Pre partita Pistoia-Virtus: alla ricerca di continuità sui 40 minuti

Tempo di lettura 3 minuti
473 letto

Dopo il buon esordio di mercoledì la Virtus torna in campo a Pistoia per la seconda giornata di campionato. Gara importante e non scontata, che porterà poi alla prima in Eurocup di mercoledì, contro Ulm.

GAME INFO

Quando: domenica 29 settembre, ore 18:!5

Dove: PalaCarrara, Pistoia

TV: Eurosport Player

PROBABILI QUINTETTI

ORIORA PISTOIAVIRTUS BOLOGNA
Jean SalumuStefan Markovic
Zabian DowdellDavid Cournooh
Terran PettewayKyle Weems
Aristide LandiGiampaolo Ricci
Justin JohnsonJulian Gamble

COME STA PISTOIA: La Oriora ha iniziato la stagione perdendo per 88-75 a Trento contro la Dolomiti Energia. Gli uomini di Carrea non hanno sfigurato, cercando, per quanto possibile, di fare partita pari. La maggior qualità di Trento ha avuto la meglio e nel secondo tempo, di fatto, la gara non è stata in discussione. Ma i toscani non hanno certo perso la faccia. Al momento non si sa se sarà della partita Angus Brandt, centro titolare che è reduce da un infortunio a una caviglia che lo ha messo ko prima della partita di mercoledì.

Gli highlights della sconfitta di Pistoia sul campo di Trento

VOTATE CON NOI!

Chi vincerà domenica?

View Results

Loading ... Loading ...

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Un buon quintetto con scommesse ed esperienza

Pistoia si affaccia a questo campionato cercando una nuova salvezza, possibilmente meno faticosa di quella passata, arrivata per vie traverse. Lo fa affidandosi a un quintetto con giocatori esperti e che conoscono il nostro campionato come il play Jean Salumu e Terran Petteway, ma anche Zabian Dowdell, ormai 35enne ma che in Europa ha giocato ai massimi livelli. Al loro fianco un paio di scommesse come l’ex Cagliari Justin Johnson e, al momento, stante l’infortunio a Angus Brandt, Aristide Landi, anche lui in arrivo dalla A2. Contro Trento lo starting five ha tenuto il campo molto bene, mettendo a referto un parziale di +6 (42-36) a proprio favore nei minuti in campo.

Highlights dalla passata stagione di Zabian Dowdell

2. Dalla panchina, invece, le opzioni sono contate

Non così bene si può parlare della panchina. Nei minuti in cui qualcuno dei titolari ha riposato, Pistoia ha accumulato un -19 fatale all’esordio in campionato. Della Rosa e Lollo D’Ercole reggono il back court, Carl Wheatle è un’altro esperimento che coach Carrea si è portato dietro da Biella e che, stante l’assenza di Brandt, lo costringe assieme a Andrea Quarisa (lui pure esordiente) a coprire le spalle alla coppia di lunghi titolare.

3. Incognita Brandt

Come accennato sopra, la Oriora a Trento era senza Angus Brandt, quello che nei piani doveva essere il centro titolare della squadra. L’australiano ha patito una brutta distorsione alla caviglia un paio di giorni prima della partita e rimane in dubbio anche per la gara con la Virtus. Chiaro che, in caso di una sua assenza, la Virtus dovrà nuovamente far valere la sua taglia nel pitturato.

4. Sul perimetro Salumu e Petteway danno fosforo e follia

Salumu e Petteway sono stati i migliori per la Oriora all’esordio. Il play belga, arrivato in corsa l’anno passato a Varese, è un giocatore con discreta taglia fisica e ottime gambe per battere l’uomo in uno contro uno. Non un mangia palloni, ma atleta capace di leggere la difesa per trovare il pertugio in cui infilarsi. Terran Petteway, invece, è l’immagine del genio e della sregolatezza. Con la sua partenza (e quella di Esposito in panchina) l’anno scorso la stagione di Sassari decollò, ma questo non toglie il fatto che rimanga un giocatore che da solo può fare attacco in una realtà come Pistoia. 20 punti, 6 rimbalzi e 3 assist all’esordio. Mani piene per Kyle Weems.

Petteway qualche anno fa a Trento ne mise 43

5. Sotto canestro lunghi “piccoli” ma dinamici

Con l’assenza di Brandt, Pistoia ha dovuto fare di necessità virtù, utilizzando sotto canestro una rotazione a tre con Johnson, Landi e Carl Wheatle. Tutti e tre di poco sopra i due metri, Landi e Johnson prevalentemente perimetrali (5/12 da tre punti combinato), ma tutti capaci di farsi sentire a rimbalzo: 23 quelli catturati dal trio in Trentino. In generale ci sarà da fare attenzione al dinamismo degli atleti toscani, che contro Trento hanno fatto partita quasi pari a rimbalzo.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *