Post – partita #VIRTUS #BOLOGNA – Pistoia

Tempo di lettura 2 minuti
146 letto

Terza vittoria di fila.

Sudata, faticata, ma comunque due punti fondamentali per la rincorsa alle Final Eight di Coppa Italia.

La Virtus è stata in vantaggio per tutta la gara ma non è mai riuscita a scappare mettendo ghiaccio la partita.

È servito un grande Pietro Aradori autore di 25 punti e una prova corale della squadra positiva e costante sui 40 minuti.

Di certo Pistoia non ha tanto da recriminare: una squadra per 38:18 secondi in svantaggio e non ha mai fatto qualcosa di significativo ribaltare l’incontro.

La Virtus ora è all’ottavo posto con 14 punti raggiungendo il gruppo formato da Trento e Sassari, ed è in striscia: terza vittoria consecutiva, la quarta su cinque partite.

Pian piano sta salendo la chimica della squadra e pian piano sta crescendo sempre di più Pietro Aradori.

Ci sono ancora le pause evidenti come ad esempio, l’inizio del terzo quarto dove Pistoia con 10-2 di parziale ha ridotto i 10 punti di svantaggio e ha spaventato la Virtus.

Inoltre per molto tempo, ancora un attacco molto lento,molto statico, laddove chiave è stata quella di abbassare il quintetto con Ale Gentile da quattro e dare una maggiore pericolosità da fuori, liberando l’area.

Ramagli in conferenza stampa ha parlato di una Virtus non al 100%, forse sovraccaricata, però si è detto molto contento della vittoria.

Ancora troppa difficoltà in attacco e ancora poca cattiveria sotto canestro: anche stavolta abbiamo fatto un’enorme fatica a rimbalzo concedendo tanti secondi tiri a Pistoia e in attacco complice la zona e qualche confusione nella struttura dei quintetti in campo abbiamo fatto tantissima difficoltà a fare canestro.

Forse stavolta la squadra è sbilanciata: secondo noi Vnera, il tanto agognato quattro ora è presente in tre giocatori però manca quell’esterno in più da far rifiatare i nostri piccoli.

Dubbi, quesiti importanti ora che la squadra finalmente al completo, ora servirà secondo noi un altro mese per acquistare un nuovo giocatore e capire chiaramente qual’è il ruolo che manca a questa squadra.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *