Virtus in Eurocup: la descrizione del torneo

Tempo di lettura 2 minuti
160 letto

Come vi avevamo annunciato un mese fa, la prossima stagione europea della Virtus Bologna sarà in Eurocup.
Dopo aver vinto la Basketball Champions League, la Segafredo ha ottenuto la wildcard come finalista della coppa Fiba e nonostante abbia vinto la competizione, ha scelto di partecipare alla seconda coppa Uleb per aver chance in futuro per giocare la coppa più importante: l’Eurolega.

L’Eurocup ha una struttura diversa rispetto alla Basketball Champions League ma una cosa che le accomuna: la partenza i primi di ottobre (anche se la Bcl 18/19 è iniziata una settimana dopo) e le partite il martedì e mercoledì.

Il format è quello della vecchia Eurolega con 4 gironi da 6 squadre e le prime quattro squadre passano al turno successivo.

Ad inizio gennaio quindi la top16 con altri 4 gironi da 4 squadre e le prime due stavolta passano ai famigerati playoff di inizio marzo.

Dopo un mese d’attesa tra la fine della top16 (ad inizio febbraio) iniziano quindi i playoff di Eurocup: niente andata e ritorno in questa competizione ma al meglio delle tre partite fino alla fine.

Non ci sarà quindi una Final Four con una semifinale e finale secca ma un turno di playoff come la vecchia Eurolega.

In conclusione l’Eurocup è una competizione più lunga e difficile di quanto si pensi, la Virtus deve quindi aver un roster profondo e più lungo rispetto alla Basketball Champions League.

Anche a livello fisico la differenza si noterà: gli esterni sono molto più alti e dotati fisicamente e ala piccola è di dimensioni una vera ala, non una guardia riadattata come si è visto in BCL.

A livello statistico gli attacchi Eurocup sono più efficaci degli attacchi della prima coppa Fiba visto che la media dello scorso anno: offensive rating (statistica avanzata che determina i punti per 100 possessi) è fisso in molte squadre sopra i 110 contro i 105 della manifestazione appena vinta.

Un grande risultato per la crescita della Virtus la sua partecipazione, ma non deve assolutamente prenderla sottogamba per non perdere il treno per ritornare nella ambitissima e ricchissima Eurolega.