Pre-partita #VIRTUS Bologna – Cantù

Tempo di lettura 2 minuti
224 letto

Domenica pomeriggio diretta su Eurosport ore 18:15, la Virtus incontrerà al PalaDesio Cantù.

Stesso record per entrambe (4 vinte e 5 perse), ma per la VNera una maggiore differenza canestri la porta sopra al settimo posto in classifica rispetto alla squadra brianzola.

Con la vittoria rocambolesca di Cremona usciamo dalla crisi e dalle 4 sconfitte consecutive trovando in trasferta Cantù in un campo storicamente difficilissimo e dove non vinciamo da 9 lunghi anni.

Dopo il nefasto esordio speriamo di veder maggiormente il nuovo arrivato Filippo Baldi Rossi, come Ramagli sistemerà le rotazioni e quali quintetti metterà in campo con l’aggiunta effettiva dell’ex Trento.

Nel posticipo serale Cantù invece cadeva nuovamente in casa contro una lanciatissima e capolista Brescia, nonostante una buona rimonta fatta nell’ultimo quarto.

Il ritorno in campo di Charles Thomas ha aiutato alla compagine di coach Sondini nel pitturato e ha aiutato moltissimo il trio Smith, capitan Chappell e Culpepper a rendersi più pericolosi palla in mano quando i giochi offensivi erano bloccati dall’ottima difesa bresciana.

In particolare Randy Culpepper sta viaggiando a medie da MVP del Campionato: 18.6 punti a partita, 42.2% da 2 e 39.7% da 3 e 25 punti nell’ultima partita.

Eccovi una bella grafica sull’andamento generale statistico delle due squadre dopo la 9 giornata di campionato (grazie a Cappe e il suo progetto Hack a Stats)

Cantù inoltre ha un pace (numero possessi ridistribuiti su 40 minuti) superiore alla Virtus (76,2 a 72,6) ma in difesa è molto meno efficace rispetto a noi (113 a 103 di Defensive Rating ovvero i punti subiti su 100 possessi).

I brianzoli sono infatti la squadra più prolifica in campionato (84.8 punti a partita) e quella che perde meno palloni in campionato (11.7) ma è anche una delle peggiori difese dal campionato (87,4 a partita).

La Virtus deve quindi abbassare il ritmo avversario e sfruttare la propria maggiore precisione da due punti (38 volte a partita con un 54% contro le 22 volte e il 52%) ed evitare di mandare troppe volte il trio in lunetta (21 volte contro le 17 di media della Segafredo)difendendo molto bene il pick and roll e i rollanti (Thomas, Crosariol)

Sicuramente una sfida che vale la pena di guardare sarà quella tra appunto Culpepper e Aradori.

Il primo per Cantù è la punta di diamante dell’attacco lombardo: gira lui e tutta la squadra riesce a trovare ritmo, il secondo per noi è reduce da una brutta prestazione offensiva contro Cremona e da un virus intestinale che ha pregiudicato la sua partita, ma magari nella sfida contro la sua ex squadra potrebbe ritrovare quel passo offensivo che lo ha contraddistinto nelle passate stagioni.

La Virtus vincerà perché è più talentosa e con l’aggiunta di Baldi Rossi è finalmente completa e in trasferta è sempre stata più cinica.

Cantù vincerà invece, perché deve rifarsi dalla brutta prestazione contro Brescia ma quegli ultimi 10 minuti e un Thomas ritrovato, lasciano presagire a una squadra pronta a lottare per i due punti.

Il pronostico di VNera: 60% Cantù 40% Virtus

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

2 Comments

  1. Non fare la loro partita sarà essenziale. Loro sono una squadra che corre molto, un po’ sulla falsariga di Cremona. Noi abbiamo mostrato tante, tantissime diffoltà contro chi gioca questa Pallacanestro veloce e sfruttando al 100% le transizioni. Cantù, dovesse giocare come l’ultima contro Brescia, passerebbe facile contro la Virtus di queste ultime partite.

    • Si, il rischio è quello di mettersi a correre troppo. Anche se la Virtus ha dimostrato di saperlo fare in trasferta è sempre un rischio di non poco conto.
      L’ideale sarebbe fare una partita di sana busseria difensiva 😀 Ma la vedo dura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *