Olimpia Milano doma la Virtus Bologna al Paladozza

Tempo di lettura 2 minuti
251 letto

Davanti al nuovo campo e con un Paladozza tutto esaurito la Virtus perde in casa contro Milano.

È la terza sconfitta di fila in campionato, ma nonostante questo è sempre sesta a 22 punti.

Inizio molto nervoso con tanti errori e falli in attacco Cinciarini apre la contesa con una tripla, poi complici tanti errori al tiro nostri, Armani scappa a più 6 con la seconda tripla di Kuzmiskas al 5‘ (4-10).

Slaughter non ci sta e inizia a beneficiarne ricevendo indisturbato in attacco con due belle schiacciate e con la tripla di Ndoja dall’angolo i bolognesi si riportano sotto di 2 punti (9-11) al 6’.

La differenza di panchine, una volta in campo saranno determinati per gli ospiti e con un preciso Bertans con 6 punti all’attivo tra tripla e liberi lucrati, dopo il canestro di Alessandro Gentile a fine primo quarto il punteggio è di 11-22.

C’è baby Pajola in campo ma Milano non sbaglia più un tiro, soprattutto banchettando dentro l’area e dopo il floater di Goudelock è vantaggio sopra di 19 al 13’ (11-30) poi dopo un gran euro step in area di Gudaitis +21 al 15’ (13-34).

Bologna reagisce con due triple di LaFayette e un gioco da 3 punti di Slaughter accorciando fino a -10 a un minuto dalla fine (26-36), ma l’area nei minuti finali viene nuovamente lasciata libera e due penetrazioni di Bertans e Jerrells dicono alla pausa lunga 28-40.

Rientrati in campo Gudaitis segna subendo fallo dopo una preghiera di Micov allo scadere dei 24 secondi portando i suoi sopra di 14 punti (31-45), la Segafredo però spinta dal suo pubblico reagisce mettendo il cuore oltre all’ostacolo, in particolare con Slaughter e LaFayette e dopo la tripla segnata da Aradori su rimbalzo in attacco catturato dallo stesso numero 44 si portano sotto di 7 punti anche l’appoggio di Lawson due azioni più tardi al 27’ (42-49).

Tarcewski entrato in campo salva due volte Milano segnando qualsiasi cosa gli capiti nel colorato portando cosi i milanesi a fine terzo quarto avanti sempre di 7 punti 47-54.

Ultimo quarto la Virtus prova ad allungare la difesa nel tentativo di recuperare e Paiola continua in campo a meritarsi gli agognati minuti anche dopo i tanti errori di lettura di LaFayette arrivando nuovamente a -7 al 34’ dopo il libero realizzato da Slaughter (51-58); Olimpia però con 5 punti di pregevole fattura di Vlado Micov riporta i suoi sopra di 12 punti dopo un minuto al 35’ (51-63) ma saranno solo passeggeri perchè nuovamente la Segafredo con la tripla di Umeh e la coppia Aradori-Gentile riporteranno per la terza volta la contesa con 7 punti di distacco (60-67) a due minuti dalla fine.

Milano continua a sbagliare ma Bologna con Umeh e Aradori non segneranno dal campo i canestri di un possibile pareggio e dopo aver cercato di fermare il gioco con i tiri liberi la schiacciata di Gudaitis chiude di fatto il gioco sul punteggio finale 67-73.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – EA7 MILANO 67-73 (11-22, 28-40; 47-54)

VIRTUS: Gentile A. 8: Jurkatamm NE; Umeh 7; Pajola 0; Baldi Rossi 0; Ndoja 6; Lafayette 12; Aradori 13; Lawson 4; Slaughter 17. All. Ramagli

MILANO: Goudelock 4; Micov 10; Tomba NE; Pascolo 2; Tarczweski 10; Kusminskas 7; Cinciarini 8; Cusin NE; Abass 2; Bertans 9; Jerrels 9; Gudaitis 12. All. Pianigiani

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *