Reyer Venezia – Virtus Bologna: il post partita di VNera

Tempo di lettura 3 minuti
348 letto

Brutta sconfitta in trasferta contro la Reyer Venezia, partita contesa per un quarto, poi la maggior qualità in panchina ha fatto la differenza.

GAME INFO

Risultato: Perso 94-75
Andamento: per la Virtus è la seconda sconfitta di fila in campionato e la prima in trasferta.

Fattore X della gara: 40.6% contro il 56.1% dal campo, 16 contro 61 i punti dalla panchina, 30 contro 43 i rimbalzi totali questa le maggiori differenze al termine della partita.

Classifica: Virtus è ora tredicesima, ultima tra le squadre a 4 punti (Brescia -1, Trieste -7, Reggio Emilia -9, Torino -12,), per colpa della differenza canestri (-36)

Prossime partite: Tra tre giorni si gioca nuovamente, stavolta in trasferta alle 18 la Virtus sarà di scena ad Istanbul contro il Besiktas.

LE PAROLE DI PINO SACRIPANTI

Visibilmente deluso il coach della Virtus Bologna Stefano Sacripanti:

“Abbiamo preso 20 punti e mi dispiace per il nostro lavoro e per i tifosi. Non c’era motivo per perdere con questo distacco. Abbiamo mostrato tutta la nostra inesperienza contro una squadra solidissima ed espertissima. È una sconfitta che ci deve far riflettere. Sono arrabbiato per i punti presi da Stefano Tonut. Sapevamo che lui e Watt cambiano la partita, ma ci siamo fatti trovare impreparati lo stesso. Una serata in cui è andato tutto storto. Non mi piace trovare attenuanti nelle sconfitte anche se Qvale veniva da soli due allenamenti e l’infortunio di Kelvin Martin ci ha un po’ tagliato le gambe. È una pedina fondamentale per noi perchè ci dà durezza difensiva. Dobbiamo essere più bravi a competere contro queste squadre, spero che il suo infortunio non sia grave e che anche Bryan cominci a prendere minuti di qualità. Ci eravamo preparati con la giusta intensità, abbiamo pagato un’inesperienza di base. Quello di oggi è un passo indietro ma credo sia una buona lezione per il futuro e per cercare di arrivare ad un livello più alto. Dobbiamo passare anche da queste partite per diventare grandi.”

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Non segniamo più da tre punti

22 37 39. Non sono ovviamente numeri buttati per aria ma sono le percentuali del tiro da tre delle ultime partite, meno di 10 triple realizzate nei 40 minuti: troppo poco per il basket di oggi.

2. Calati clamorosamente in difesa

Una delle caratteristiche delle prime tre partite era la grande aggressività in difesa della Virtus, ultimamente però non lo siamo più: Punter ad esempio dal 98.7 di Defensive rating (punti concessi in 100 possessi) contro Trieste è precipitato a 123,8 contro Cremona e 131,3 contro Venezia. Così tutto il nostro quintetto e la nostra panchina a parte Cappelletti (così non va!)

Il dettaglio ON/OFF dei giocatori Virtus nella partita contro la Reyer. Ancora una volta viene ribadito il peso di Tony Taylor e l’attuale assenza di un suo sostituto all’altezza.

3. Free Mbaye

Non fatevi ingannare dal titolo, ma Amath sta faticando tantissimo in attacco in questo inizio di stagione:

94.2, 92.2, 84,1, 92,4 punti realizzati in 100 possessi di Offensive Rating nelle ultime quattro partite.

Troppo poco per essere il nostro 4 titolare e la nostra terza opzione offensiva, proviamo a dargli più possessi in attacco magari aumentano anche le sue percentuali!

4. Assist? no grazie

Anche in questa partita il dato preoccupante sono i pochissimi Ass che la Virtus ha generato durante la partita nuovamente 10 e un crollo di assist% al 35,7% (eravamo al 51% contro Milano)

Non va bene e come già dichiarato da Pino contro Bayreuth dobbiamo cercare di cambiare questa inerzia!

Il dettaglio dei quinetti schierati dalla Virtus contro Venezia

5. Tagliafuoriiii

Siamo i peggiori. Si perché in media i nostri avversari catturano in attacco il 23,3% di Offensive Rebound. Troppi.

Dobbiamo cercare di controllare i palloni vaganti anche per non subire inerzie e spazientirci se successivamente un gioco offensivo non viene.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *