Recap: Virtus Bologna – Morabanc Andorra

Virtus
Tempo di lettura 1 minuto
126 letto

Bella vittoria per la Virtus che reagisce con personalità ad un primo quarto complicato, stringe la difesa e vince largo contro Andorra, mettendo tra sé ed il Morabanc quattro punti e lo scontro diretto.

GAME INFO

RISULTATO FINALE: vince la Virtus per 87-72.

STATISTICHE DI GIOCO

CASA
OSPITE
87PUNTEGGIO FINALE72
17PRIMO QUARTO28
43 (26)SECONDO QUARTO38 (10)
64 (21)TERZO QUARTO49 (11)
87 (23)QUARTO QUARTO72 (23)
SUPPLEMENTARI
+18MASSIMO VANTAGGIO+11
3CAMBI VANTAGGIO3
22:38TEMPO IN VANTAGGIO12:16
22/33 (67%)Tiri da 215/35 (42%)
11/27 (41%)Tiri da 3 11/19 (58%)
10/14 (71%)Tiri liberi 9/15 (60%)
29Rimbalzi difensivi19
10Rimbalzi offensivi10
39Rimbalzi totali29
23Assist12
14Palle perse16
4Palle recuperate8
6Stoppate4
21Falli21

Fattore X della partita: ancora una volta, è la difesa della Virtus a fare la differenza, con soli 21 punti concessi agli avversari tra secondo e terzo quarto. La partita si chiude lì.

Tabellini: VIRTUS: Gaines 11; Pajola 2; Baldi Rossi 10; Markovic 10; Ricci 5; Delia 2; Cournooh 0; Hunter 7; Weems; 6 Nikolic NE; Teodosic 15; Gamble 19. All. Djordjevic
ANDORRA: Perez 3; Sy 4; Llovet 7; Massenat 5; Hannah 15; Todorovic 7; Diagne 9; Walker 5; Colom 0; Jelinek 10; Senglin 7. All. Navarro

Eurocup, le avversarie della Virtus: Morabanc Andorra

Morabanc Andorra
Tempo di lettura 3 minuti
305 letto

Terzo avversario per la Virtus in questa Eurocup: il Morabanc Andorra, che arriva al Paladozza domani per il terzo turno di regular season. Andiamo a conoscerlo meglio.

Squadra del microstato dei Pirenei, riuscì ad ottenere l’accesso ai campionati spagnoli negli anni ottanta. Da lì, pian piano, è cresciuta, arrivando in ACB per la prima volta nel 1992. Tornata nelle minors dopo quattro anni per via di problemi economici, ha rivisto la luce nel 2008, anno in cui è tornata in LEB, la seconda serie iberica. Il trionfo della stagione 2013/2014 l’ha riportata nella massima serie.

Si è guadagnata il primo storico accesso all’Eurocup nel 2017/2018, ma già al secondo tentativo, l’anno scorso, ha fatto benissimo, fermandosi solo in semifinale.

Gioca al Poliesportiu d’Andorra, palazzo dello sport da circa cinquemila posti.

LA SQUADRA

Allenati da Ibon Navarro, 43enne coach con un passato anche al Baskonia, gli andorrani sono da un paio di stagioni una delle novità più interessanti del panorama cestistico spagnolo. Arrivano a questa stagione con un roster profondamente rinnovato: solo quattro conferme a fronte di otto nuovi arrivi.

Prima della semifinale di Eurocup conquistata l’anno scorso, in una squadra dove trovava minuti importanti anche Michele Vitali, Andorra aveva conquistato il primo accesso ai playoff di campionato della propria storia, venendo eliminato ai quarti di finale, solo alla terza partita, dal Barcelona.

GLI ESTERNI

Clevin Hannah e Jeremy Senglin sono i due nomi principali del reparto guardie. Playmaker, entrambi non dotati di grande taglia fisica. Il primo viene da una stagione interlocutoria a Gran Canaria, dove, però, ha disputato l’Eurolega. Il secondo, invece, ha giocato la sua miglior stagione a Nanterre. Dalla loro capacità di creare, per sè e possibilmente per i compagni, passa molto della stagione del Morabanc. Squadra che gioca tanto pick & roll, se si pensa anche alla presenza di Dejan Todorovic. Altro nuovo arrivo da Murcia, dove ha passato praticamente un anno fermo per via della rottura del crociato a settembre. Guardiona di quasi due metri, gioca prevalentemente palla in mano, anche lui sfruttando tanto il pick & roll, uscendo dalla panchina. Completa la rotazione l’ex Oldenburg Frantz Massenat. In ala, infine, troviamo la coppia Walker-Jelinek, confermata dall’anno scorer. Il primo, in particolare, è un esterno con buon atletismo e discreta mano al tiro.

I LUNGHI

Nel reparto lunghi svetta il nome di Bandja Sy (ne avevamo già parlato qui), ala prelevata dal Partizan che porta in dote enorme atletismo e buona mano al tiro piazzato. Spazia il campo a Moussa Diagne, centro atletico che si dividerà i minuti col serbo Dejan Musli, meno mobile ma più solido rispetto al proprio compagno di reparto. Tyson Perez è la loro scommessa. MVP della seconda lega spagnola lo scorso anno è un’ala con grande atletismo e tiro da aggiustare che ancora si sta adeguando alla nuova realtà. Chiude il reparto Nacho Llovet, ruvido quattro arrivato dall’Obradoiro.

CHI TENERE D’OCCHIO

Detto che Andorra è una squadra che dovrà produrre attacco soprattutto partendo dalle proprie guardie, ci sarà da stare molto attenti a Dejan Todorovic. E’ il leader della second unit andorrana e tiene parecchio palla in mano. In particolare la sua taglia fisica potrebbe essere problematica da contenere per le guardie virtussine (in particolare Gaines e Cournooh che gli cedono diversi centimetri) e, pertanto, sarà un giocatore da non far entrare in partita contenendolo al meglio in difesa.

Vl Pesaro-Virtus Bologna: il pre partita di VNera

Virtus
Tempo di lettura 2 minuti
130 letto

Dopo la rassicurante vittoria contro il Maccabi Rishon Lezion, la Virtus scende nuovamente in campo, in trasferta contro la Carpegna Prosciutto Pesaro.

GAME INFO

Quando:Domenica 13 ottobre ore 19.00

Dove: Vitifrigo Arena, Pesaro

TV:Eurosport Player

RADIO: Radio Bologna Uno

PROBABILI QUINTETTI

PesaroVirtus
MussiniMarkovic
BarforthGaines
DrellCournooh
ThomasRicci
ChapmanGamble

COME STA Pesaro: due sconfitte consecutive (ultima di 20 punti in trasferta contro Sassari) e ultima partita giocata il 29 settembre, perchè hanno riposato la scorsa giornata. È arrivato il centro molto probabilmente a sostutuire Lydeka, ma è apparsa una squadra molto carente in difesa ed in particolare in area. La panchina pare piuttosto corta, con il solo Leonardo Totè a dare un certo impatto. Gli innesti di Pusica e Chapman, entrambi all’esordio, potrebbero allungare un po’ le rotazioni e dare ai pesaresi qualche arma in più.

VOTATE CON NOI!

Chi vincerà sabato?

View Results

Loading ... Loading ...

5 SPUNTI SULLA PARTITA

1.Non sottovalutarli

Altra partita dal pronostico favorevole ma bisogna non sottovalutare l’avversario, cercando di prendere da subito il controllo della partita per consolidare una volta che inizino le rotazioni e la lunghezza della panchina della Virtus possa dare un vantaggio prevedibilmente decisivo.

2. Ecco Pusica

Per i pesaresi fa il suo esordio in campionato Vasa Pusica, interessante guardia serba con quattro anni di NCAA alle spalle, oltre ad una dozzina di partite giocate l’anno scorso nella lega serba con il Partizan. Le statistiche ci parlano di un attaccante produttivo, con un tiro da tre temibile, una certa tendenza all’assist. Come tutti i giocatori sconosciuti, l’effetto sorpresa sarà dalla sua; interessante anche vedere l’integrazione con Federico Mussini, di cui parleremo dopo.

3. Cambio al centro

Giornata di esordi in casa Pesaro. Prima partita nel nostro campionato anche per Clint Chapman, ala/centro bianco di 2.08 che dovrebbe sostituire l’eterno Lydeka, non brillantissimo nelle prime uscite. Veterano dei parquet europei, ultimo in Germania, prima all’Alba poi al Ludwigsburg in BCL l’anno scorso, pare un onesto mestierante con la particolarità di prendersi volentieri qualche tiro da oltre l’arco, con discrete percentuali. Anche per lui vale il discorso fatto per Pusica, occhio a non farsi sorprendere.

4. I due ragazzi italiani…

La coppia formata da Federico Mussini e Leonardo Totè nelle prime due uscite ha avuto numeri eccellenti. Mussini viaggia a 17.5 punti a partita, con quasi il 50% da tre (5/7 contro Sassari), in oltre 32 minuti di impiego. Soffre in difesa, come prevedibile per la sua stazza, 127 abbondanti di Defensive Rating. Qui la Virtus ha un vantaggio che dovrà sfruttare. L’ala ex Jesi viaggia invece a 10.5 punti in 20 minuti, con un eccellente +32 di net rating, segno di positivo impatto uscendo dalla panchina, e ben 7.5 rimbalzi nelle prime due partite.

5. … e i due americani

La coppia guardia – ala piccola che completa il quintetto pesarese è formata da Jaylen Barford, guardia tiratrice piuttosto classica che ha preso finora 7 tiri a partita solo da oltre l’arco (con discrete percentuali) e da Zach Thomas, ala 23enne ex Bucknell dove ha chiuso l’anno da senior con oltre 20 punti a partita; l’anno scorso agli Okapi Aalstar, campionato belga, dove ha chiuso con quasi 15 punti e 6 rimbalzi a partita. Giocatore di una certa stazza ed una fisicità non trascurabile, sarà interessante vedere il suo impatto soprattutto in assenza di Kyle Weems.

Recap Virtus-Maccabi Rishon Lezion: allenamento di tiro e vittoria in scioltezza

Virtus
Tempo di lettura 1 minuto
203 letto

Dopo aver un po’ faticato, anche per via di un impatto fisico ed emotivo sulla gara non proprio eccezionale, la Virtus prende il largo a metà secondo quarto contro il Maccabi Rishon Lezion e va a vincere dilagando.

Gaines ritrova fiducia in attacco, Markovic martella e anche Pajola è protagonista in attacco con la sua prima doppia cifra in carriera. Il tutto condito da sedici triple a bersaglio.

GAME INFO

RISULTATO FINALE: vittoria per 96-77.

STATISTICHE DI GIOCO

VIRTUS
MACCABI
96PUNTEGGIO FINALE77
24PRIMO QUARTO18
21 (45)SECONDO QUARTO22 (40)
26 (71)TERZO QUARTO19 (59)
25 (96)QUARTO QUARTO18 (77)
SUPPLEMENTARI
20MASSIMO VANTAGGIO3
4CAMBI VANTAGGIO3
35:54TEMPO IN VANTAGGIO1:45
15/29 (52%)Tiri da 216/47 (34%)
16/38 (42%)Tiri da 39/24 (38%)
18/23 (78%)Tiri liberi18/25 (72%)
33Rimbalzi difensivi25
14Rimbalzi offensivi14
47Rimbalzi totali39
25Assist13
13Palle perse10
8Palle recuperate10
2Stoppate4
23Falli24

FATTORE X DELLA PARTITA: la mira della Virtus da tre punti. 16/38, nettamente la miglior prestazione dell’anno. A segno un po’ tutti e parziale decisivo siglato da quattro canestri pesanti di Markovic e Pajola, non esattamente due cecchini. Dal 50-49 del 24esimo si va al 71-59 del 30esimo. Da lì partita praticamente finita.

Chi è stato l'MVP della Virtus?

View Results

Loading ... Loading ...

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Sasha Djordjevic nel post partita

PROSSIMO IMPEGNO

Virtus in campo domenica 13 ottobre alle 19 sul campo della Carpegna Pesaro, per la quarta giornata di campionato.

Eurocup, le avversarie della Virtus: Maccabi Rishon Lezion

Virtus

Tempo di lettura 2 minuti

202 letto

Continuiamo il nostro approfondimento sulle prossime squadre che affronteranno la Virtus per l’Eurocup e oggi sarà la volta degli israeliani del Maccabi Rishon Lezion.

La società fondata nel 1953 è una polisportiva con altre sezioni attive come la pallavolo e il badminton e giocano nell’omonimo palazzetto da 2500 posti e li sfideremo in casa il 9 ottobre (ritorno il 13 novembre).

Esordio nella loro storia in Eurocup, lo scorso anno hanno vinto la coppa di lega (battendo in finale Hapoel Tel Aviv 70-86) ma sono caduti in final Four scudetto contro il Maccabi Tel Aviv per 89-75.

LA SQUADRA

La squadra allenata da Guy Goodens, visto da giocatore a Caserta e Roseto ma più conosciuto come allenatore del Maccabi Tel Aviv, torna nella squadra che lo ha lanciato nel 2004 portandosi con se buona parte del gruppo dello scorso anno più 4 soli aggiunte.

GLI ESTERNI

Tutto passerà nelle mani di Devon Saddler anche dopo aver dimostrato alla grande lo scorso anno in Bierolussia dov’è stato MVP del campionato. Affianco a lui la guardia tuttofare Alex Hamilton dopo una buona stagione Lituania continua la sua seconda stagione europea, Jordan Swing a Adam Ariel dovranno aiutare gli esterni a far canestro insieme a Nimrod Tishman che avrà compiti più difensivi rispetto a tutti gli altri. Chiudono il roster degli esterni i giovani promettenti Noam Dovrat e Tal Peled l’MVP al campionato europeo FIBA U18 2019.

I LUNGHI

Johnathan Williams dopo le 24 partite con i Lakers e aver chiuso la scorsa stagione in GLeague con i South Bay Lakers merita attenzione. È un giocatore con un buon tiro da fuori ma il dilemma è adattabilità in Europa. A proteggerlo un insieme di veterani navigati: Darryl Monroe che nonostante i 33 anni è una costanza in qualsiasi campionato che ha calcato. Passato alla Scaligera Verona, ultima stagione in Corea, è sicuramente uno dei giocatori più importanti e rappresentativi della squadra. Il coetaneo di Monroe, Alex Chubrevich esordisce in Eurocup e dovrà dare esperienza e rimbalzo insieme all’altro esperto Oz Blayzer ala grande ritiratosi dalla nazionale. A chiudere il pacchetto lunghi il figlio d’arte Niv Balul.

CHI TENERE D’OCCHIO

Ne abbiamo parlato l’inizio ma Devon Saddler è un giocatore veramente molto pericoloso che ha catturato le attenzioni di società di Eurolega e VtbLeague (Russia) per la capacità di segnare e farsi trovare pronto. Parte alta del corpo di livello, regge i contatti molto bene in penetrazione e si fa trovare molto bene pronto per uno scarico da tre punti, limitarlo potrebbe essere una buona cosa contro di loro.