Morabanc Andorra-Virtus Bologna: il pre partita di VNera

Tempo di lettura 4 minuti
442 letto

Inizia la volata finale della prima fase di Eurocup. Tre partite con le principali rivali che definiranno la posizione con cui la Virtus accederà alle Top 16. Si parte con la trasferta sul campo del Morabanc Andorra.

GAME INFO

Quando: mercoledì 20 novembre 2019, ore 20

Dove: Poliesportiu, Andorra

TV: Eurosport Player

Radio: Radio Bologna Uno

All’andata: vittoria Virtus per 87-72.

PROBABILI QUINTETTI

MORABANC ANDORRAVIRTUS BOLOGNA
Clevin HannahStefan Markovic
Frantz MassenatFrank Gaines
Dejan TodorovicKyle Weems
Bandja SyGiampaolo Ricci
Moussa DiagneJulian Gamble

COME STA ANDORRA: decisamente meglio rispetto alla gara d’andata. Se il Morabanc visto a Bologna era una squadra ancora alla ricerca dei propri nuovi equilibri, quello che incontra ora la Virtus è un gruppo molto più in palla. Dopo sette sconfitte nelle prime dodici gare ufficiali hanno messo in fila quattro successi consecutivi, due in Eurocup e due in campionato, dove sono reduci da un nettissimo successo su Malaga, altra favorita proprio in Eurocup. La loro situazione nel girone non è semplice. Sono praticamente sicuri di passare il turno, ma per recuperare posizioni devono ribaltare il -15 dell’andata con la Virtus e il -10 patito, in casa per di più, con il Promitheas.

Il secondo tempo della partita contro Malaga

Chi vincerà mercoledì?

View Results

Loading ... Loading ...

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Un super attacco… in Europa

Andorra è, in questo momento, il miglior attacco dell’Eurocup, con un rating offensivo di quasi 120 punti per cento possessi. Dato figlio anche delle recenti uscite in cui gli andorrani hanno sfavillato nella metà campo offensiva non segnando mai meno di 87 punti e somigliando decisamente più a quelli visti nel primo quarto dell’andata che nel resto dell’incontro. In patria, però, le cose non vanno così bene e il dato cala a un molto più umano 107.6, solo tredicesimo rilievo in tutta la ACB. Insomma, un attacco sicuramente con potenziale, ma anche con punti deboli da andare a esplorare.

2. Squadra a trazione posteriore

Il punto di forza di Andorra è decisamente sul perimetro e anche i numeri lo confermano: primi per percentuale da dietro l’arco con il 42% di realizzazione, anche se pure qua, in ACB, il dato è molto più basso, fermandosi al 34,6%. In generale ci sono tanti tiratori pericolosi, addirittura tre oltre il 50% di realizazzione nella competizione: Clevin Hannah (62% su quasi quattro conclusioni a incontro), David Walker (53%) e Jeremy Senglin (52%). Ma viaggiano rispettivamente col 41% e il 38% anche David Jelinek e Frantz Massenat. Come ha visto la stessa Virtus nella partita del Paladozza, tutti possono accendersi in un attimo. Sarà dunque obbligatorio evitare di prendere parziali pesanti costruiti concedendo tiri aperti.

La shooting chart in Eurocup di Andorra (immagine da Basketballguru.gr)

3. Clevin Hannah è bollente

L’ottimo momento recente di Andorra è stato propiziato anche dalle prestazioni del loro playmaker titolare, Clevin Hannah. Piccoletto di un metro ottanta per settantacinque chili, sta segnando tantissimo da tre punti e nelle ultime cinque gare è a 16 punti di media. Lui si porta dietro la squadra, diventando difficile da marcare sul pick & roll, dove la difesa non può mai rilassarsi. Sarà importante provare a limitarlo il più possibile, sapendo che alle sue spalle c’è un Jeremy Senglin che fin qua ancora non ha mostrato tutto quello che di buono fece vedere la passata stagione a Nanterre.

4. Tanto attacco ma poca difesa

Se in attacco le cose vanno alla grande, lo stesso non si può certo dire della difesa: diciannovesima della competizione con oltre 112 punti concessi per cento possessi, anche qui, però, in controtendenza con il campionato nazionale dove non va così male (sesta difesa con 106.6 di rating difensivo). I problemi in coppa nascono soprattutto da una difesa sul perimetro abbastanza porosa, a partire proprio da Clevin Hannah, che paga la sua scarsa taglia nel lottare sui blocchi dei pick & roll. Da lì poi si aprono le voragini verso il canestro che, come vedremo, non ha particolari protettori.

5. Hanno poca presenza nel pitturato

Collegato al discorso di una squadra a trazione posteriore, c’è il fatto che in area non ci siano certo presenze dominanti. Il centro titolare è Moussa Diagnè, cui non mancano i centimetri (211) ma i chili (99), e che, comunque, è più a suo agio nel fronteggiare il canestro, magari per il tiro dai 4/5 metri. Ci sarebbe Dejan Musli, giocatore di peso e posizione, ma è il suo cambio e di fatto gioca poco più di una decina di minuti. In definitiva, Andorra è una squadra che privilegia assetti leggeri, sfruttando tanto anche le ali dinamiche Bandja Sy e Tyson Perez. Una carenza di tonnellaggio che la Virtus dovrà provare a far volgere a proprio vantaggio.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *