Olimpia Lubiana – Virtus: guai abbassare la guardia, bisogna vincere e continuare a lottare

Tempo di lettura 3 minuti
649 letto

Dopo bellissima partita vinta dalla Virtus trasferta, è già tempo di affrontare un nuovo avversario, stavolta in coppa, per la prima trasferta della stagione europea ovvero la KK Petrol Olimpia Lubiana.

GAME INFO

Quando: Mercoledì 24 ottobre 2018, ore 20.30

Dove: Stozice Arena, Lubiana

TV: Eurosport Player, Rai Sport

Posizione in campionato e risultati : la squadra slovena, dopo due turni, è terza nel proprio campionato, reduce da una vittoria di misura contro l’Hopsi Poloza per 95-93, partita che qui potete vedere integralmente.

Mentre in Aba League è al quarto posto con due vittorie e due sconfitte. Qua sotto il report dell’ultima partita prima della nostra sfida, persa contro il Mega Bemax.

In Champions, invece, è partita perdendo prima in casa con Strasburgo (71-81) e poi in Grecia con il Promitheas (79-77), partita che potete rivedere qui.

PROBABILI QUINTETTI

Virtus

  • Taylor
  • Punter
  • Aradori
  • Mbaye
  • Baldi Rossi

Lubiana:

  • Reynolds
  • Lapornik
  • Mesicek
  • Samanic
  • Jones

INDISPONIBILI

Virtus: Qvale (contrattura muscolare alla stessa schiena di un mese fa)

Lubiana:

PRONOSTICO VNERA:
Virtus 60% Lubiana 40%

COSA HA DETTO SACRIPANTI

“Una partita importante, che arriva dopo una grande impresa compiuta dalla mia squadra ad Avellino. Dobbiamo essere mentalizzati ad avere tanta resilienza, per giocare una partita dopo l’altra. Dobbiamo essere bravi a farlo, e quello che è stato trasferito al gruppo ad Avellino deve continuare anche in questa partita con Lubiana. Giochiamo contro una grande squadra, che ha perso due partite per un’inezia e che ha spessore. Un impegno gravoso, sotto l’aspetto fisico e soprattutto mentale, ma dobbiamo farci trovare preparati”.

ANDAMENTO IN COPPA: la Virtus è al primo posto a punteggio pieno con 2 vittorie e con una differenza canestro di +34, mentre Lubiana è sesta con la miglior differenza canestri tra quelle con zero vittorie con -12.

5 APPUNTI SU OSTENDA

1. Giocano più di noi!

Incredibile ma vero, l’Olimpia Lubiana gioca, a differenza nostra, tre competizioni in questa stagione: il campionato sloveno, la ABA League e appunto la Basketball Champions League. Quindi sono abituati ad affrontare tante squadre con caratteristiche diverse. A oggi hanno già disputato nove partite complessivamente (3-6 il record).

2. Tiri da tre? Attenzione se prendono ritmo

Lubiana fin qua ha avuto discreta mano da tre punti: 37,8% di squadra su circa 25 conclusioni a partita. Una statistica costruita, però, su alcune partite in cui hanno fatto molto bene da dietro l’arco. Quattro volte su nove, infatti, gli sloveni hanno tirato con più del 40% da tre. Due volte oltre il 50%. Ergo, specialmente sul loro campo, sarà necessario contestare ogni conclusione pesante che Reynolds e compagni vorranno prendersi.

3. A ritmi bassi fanno fatica

Un dato interessante, guardando le partite fin qui giocate dall’Olimpia, è quello dei possessi giocati nelle vittorie e nelle sconfitte. Quando i biancoverdi hanno portato a casa la parte buona del referto hanno prodotto in media quasi 78 possessi, mentre nelle sei sconfitte il numero è calato sensibilmente a 73,5. Una buona indicazione per la Virtus.

4. Scottie no doesn’t know!

Approdato 13 giorni fa nella squadra slovena, bisogna fare tanta attenzione al playmaker ex Brindisi Scottie Reynolds: dal suo arrivo l’Olimpia, che fin lì aveva davvero fatto male, ha un record di due vittorie e due sconfitte, giunte comunque per due punti sul campo del Promitheas e di quattro su quello del Mega Bemax. Fin qua Reynolds ha 11,7 punti e 7,5 assist di media con 7/15 da tre. Tony Taylor e Ale Pajola avranno un’altra missione difensiva da compiere.

5. Non scordiamoci di Blaz

Un altro giocatore che ha fatto la tratta Brindisi-Lubiana in direzione della capitale slovena è Blaz Mesicek, che l’anno scorso abbiamo visto in Puglia, in prestito proprio dell’Olimpia. Il ragazzo classe 1997 è tornato parecchio tonico in patria, diventando subito una delle principali opzioni offensive della squadra. 14 punti di media nelle prime cinque partite. Ora, invece, con l’arrivo di Reynolds, sembra aver perso un po’ il feeling in attacco (31 punti totali in quattro gare), ma resta comunque l’uomo a cui coach Martic concede il numero maggiore di possessi (29% di usage rating in attacco). Qua la missione speciale è pronta e impacchettata per Kelvin Martin.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *