Pre partita Virtus-Sassari: il campionato riparte con un ospite scomodo

Tempo di lettura 3 minuti
393 letto

Dopo due settimane di pausa, nazionali a parte, ritorna in campo la Virtus. Si è parlato tanto di mercato e Unipol Arena, ma ora è il momento di tornare a concentrarsi sul campo, dove arriva in visita un’avversaria tosta come la Dinamo Sassari.

GAME INFO

Quando: Domenica 9 dicembre, ore 20.45

Dove: Paladozza, Bologna

TV: Eurosport 2, Rai Sport, Eurosport Player

Classifica e risultati: Virtus ottava con quattro vittorie in otto gare, Sassari subito dietro, con cinque sconfitte.

PROBABILI QUINTETTI

VIRTUS BOLOGNA SASSARI
Tony Taylor Jaime Smith
Kevin Punter Scott Bamforth
Pietro Aradori Terran Petteway
Amath M’Baye Rashawn Thomas
Brian Qvale Jack Cooley

INDISPONIBILI

Virtus: Kelvin Martin

Sassari: In dubbio Ousmane Diop e Achille Polonara

ANDAMENTO SASSARI
Sassari sta andando molto a strattoni: tre vittorie di fila tra la seconda e la quinta di campionato. Poi quattro sconfitte in fila, di cui una davvero sanguinosa in casa con Pistoia. Per una classifica che piange al momento. Partecipa anche alla FIBA Europe Cup, dove ha passato il primo turno senza alcun problema.

PRONOSTICO VNERA: Virtus 55%, Sassari 45%

VOTATE CON NOI

Sorry, there are no polls available at the moment.

LE PAROLE DI PINO SACRIPANTI

5 APPUNTI SU SASSARI

1. SQUADRA DA NON SOTTOVALUTARE: E’ MEGLIO DI QUANTO NON DICA LA SUA CLASSIFICA

Sassari viene da un momento no. E’ reduce da quattro sconfitte consecutive in campionato, cinque nelle ultime sette partite disputate considerando anche la FIBA Europe Cup a cui gli uomini di Esposito partecipano e dove hanno passato comunque molto agevolmente il primo turno. Questo però non deve far pensare a una squadra da battere in scioltezza. I sardi, infatti, hanno perso sempre in volata: a Cremona, di tre in casa con Venezia e di due incredibilmente con Pistoia (113-111 senza supplementari), per poi cadere, prima della sosta, a Trento per 71-66. Anche i numeri parlano per loro. Nonostante cinque sconfitte sono settimi in serie A per net rating, comunque positivo, +1.1, figlio di un 110.2 di offensive (sesto attacco) e di un 109.1 di defensive (settima difesa). Sbagliare l’approccio alla gara rischia di essere fatale.

2. SONO I MIGLIORI RIMBALZISTI DEL CAMPIONATO…

Come da titolo: Sassari è prima in serie A per percentuale di rimbalzi totali e offensivi catturati, rispettivamente 55,2% e 37,5%. La Dinamo è una squadra di grande impatto fisico e sotto le plance sfrutta il peso di Jack Cooley (18,8% di defensive rebound percentage e 16,1% di offensive, secondo in serie A tra i giocatori con almeno 15’ di utilizzo medio) e l’agilità di Achille Polonara (13.3% di offensive rebound, ottavo in serie A) e Rashawn Thomas (15,3% di total rebound, tredicesimo in serie A). Un test davvero impegnativo per una Virtus sempre abbastanza con l’acqua alla gola sotto canestro.

3. … MA TRA I PEGGIORI AL TIRO.

I buoni numeri a rimbalzo offensivo sostengono un attacco che, al contrario, fa abbastanza fatica a trovare il canestro. Sassari è penultima per effective field goal, con un misero 49% di conversione. Una conseguenza, anche, del fatto che il quintetto più utilizzato da Esposito, Smith-Bamforth-Petteway-Thomas-Cooley, finora ha faticato in maniera tremenda: 75 possessi giocati con un misero 95.2 di offensive rating e un pessimo 130.2 di defensive, per un dato netto che dice -35 punti per cento possessi rispetto agli avversari. Il talento nel roster c’è, l’impressione è che ancora non ci siano tutti gli equilibri per farlo funzionare al meglio.

4. TERRAN PETTEWAY E JACK COOLEY: I MOTORI DELL’ATTACCO SASSARESE

Terran Petteway è un fedele di Enzo Esposito. Lo aveva a Pistoia un paio di anni fa. Lo ha voluto fortemente quest’estate in Sardegna. L’ala americana sta ripagando la fiducia, con il suo gioco non sempre ordinato, non certo perfetto (41% al tiro complessivo), ma energico e che sembra davvero portare grande beneficio ai suoi. I suoi 14 punti con 5.6 rimbalzi di media sono le cifre che lo fanno essere l’elemento più determinante in fatto di +/- per la Dinamo (+4.8), che quando lo vede seduto a prendere fiato va letteralmente a picco: -17,2 il net rating con Petteway in panchina. Jack Cooley, invece, è un esordiente alle nostre latitudini, ma sta confermando quanto di buono mostrato nella lega di sviluppo americana. 13 punti e 9 rimbalzi, sesto in serie A per falli subiti (4,1 a partita). La presenza sua e di Petteway, tra le altre cose, rende molto insidiosa anche la difesa dei biancoblu.

5. SMITH-BAMFORTH: UN CONVIVENZA CHE NON DECOLLA

In estate il mercato ha portato in maglia Dinamo un ottimo giocatore come Jaime Smith, reduce da una super annata a Cantù, che avrebbe dovuto formare un duo di altissimo livello per il nostro campionato con Scott Bamforth. Fin qua, però, i riscontri non sono stati particolarmente positivi. Vero che Smith ha avuto una partenza lenta per via di un infortunio che gli ha fatto saltare un paio di gare, ma da quando c’è lui e Bamforth in campo assieme non hanno ancora trovato la giusta chimica. -8.6 il net rating di Sassari quando condividono il campo, -19 il +/- secco. Se da un lato, però, Smith sta faticando anche individualmente (9.2 punti col  23% da tre), lo stesso non si può dire per Bamforth, che ha numeri di primo livello: 16.8 punti a incontro col 40% da dietro l’arco e oltre quattro liberi tentati di media.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *