Champions League: cosa succede alla Virtus se…

Champions League
Tempo di lettura 2 minuti
333 letto

Due giornate al termine della regular season di Champions League e Virtus che si trova a fare una botta di conti su come mettere in cassaforte il primo posto. Che è molto vicino, ma non ancora scontato.

Nelle restanti due partite la Segafredo giocherà a Strasburgo e poi in casa con Patrasso. I greci, prima di venire a Bologna, giocheranno in casa col Neptunas Klaipeda. Il Besiktas, che potrebbe tornare in gioco in extremis, ha Ostenda in casa e poi Olimpia Lubiana fuori. Gli stessi belgi di Ostenda con un due su due potrebbero migliorare la propria posizione ma, avendo scontro diretto sfavorevole sia con Virtus che con Patrasso, non puntare al primo posto.

Vediamo allora le possibili combinazioni delle ultime due giornate e come i bianconeri possono arrivare al primato nel girone D.

La situazione di classifica attuale

SE LA VIRTUS VINCE A STRASBURGO

E’ prima matematicamente in caso di sconfitta del Promitheas in casa con Klaipeda, che va in Grecia con l’unico obiettivo di vincere per mantenere intatte le chance di ottenere il quarto posto. In caso di vittoria del Promitheas, invece, si ridurrebbe tutto all’ultimo turno, dove la Virtus otterrebbe il primo posto anche perdendo con i greci ma con un massimo di nove punti di scarto (in virtù del +10 dell’andata ottenuto in terra ellenica).

SE LA VIRTUS PERDE A STRASBURGO

Si riduce tutto all’ultima partita casalinga con il Promitheas. Nel caso in cui i greci battessero il Neptunas la Virtus sarebbe obbligata a vincere l’ultimo turno casalingo, altrimenti le basterebbe anche perdere con al massimo nove punti di scarto. Una sconfitta con oltre nove punti di scarto, poi, potrebbe portare a una avulsa a tre squadre con Patrasso e Besiktas, nel caso in cui i turchi vincessero entrambe le ultime due gare (in casa con Ostenda e a Lubiana) e il Promitheas perdesse al prossimo turno con Klaipeda. Al momento la Virtus ha scontro diretto favorevole con il Besiktas (1-1 ma +3 nella differenza canestri), mentre lo stesso Besiktas ha il vantaggio contro Patrasso (1-1 ma +14 nella differenza canestri).

Virtus-Besiktas: il post partita di VNera

Champions League
Tempo di lettura 4 minuti
246 letto

Una Virtus dai due volti nel dodicesimo turno di Champions League: travolta per oltre 30′ dal Besiktas che tocca il +22, arrembante e quasi capace di concludere una pazzesca rimonta nel finale. Ma sulla sirena il tiro della vittoria di Punter si spegne sul ferro.

GAME INFO

RISULTATO: Sconfitta per 71-70.

La progressione di offensive rating e punteggio della partita

ANDAMENTO PARTITA: Inizio shock per la Virtus, che non centra mai il bersaglio e vede, al contrario, un Besiktas inarrestabile. Rich e Benzing martoriano il canestro bianconero. La Segafredo mette a referto solo sei punti nel secondo quarto e al 20esimo sembra non esserci partita: 24-46, con la Virtus ferma a zero alla casella canestri da tre punti. Nel secondo tempo è soprattutto Qvale che si fa valere sotto canestro, ma con il tiro che continua a non entrare (0/18 a un certo punto), gli ospiti mantengono un buon divario. Poi, a circa sette minuti dal termine, l’attacco bolognese si accende, mentre il Besiktas sparisce dal campo. Dal 44-62 di inizio frazione si arriva al -1 Virtus palla in mano a 20″ dal termine. La gestione del cronometro, però, non è ottimale. Punter tira da libero, ma a tempo scaduto. Sconfitta amara, ma parzialmente indolore.

FATTORE X DELLA PARTITA: lo 0/18 da tre punti con cui la Virtus arriva al 32esimo minuto di partita e un secondo quarto da sei punti segnati, con 3/17 al tiro e tre palle perse.

Gli highlights della partita

CLASSIFICA: volata finale sempre più vicina. Virtus che resta al primo posto con nove vittorie, incalzata da Patrasso, vincente in casa contro Strasburgo. Per garantirsi il primo posto ai bianconeri, in ogni caso, basterà vincere l’ultima partita casalinga contro i greci.

PROSSIME PARTITE: Virtus che tornerà in campo domenica alle 17 sul campo dell’Olimpia Milano per la seconda giornata del girone di ritorno in campionato.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SACRIPANTI E AMATH M’BAYE

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Peggior prestazione offensiva in Champions

70 punti realizzati con 104 di offensive rating rappresentano la peggior prestazione della Virtus in questa Champions League. Un dato pesantemente inficiato da un primo tempo davvero disastroso, chiuso con 24 punti a referto a un tremendo 71,3 di rating offensivo. Un dato dove la pessima serata di tiro da tre punti ha influito pesantemente, in una partita dove Brian Qvale ha dato un buon riferimento vicino al ferro.

Il dettaglio ON/OFF dei giocatori (qui il foglio complessivo)

2. Il momento no di Pietro Aradori

Insieme alla peggior prestazione offensiva di squadra è arrivata anche, nettamente, la peggior prova di Pietro Aradori in questa stagione e, forse, da quando è in maglia bianconera. Un punto a referto, 0/3 al tiro, addirittura -28 di plus/minus. Nelle ultime dieci partite (dalla gara sul campo di Klaipeda) gira a 7 punti di media col 32% dal campo. Sembra aver smarrito quella vena realizzativa che lo ha contraddistinto nel mese di novembre, ripiombando nelle difficoltà di inizio stagione.

3. Pajola con Taylor soluzione interessante

Dal match col Besiktas escono bene sia Tony Taylor, ultimo a mollare, che Alessandro Pajola, in campo in entrambi i quintetti che hanno rimesso in piedi la partita, +11 di plus/minus e +30.6 di net rating per la Virtus con lui in campo. In particolare ha funzionato particolarmente bene schierato in campo con Tony Taylor, confermando due sensazioni: che possa essere lui il sostituto teorico di David Cournooh fino al suo rientro, e che i quintetti con Taylor e Pajola insieme funzioni discretamente. Fino ad oggi schieramenti con loro due in campo hanno messo assieme 197 possessi giocati, +41 di plus/minus e +18 di net rating.

4. Cinque a quota zero…

Nella serata pessima in attacco va segnalata l’anomalia di ben cinque giocatori entrati in campo ma che non hanno segnato, a cui va aggiunto il solo punti messo a referto da Pietro Aradori. Un dato in totale contrapposizione rispetto alla partita con Trieste dove tutti i giocatori entrati i campo avevano messo il pallone nel canestro avversario. E in controtendenza con un attacco sempre abbastanza equilibrato o che comunque si è dimostrato capace di trovare contributo da tutti.

Il dettaglio dei quintetti schierati (qui il foglio complessivo)

5. … ma massimo stagionale di assist.

Nonostante quanto detto sopra, però, la Virtus quando si è accesa in attacco ha davvero fatto frullare la palla. 19 assist registrati, massimo assoluto in stagione e che conferma il trend recente. Segno di una squadra che, anche in una serata molto negativa, quando ha trovato i propri equilibri è tornata in un attimo alla sua solita efficienza.

Sorry, there are no polls available at the moment.

Recap Virtus – Besiktas: pessimi 33 minuti poi grande sforzo nel finale ma il tiro di Punter non vince la partita

Champions League
Tempo di lettura 2 minuti
288 letto

La Virtus si sveglia tardi al 33′ e dopo un 0/18 con la tripla rientra nell’incontro e con Punter addirittura ha il tiro della vittoria, non andato a segno.

RISULTATO FINALE: .

VIRTUS BOLOGNA
BESIKTAS
70 PUNTEGGIO FINALE 71
18 PRIMO QUARTO 26
24 (6) SECONDO QUARTO 46 (20)
44 (20) TERZO QUARTO 60 (14)
70 (26) QUARTO QUARTO 71 (11)
SUPPLEMENTARI
2 (2-0) MASSIMO VANTAGGIO 22 (24-46)
2 CAMBI VANTAGGIO 2
00:20 TEMPO IN VANTAGGIO 37:40

FATTORE X DELLA GARA: l’errore di Punter nel finale.

IL TABELLINO

VIRTUS: Taylor 16, Punter 17, Aradori 1, M’Baye 11, Moreira , Pajola , Cappelletti, Martin 12, Baldi Rossi , Kravic , Berti NE. All: Sacripanti

BESIKTAS: Pressley 13, Veydeloglu 4, Omer ne, Taskiran ne, Benzing 12, Cantekin 2, Yidlizi 1, Gibson 12, Mutaf ne, Sipahi, Buva 9, Rich 18All: Ivanovic.

STATISTICHE DEI SINGOLI

VIRTUS BOLOGNA
BESIKTAS
17 Punter PUNTI 18 Rich
6 Qvale RIMBALZI 6 Rich
6 Taylo ASSIST 6 Pressley
2 Punter PALLE PERSE 2 Sipahi Buva Gibson
2 Qvale PALLE RECUPERATE 1 Gibson
2 Qvale STOPPATE
22 Taylor VALUTAZIONE 17 Pressley
20 Punter +/- 12 Cantekin

STATISTICHE DI GIOCO

VIRTUS BOLOGNA
BESIKTAS
22/43 51% Tiri da 2 20/45 44%
5/26 19% Tiri da 3 8/18 44%
11/15 73% Tiri liberi 7/10 70%
27 Rimbalzi difensivi 28
15 Rimbalzi offensivi 9
42 Rimbalzi totali 37
19 Assist 12
8 Palle perse 10
8 Palle recuperate 1
4 Stoppate 0
15 Falli 21

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SACRIPANTI

Ci sono state due partite in una stasera. Nella prima eravamo troppo morbidi non solo in attacco dove abbiamo preso tiri in modo troppo individualista, ma anche in difesa come si vede dal punteggio. Nel secondo tempo ho usato Martin da 4 con il pressing a tutto campo e ho cercato una pressione più efficace possibile. Abbiamo giocato con energia e orgoglio e quasi ultimato la rimonta. Più che utile a me questa partita ha dimostrato che se giochiamo con intensità e non morbidi guardando a quanto siamo belli possiamo fare bene. C’e da dire che loro sono stati molto bravi, non riuscivamo a prendere i vantaggi che volevamo poi i 6 punti nel secondo quarto spiegano la nostra difficoltà. Dovevamo avere più ferocia mentale nell’approciare la partita.
Non ho ancora parlato con Punter nello specifico sull’ultimo tiro ma so che i ragazzi non avevano visto né il tempo né il punteggio, la panchina ha cercato di urlare ma non c’è stata la percezione in quell’istante e quando ho visto che esitava essendo lui molto istintivo e deciso ho capito che era stata una scelta non calibrata. Credo che la grande difficoltà stasera sia stato giocare con superficialità in attacco specialmente nel primo tempo. Gli avversari erano di altissimo livello ma lo 0 su 13 da tre ci ha sicuramente penalizzato. Su Qvale, stiamo facendo un buon processo di crescita soprattutto in coppa. Deve continuare cosi poi si giocheranno il posto in quel ruolo.


Interviste raccolte da Bolognabasket

VOTA CON NOI!

Sorry, there are no polls available at the moment.

PROSSIMO IMPEGNO

Virtus scenderà in campo tra quattro giorni il 27 gennaio,ore 17.00 in trasferta al Forum d’Assiago, contro Olimpia Milano.

Pre partita Virtus – Besiktas: vincere per aver più chance di primo posto nel girone

Champions League

Tempo di lettura 2 minuti

217 letto

La Virtus dopo la bella vittoria contro Trieste, ritorna al Paladozza e incontra i turchi del Besiktas.

GAME INFO

Quando: mercoledì 23 gennaio, ore 20:30

Dove: Paladozza, Bologna

TV: Eurosport Player

Classifica: La Virtus è salda al primo posto con 20 punti, a due lunghezze da Patrasso.

PROBABILI QUINTETTI

VIRTUS BOLOGNA  BESIKTAS
Tony Taylor Phil Pressley
Kevin Punter Jason Rich
Pietro Aradori Burak Yildizli
Amath M’Baye Erkan Veyseloglu
Yanick Moreira Ivan Buva

INDISPONIBILI

VIRTUS: Cournooh

BESIKTAS: nessuno

Andamento Besiktas: Imbattuta in coppa nel 2019, ha vinto contro squadre importanti nel girone come Strasburgo e Patrasso, quindi avversaria molto temibile.

PRONOSTICO VNERA: Virtus 55% Besiktas 45%

VOTATE CON NOI!

Sorry, there are no polls available at the moment.

5 APPUNTI SUL BESIKTAS

1.GOOD TEAM KILLER

Eravamo stupiti al termine del girone d’andata vedere questa squadra così sotto di posizione nel girone e infatti nel 2019, la squadra allenata da Ivanovic ha cambiato marcia battendo Strasburgo in trasferta e vincendo contro Patrasso in casa ed è al momento imbattuta, quindi bisogna stare attenti.

2.Non hanno giocato in campionato, quindi arrivano più riposati

La bella vittoria in casa contro Patrasso è l’ultima giocata, quindi hanno avuto ben 8 giorni per allenarsi e prepararsi per questa partita: può essere un fattore o no, sarà il campo a decidere.

3.ATTENTI A QUEI DUE

Ivan Buva e Jason Rich entrambi ex giocatori allenati da Pino Sacripanti. Questa coppia in attacco è molto temibile: l’americano è 12º assoluto per punti segnati con 15.3 punti a gara, mentre il croato è 17º con 15.1 a referto ad ogni allacciata di scarpe quindi entrambi garantiscono 30 dei 78 fatti in Basketball Champions League.

4.TAGLIAFUORI? NO GRAZIE

Incredibile ma abbiamo trovato una squadra che va rimbalzo peggio di noi! Sono infatti ultimi per rimbalzi catturati a partita con ben 20.7 palloni, in particolar modo in attacco dove catturano solo il 17.1%

Moreira Kravic e forse Qvale quindi dovranno fare la partita sotto canestro per garantire alla Virtus secondi possessi fondamentali e far stancare ancora di più la squadra turca.

5.SI PASSANO BENE LA PALLA

Dusko Ivanovic ama far correre la sua squadra ma ama coinvolgere tanto i suoi giocatori con schemi, sebbene questa squadra disponga di americani che sono molto bravi a crearsi un tiro e la nona squadra in tutta la Champions League per assist fatti, con un intrigante 64,9% di Assist in percentuale su 100 possessi.

Focus: quante triple deve segnare la Virtus per vincere la partita?

virtus

Tempo di lettura 1 minuto

255 letto

Diciassette partite in stagione per la Virtus e possiamo notare un altra piccola caratteristica che pregiudica il risultato finale della nostra amata V.

Ebbene abbiamo notato che la VNera vince quando più o meno segna dalle 8 triple in sù.

In campionato la squadra di Sacripanti subisce 7.9 bombe segnate in 21.0 tentativi quindi in media gli avversari hanno il 37% da tre.

In attacco invece la Segafredo segna in media 8 su 22 tentativi quindi in media tira con il 35%.

Ecco un breve elenco delle partite perse e le medie da tre punti:

6/21 vs Milano

5/23 vs Cremona

7/19 vs Venezia

6/22 vs Pesaro

L’attuale record di triple segnate per ora appartiene alla gara d’esordio contro Trieste (13/24 54%) mentre in casa contro Torino ci siamo riavvicinati senza eguagliarlo o superarlo (11/28 39%).

In Champions League invece la Virtus da tre punti ha ottenuto queste percentuali nelle sue vittorie:

9/16 vs Patrasso

10/24 vs Strasburgo

11/28 vs Oostende

9/20 vs Besiktas

7/19 Vs Medi Bayreuth

11/26 vs Lubiana

Subisce in media 5.8 canestri da tre su 15.7 tentativi con una media del 37.3%, mentre realizza appunto 9.1 triple di media su 22.4 tentativi con una media ottima il 40.8%.

A livello singolo in campionato la Virtus ha:

Cappelletti 50% però meno di un tiro a partita,

46% Aradori,

39% Punter,

36% Mbaye,

34% Taylor

12% Martin (1/8)

18% Baldi Rossi (2/11)

In Champions League invece

Punter 49%,

Aradori 46%,

Taylor 38%,

Mbaye 20%

Cournooh 69%!!!!!,

Baldi Rossi 32%,

Cappelletti 50% ma 3/6,

Martin 29%