre gioca tanti minuti e viene sostituito principalmente da Vince Hunter.

Marcos Delia se tra i 12 in campionato ruba qualche minutino a Vince Hunter ma al momento è chiaro il suo ruolo di terzo pivot della Virtus.


Gamble 22′ / 20′ se c’è Delia

Hunter 18′ / 16′ se c’è Delia


Eccovi un riepilogo della rotazione Virtus:

Markovic 30 Pajola 10

Teodosic 22 Gaines 24

Weems 25 Cournooh 14 Gaines 5

Ricci 25 Baldi Rossi 11 Weems 5

Gamble 22 (20 con Delia) Hunter 18 (16′ con Delia)


Rotazione Virtus senza Kyle Weems

Markovic 30 Pajola 10

Teodosic 22 Cournooh 11 Gaines 7

Gaines 20 Ricci 5 Cournooh 10 Pajola 5

Ricci 25 Hunter 4 Baldi Rossi 11

Gamble 22 (20 con Delia) Hunter 18 (16′ con Delia)


Cosa serve in più a questa Virtus?

Sicuramente abbiamo notato come gli esperimenti di Vince Hunter e Alessandro Pajola in difesa siano stati buoni ma poco redditizi in attacco.

Situazione completamente ribaltata invece per Frank Gaines dove in attacco se in ritmo è pericoloso, mentre in difesa subisce la differenza d’altezza con le ali.

Serve secondo noi di VNera un ala che possa far riposare Weems e Ricci e mettere Gaines e Cournooh nel loro ruolo naturale, non usurando e chiedendo troppo dal giocatore più importante della Virtus: Milos Teodosic.

Ipotetica nuova rotazione V

Markovic 30 Pajola 10

Teodosic 18 Gaines 20 Cournooh 6

Weems 25 NUOVO 14 Cournooh 5

Ricci 25 NUOVO 5 Baldi Rossi 11

Gamble 22 Hunter 18 (se Delia si abbassano i minuti)


Insomma un giocatore con venti minuti in campo capace di colpire da fuori e difendere duro.

Italiano straniero può anche non importare, l’importante è risolvere questo problema di questa stagione, buona ricerca per identikit perfetto.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *