VNera season review: Brian Qvale

Tempo di lettura 2 minuti
345 letto

Il giocatore in assoluto più chiacchierato della stagione 2018/2019. Sulla sua salute e, nello specifico, sulla sua schiena probabilmente la vera verità non si saprà mai. Fatto sta che l’autentico Brian Qvale si è visto per poco.

E quando c’è stato, peraltro, ha mostrato tutta la sua qualità. Fatta di posizione difensiva, intelligenza cestistica, mobilità sul pick & roll insospettabile a un primo sguardo. Purtroppo quelle ventitré partite saltate pesano come un macigno.

Statistiche Tradizionali Brian Qvale

CompetizioneGPGSMINFGMFGAFG%3PM3PA3P%FTMFTAFT%OFFDEFTRBASTSTLBLKPFTOVPTS
All Leagues292117.23.625.90.6140.000.00.0000.931.59.5872.102.344.450.620.380.312.030.668.17
BCL151018.13.736.13.6090.000.00.0001.271.67.7602.132.674.800.930.400.401.670.808.73
Lega A131116.53.625.85.6180.000.00.0000.541.46.3682.231.924.150.310.380.152.380.387.77
Italian Cup1014.02.003.00.6670.000.00.0001.002.00.5000.003.003.000.000.001.003.002.005.00

Statistiche Avanzate Brian Qvale

CompetizioneGPGSTS%eFG%ORB%DRB%TRB%AST%TOV%STL%BLK%USG%Total S %PPRPPSORtgDRtgPER
All Leagues2921.620.61414.6416.4515.546.509.041.211.6420.37120.10-1.451.39127.3109.621.18
BCL1510.636.60914.2918.4916.358.9810.431.222.0620.65136.87-0.981.42128.7106.423.88
Lega A1311.599.61815.9813.8114.893.585.601.290.8320.0898.68-1.131.33127.9113.721.52
Italian Cup10.644.6670.0020.4111.580.0034.010.006.0819.68116.67-14.301.6784.0105.58.18

Statistiche On/Off Brian Qvale

CompetizioneOffensive Rating (ON)Defensive Rating (ON)Net Rating (ON)Offensive Rating (OFF)Defensive Rating (OFF)Net Rating (OFF)
Complessivo115.5106.29.3108.8106.52.3
Serie A111.3111.10.2108.1108.6-0.5
BCL117.5103.613.9111.299.711.5
Coppa Italia116.774.142.6109.4120.8-11.3

IL MEGLIO DELLA STAGIONE

In Coppa ha prodotto il meglio in assoluto. Sei delle sue nove partite in doppia cifra le ha giocate in Champions, anche se negli occhi di tutti è rimasta la grande prestazione casalinga con Milano (18+12 al cospetto di Arturas Gudaitis).

E’ stato, però, il classico giocatore da piccole cose, a cui spesso non si fa caso. D’altronde i suoi numeri avanzati sono lì a testimoniarlo: migliore della squadra per net rating on/off, +18 di net rating “semplice”, con lui in campo la Virtus ha prodotto quasi cinque punti in più per cento possessi in attacco.

E nel marasma della sua situazione, tra dentro e fuori campo/tribuna, conferme e smentite sul suo stato, lui non ha mai detto una parola fuori posto, dimostrandosi, prima ancora che un giocatore, un professionista esemplare. Validando, peraltro, la scelta effettuata dal gruppo di nominarlo capitano in estate.

IL PEGGIO DELLA STAGIONE

E’ stato anche lui parte attiva della difficoltà di squadra a rimbalzo. Il suo 16,4% di defensive rebound percentage è il dato peggiore dal 2014 a oggi.

Ugualmente in difesa ha mostrato meno di quanto ci si aspettasse la capacità, vista per esempio l’anno scorso in Russia, di cambiare sui pick & roll a tenere almeno un paio di palleggi dell’esterno.

Intimidatore non lo è mai stato e questa stagione lo ha confermato in maniera ancora più vigorosa rispetto al passato: 1,6% di block percentage, che è nettamente il dato più basso della sua carriera europea.

IL VOTO DI VNERA

Dare un voto alla stagione di Brian Qvale non è semplice. E’ stato buttato in pasto al pubblico come giocatore strapagato e sempre fermo per infortunio, ma quando è andato in campo quasi mai ha fatto male. Certo, giocare poco più della metà delle partite è un neo, ma non tale da portare il nostro giudizio sotto al 6.

Season review precedenti

Kevin Punter 7
Alessandro Pajola 6,5
Alessandro Cappelletti 6,5
Amath M’Baye 5,5
Tony Taylor 6
Dejan Kravic 7

Virtus – Trento : il post partita di VNera

Tempo di lettura 1 minuto
39 letto

Incoraggiante vittoria della Virtus contro Trento. Playoff non ancora svaniti ma bisognerà vincere e sperare nell’andamento degli altri campi.

GAME INFO

Risultato finale: vittoria 74-69

ANDAMENTO DELL’INCONTRO: palazzo semi vuoto Trento inizia subito con un 8-0 la V cerca Moreira e si sblocca, ma gli ospiti giocano più di squadra e dopo 10’ è 13-19. Nella seconda frazione la Virtus toglie dal campo gli americani e pareggia la gara a 28, rientra Taylor e fa il terzo ma entrambe sbagliano davvero di tutto e dopo 20 minuti è 34 pari. Rientrati in campo la V prova a scappare approfittando della pochezza trentina +7 (43-36) poi Baldi Rossi fa anche +12 allo scadere 59-47. Quarto quarto Aquila prova a reagire ma continua a sbagliare una marea di liberi, la Virtus tocca +16 (69-53), Craft e Flaccadori si accendono ma ormai è troppo tardi e il punteggio finale è 74-69.

FATTORE X DELLA PARTITA: gli errori in lunetta ospite e la non difesa nella ripresa che ha di fatto aiutato la Virtus a vincere la gara, nonostante le pessime percentuali dal campo.

PROSSIME PARTITE: Prossima partita per la Virtus è la tanto agognata semifinale di Basketball Champions League, venerdì prossimo 3 maggio alle 18:30 contro la Brose Bamberg.

LE PAROLE DEI PROTAGNISTI

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1.

2.

3.

4.

5.

Recap Virtus – Trento: Bella vittoria anche in vista della semifinale di coppa

Virtus
Tempo di lettura 1 minuto
136 letto

La Virtus vince la penultima gara di campionato contro una Aquila Trento senza grandi ambizioni e pronta a disputare i loro playoff scudetto.

RISULTATO FINALE:

VIRTUS
BRINDISI
74 PUNTEGGIO FINALE 69
13 PRIMO QUARTO 19
34(21) SECONDO QUARTO 34(15)
59(25) TERZO QUARTO 47(13)
74(15) QUARTO QUARTO 69(22)
SUPPLEMENTARI
16 MASSIMO VANTAGGIO 8
2 CAMBI VANTAGGIO 2
20:18 TEMPO IN VANTAGGIO 15:35

FATTORE X DELLA GARA: gli errori in lunetta ospite e la non difesa che ha di fatto aiutato la Virtus a vincere la gara, nonostante le pessime percentuali dal campo.

IL TABELLINO

VIRTUS: Punter 4; Moreira 6; Pajola 2; Taylor 4; Baldi Rossi 14; Cappelletti NE; Kravic 16; Aradori 6; Berti NE; M’Baye 9; Cournooh 5. All. Djordjevic

Trento: Marble 7; Pascolo 7; Mian 0; Forray 0; Flaccadori 11; Craft 22; Mezzanotte 4; Gomes 5; Hogue 11; Lechtaler NE; Jovanovic 0. All. Buscaglia

STATISTICHE DEI SINGOLI

VIRTUS
BRINDISI
16 Kravic PUNTI 22 Craft
6 Baldi Rossi RIMBALZI 6 Craft Gomes
3 Taylor Pajola ASSIST 3 Craft Hogue
4 Kravic PALLE PERSE 3 Forray
2 Kravic PALLE RECUPERATE 4 Craft
2 Kravic STOPPATE 1 Mezzanotte Gomes
20 Kravic VALUTAZIONE 25 Craft
20 Kravic +/- 6 Craft

STATISTICHE DI GIOCO

VIRTUS
BRINDISI
21/36 58% Tiri da 2 21/46 46%
2/18 11% Tiri da 3 5/14 36%
26/28 93% Tiri liberi 12/25 48%
28 Rimbalzi difensivi 22
7 Rimbalzi offensivi 9
35 Rimbalzi totali 31
15 Assist 13
14 Palle perse 11
7 Palle recuperate 9
3 Stoppate 2
25 Falli 22

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

PROSSIMO IMPEGNO

Prossima partita per la Virtus è la tanto agognata semifinale di Basketball Champions League, venerdì prossimo 3 maggio alle 18:30 contro la Brose Bamberg.

Reggio Emilia – Virtus: il post partita di VNera

Virtus
Tempo di lettura 4 minuti
241 letto

La Virtus ottiene una buona vittoria in trasferta (dopo quasi un mese dall’ultimo successo) e lo fa sul campo di Reggio Emilia, tenendo ancora viva una piccola speranza di partecipare ai prossimi play-off scudetto di Legabasket.

GAME INFO

Risultato finale: vittoria per 89-81.

La progressione di punteggio e offensive rating della partita

ANDAMENTO DELL’INCONTRO: la VNera parte bene con Moreira positiva in quintetto: +7 sbagliando anche più del necessario. Reggio non fa canestro, ma dopo una tripla di Mussini sulla sirena riesce a contenere il deficit a  fine primo quarto. È tornato Punter e si vede: suo il beak per il vantaggio in doppia cifra al 14′ (20-31), difendendo forte anche su Johnson-Odom. Si sblocca Aradori e la Virtus arriva a un passo dal +20 al 19′ (27-45). La Grissin Bon si sveglia sul finale, grazie anche a qualche leggerezza bianconera: 32-46 all’intervallo. Nella ripresa Reggio prova a metterla sulla fisicità e la Virtus non risponde a tono: al 24′ è -4 (46-50) con Aguilar protagonista. La Segafredo accusa il colpo, il PalaBigi si infiamma. Ortner pareggia e Dixon con la tripla porta anche il primo vantaggio Reggiana (53-52), al termine di un parziale di 23-6. La Virtus, allora, nel momento di maggior difficoltà si affida agli italiani: Baldi Rossi segna una tripla e un gran tiro in allontanamento, Aradori inventa da par suo. Altro parziale di 23-6, stavolta ospite, e 59-68 al 30’. Il duo italiano continua a segnare, la Virtus allunga a +16 (59-75) al 32′. Reggio è in riserva e getta la spugna. Dopo aver toccato il ventello di vantaggio è garbage time negli ultimi minuti per l’89-81 finale.

CLASSIFICA: Virtus sempre fuori dalla zona playoff (distante quattro punti) e undicesima in classifica. I risultati dagli altri campi sono stati negativi, pertanto continua ad essere indispensabile vincere senza sbagliare più niente. E sperare.

LE CHIAVI DELLA PARTITA: la Virtus fa il suo dovere nei due aspetti cruciali della partita: a rimbalzo e in difesa sul tiro da tre punti avversario. Solo sei rimbalzi in attacco concessi a Reggio e 54% di total rebound. 8/26 concesso da dietro l’arco alla Grissin Bon.

PROSSIMA GARA: Virtus in campo già mercoledì 24, alle ore 20.30 sul campo della Germani Brescia, nell’anticipo della 29esima giornata, dovuto alla Final Four di Champions League.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Sasha Djordjevic in conferenza stampa

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. La reazione al momento giusto

La Virtus questa volta non si è fatta travolgere dal momento negativo. In particolare nel terzo quarto, quando sembrava di essere di fronte al solito film già visto. Un +19 diventato in cinque minuti -2, con Reggio Emilia improvvisamente infallibile in attacco e un clima arroventato dentro al Palazzo. Lì i bianconeri hanno trovato risorse inaspettate, come un Filippo Baldi Rossi in totale spolvero (12+6 in 21′, 163 di offensive rating), oltre alla prova davvero eccellente di Pietro Aradori. 23-6 di parziale e resistenza reggiana fiaccata.

2. Gara intelligente a rimbalzo

Come dicevamo in precedenza, la Virtus ha vinto la lotta a rimbalzo (aggiornato il dato in campionato: quando succede la Segafredo è 10-0). E lo ha fatto in maniera studiata e intelligente. Gli uomini di Djordjevic non hanno cercato particolarmente il rimbalzo in attacco (solo 1 catturato), ma in compenso sotto il proprio ferro hanno lasciato le briciole a Cervi e compagni. Moreira ha avuto ottimo impatto nel primo tempo, mentre è stato Baldi Rossi a far spolvero nel secondo tempo. Il tutto senza sottovalutare l’importantissimo contributo di Tony Taylor e Pietro Aradori, con tredici rimbalzi totali in coppia. Poche seconde chance di tiro concesse sono state fondamentali per la vittoria.

Il dettaglio ON/OFF dei giocatori (qui il foglio complessivo)

3. La staffetta su Johnson-Odom

Buono il lavoro difensivo fatto contro Darius Johnson-Odom, che era, senza mezzi termini, il pericolo pubblico numero uno. L’esterno di Reggio chiude sì con 21 punti, ma per lunghi tratti del match è stato isolato ottimamente dai turni difensivi previsti su di lui da coach Djordjevic. Martin, poi un Punter molto applicato, infine Cournooh. La VNera ha speso tutte le sue risorse difensive per togliere alla Grissin Bon la propria principale minaccia, riuscendoci. Johnson-Odom, infatti, segna dieci punti nel quasi irrilevante quarto finale, mentre si ferma a due nel terzo, in cui la Segafredo mette il parziale decisivo.

4. Riscossa tricolore

E’ stata una vittoria a forti tratti azzurri quella di sabato. Aradori e Baldi Rossi (35 punti e 13 rimbalzi in due) sono stati i principali protagonisti, segnando i canestri che hanno spinto indietro Reggio Emilia. Pajola e Cournooh hanno dato preziosi minuti di difesa dalla panchina. Una buona notizia in vista del rush finale, dove ogni giocatore sarà chiamato a portare il proprio mattonicno.

Il dettaglio dei quintetti schierati (qui il foglio complessivo)

5. Baldi Rossi-Kravic: che coppia!

Per l’ennesima volta l’accoppiata Baldi Rossi-Kravic è stata protagonista sotto canestro nel momento positivo bianconero. Un trend che continua da inizia stagione e ha vissuto una nuova puntata in terra reggiana: +7 con loro in campo, 136 l’offensive rating di squadra e 105 di defensive. Una coppia sottovalutata ma, probabilmente, ben integrabile e complementare nelle proprie caratteristiche, che ancora una volta ha portato un contributo importante.

Virtus – Pistoia: il post partita di Vnera

Tempo di lettura 4 minuti
214 letto

La Virtus perde in casa contro l’ultima in classifica Pistoia e si complica la rincorsa ai playoff.

GAME INFO

Risultato finale: sconfitta 67-78

ANDAMENTO DELL’INCONTRO: c’è Cappelletti per la prima volta in quintetto e dopo 6 minuti il punteggio è 3-11 con la Virtus che concede tantissimi rimbalzi e l’attacco a Pistoia; la V continua a non far canestro entrano Aradori e Baldi Rossi ma Mitchell con la tripla arrotonda a -11 dopo 10 minuti di gioco 11 a 22. La V nel secondo quarto rientra nervosa e se la prende con gli arbitri ma Krubally mette 2 triple inaspettate viste le medie in stagione e gli ospiti arrivano +17; si sveglia Bologna con M’Baye e Chalmers tornando a -7 (33 a 40) ma nuovamente Mitchell mette un’altra tripla allo scadere per il 33-45 all’intervallo. Nella ripresa Djordjevic si prende un fallo tecnico e si ritorna tutto ad un tratto -15 con ancora tanti secondi tiri concessi agli avversari (35-50) l’attacco non gira e Krubally rimane un bel problema, Taylor fa anche in tempo a sbagliare una schiacciata clamorosa e alla fine del terzo quarto il risultato è di 50-61; M’baye in attacco ci prova e arriva a -8 ma Mitchell inbeccato dal pubblico si esalta e con nove punti (in particolare 2 triple marcato da Cournooh) chiude quasi la contesa; il pubblico si arrabbia e contesta e dopo il gioco da tre punti di Mesicek a tre minuti dalla fine è già garbage time fino alle 67-78 conclusivo.

FATTORE X DELLA PARTITA: la schiacciata sbagliata di Tony Taylor e la differenza 38-47 nel conto dei rimbalzi totali a fine partita.

CLASSIFICA: si complica ancor di più la corsa playoff, la Virtus non può più sbagliare nelle prossime 5 gare.

PROSSIMA PARTITA: Virtus torna in campo domenica 14 aprile alle 20.45 al Paladozza contro Brindisi, per la ventiseiesima giornata di campionato.

LE PAROLE DEI PROTAGNISTI

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Rimbalzi concessi

Purtroppo tocca dire “l’avevamo detto” che una delle voci delicate avrebbe potuto essere quella dei rimbalzi, si, anche contro l’ultima del lotto. Pistoia, terzultima in stagione ma comunque davanti alla Virtus in questa voce statistica, è migliorata a rimbalzo con gli innesti di Crosariol ma anche di Mitchell. Krubally è uno dei migliori individualmente e, purtroppo, continua la tendenza dei 4 avversari a sembrare tutti Rasheed Wallace o Karl Malone, scegliete voi, contro i nostri pariruolo, evidentemente non esenti da colpe. Sul banco degli imputati in particolare M’Baye, autore di una prova sinceramente sconcertante e davvero di carta velina in difesa. Krubally ringrazia e piazza la miglior prestazione stagionale.

2. Difesa ragazzi dai

Qui non si sa da dove cominciare. 78 punti concessi al peggior attacco del campionato. Percentuali – tutte – concesse sia da 2 che da 3 punti sopra alla media stagionale. Sotto canestro, però, la difesa è arrivata a livelli di indecenza ancora non visti. Riportiamo qui solo le statistiche di Krubally, non importa ricordare chi difendeva su di lui perché lo abbiamo visto tutti. 9/10 da 2, 2/2 da 3, 6 tiri liberi (tutti a bersaglio, ma su quelli almeno non si difende). 16 rimbalzi di cui 5 offensivi, solo 1 palla persa, una. 1 fallo fatto, tra l’altro, uno. Se si aggiunge il 6/8 di Auda con 7 rimbalzi (e ci ha graziato con uno 0/4 ai liberi) credo che siano inutili ulteriori commenti.

3. Atteggiamento da rivedere

La Virtus è apparsa molle, priva di energia, di convinzione, di interesse quasi a recuperare la partita. Anche qui si fatica a trovare parole per commentare. Si tratta di una squadra che ha nel suo DNA la discontinuità. Più che un coach servirebbe un analista o un motivatore, chissà. Il primo, sicuramente sarebbe utile a chi era al Paladozza mercoledì e domenica. Non siete bipolari ragazzi, non avete le allucinazioni, è solo che quest’anno va così.

4. Fermi contro la zona

Tatticamente, si è tornati alla peggior versione della Virtus di Sacripanti. Attacco fermo, isolamenti, poca capacità di lettura (altra caratteristica ahimè sempre più riscontrabile in questa squadra), tendenza a giocare da soli alla prima difficoltà. La zona a fronte pari non è quasi mai stata attaccata a centro area, né a fronte delle scarse percentuali la Virtus è stata capace di sfruttare il vantaggio a rimbalzo che la zona concede sempre agli attacchi, a patto di andare con aggressività a rimbalzo offensivo. Di tutto questo, poco e nulla.

5. Virus intestinale: alibi o scusa?

La condizione anche fisica della squadra è sembrata a più riprese precaria. Chalmers stenta (eufemismo) a trovare una forma accettabile. Da M’Baye e Moreira, contro lunghi che cedono loro quasi 10 centimetri, ci si aspetta una prova di fisico ed atletismo certamente diversa. Taylor è parso l’ombra del giocatore decisivo di mercoledì sera. Ci auguriamo che con il virus intestinale passino anche gli alibi. Questa squadra ha ancora da giocare 7 partite sicure. Vincerne 4 o vincerne 6 (figuriamoci 7) cambierebbe radicalmente il giudizio su questa stagione.