Recap Virtus-Varese: una bella vittoria per congedarsi

Virtus
Tempo di lettura 1 minuto
143 letto

Chiude la stagione con una bella, quanto inutile, vittoria la Virtus. Sconfitta con un’ottima prestazione Varese, che abbandona così il treno playoff proprio all’ultimo tuffo.

GAME INFO

RISULTATO FINALE: vittoria per 84-73.

VIRTUS
VARESE
84PUNTEGGIO FINALE73
17PRIMO QUARTO19
45 (28)SECONDO QUARTO37 (18)
67 (22)TERZO QUARTO59 (22)
84 (17)QUARTO QUARTO73 (14)
SUPPLEMENTARI
+15MASSIMO VANTAGGIO+4
4CAMBI VANTAGGIO4
29:00TEMPO IN VANTAGGIO7:59

FATTORE X DELLA GARA: la Virtus gioca per davvero e al 100% della proprie possibilità. E al 100% la Virtus è una squadra complessivamente migliore di Varese. Cosa che aumenta ancora di più i rimpianti.

IL TABELLINO

Virtus: Punter 8, Martin 6, Moreira 11, Pajola 3, Taylor 17, Baldi Rossi 2, Cappelletti , Aradori 10, Berti, M’Baye 15, Cournooh 3, Qvale 9. All. Djordjevic

Varese: Archie 3, Avramovic 30, Gatto NE, Iannuzzi, Natali NE, Salumu 11, Scrubb 9, Verri NE, Tambone, Cain 10, Ferrero 2, Moore 8. All. Caja

STATISTICHE DEI SINGOLI

VIRTUS
VARESE
17 TaylorPUNTI30 Avramovic
8 MoreiraRIMBALZI11 Cain
3 con treASSIST5 Archie
4 TaylorPALLE PERSE5 con una
1 TaylorPALLE RECUPERATE4 Avramovic
2 MoreiraSTOPPATE1 Cain
24 MoreiraVALUTAZIONE27 Avramovic
13 M’Baye+/--1 Cain

STATISTICHE DI GIOCO

VIRTUS
VARESE
20/29 (69%)Tiri da 217/38 (45%)
9/27 (33%)Tiri da 39/25 (36%)
17/25 (68%)Tiri liberi12/21 (57%)
29Rimbalzi difensivi18
10Rimbalzi offensivi10
39Rimbalzi totali28
17Assist12
11Palle perse5
1Palle recuperate7
3Stoppate1
19Falli24

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

PROSSIMO IMPEGNO

That’s all folks! Per la stagione 2018/2019 il calendario si chiude qui. Ci si rivede a settembre: il 25 sarà già il momento di un nuovo campionato.

La situazione in classifica a tre giornate dal termine

Virtus Bologna
Tempo di lettura 2 minuti
391 letto

Tre partite alla fine del campionato. Gare determinanti per la Virtus, da trattare, nel vero senso della parola, come tre finali.

Una sconfitta equivarrebbe all’essere fuori da ogni discorso playoff, già molto complicato adesso, nonostante la Virtus arrivasse alla volata finale con ottime prerogative.

Si parte da stasera contro Brescia, a pari punti coi bianconeri in classifica e lei pure alla ricerca di una rimonta quasi miracolosa.

Vediamo allora il quadro completo della situazione a 120′ (salvo supplementari) dal termine.

La tabella è opera di Ennio Terrasi Borghesan, che potete trovare su Twitter all’account @ennioterbo

Con tre partite da giocare ci sono quattro punti da recuperare a una tra Avellino e Sassari. Tenendo d’occhio Varese e Cantù che hanno una vittoria in più.

Va da se che il compito sia arduo ai limiti dell’impossibile, ma cerchiamo di vedere i, pochi, lati positivi.

  • La Virtus ha confronto diretto a favore con tre dell quattro squadre che la precedono (Varese, Cantù, Avellino), quindi in una situazione di arrivo a pari punti sarebbe messa abbastanza bene;
  • Avellino e Cantù hanno un calendario non semplice: la Scandone incontra in trasferta Milano e Pistoia e, in mezzo, riceve Brindisi, mentre Cantù dovrà far visita a Pistoia e Sassari;
  • Varese, al contrario, prima dell’ultima al Paladozza, ha due gare casalinghe abbordabili con Pesaro e Pistoia. Ma, appunto, chiude al Paladozza, con la Virtus che all’andata ha sbancato Masnago;
  • Volendo essere molto (ma molto) ottimisti, si può guardare anche al duo Trieste-Trento, oggi a quota 32 punti. Entrambe hanno un calendario molto complicato da qui alla fine e possono rischiare lo 0/3 (improbabile ma possibile). Per di più Trento sarà a Bologna domenica e, quindi, la Virtus potrebbe ottenere lo scontro diretto a favore, oltre ad averlo anche con Trieste;

Ora le note negative:

  • Se perdi a Brescia tutto questo conta zero.

E non serve aggiungere altro.

I bianconeri si sono messi in questa situazione con le loro stesse mani e ora, come normale che sia, per risalire devono essere perfetti. Vincendo sempre e sperando.

Sapendo che, comunque, potrebbe non bastare.

VNera Pod: puntata 13

VNera Pod
Tempo di lettura 1 minuto
181 letto

Tredicesima puntata di VNera Pod, il podcast di VNera.it
A poche ore dal convincente successo di Varese, parliamo della partita, degli scenari futuri in Coppa Italia e Champions League e chiudiamo con il nostro solito giochino.

Buon ascolto!

Ascolta “VNera Pod – Puntata 13” su Spreaker.

Varese-Virtus: il post partita di VNera

Virtus
Tempo di lettura 4 minuti
243 letto

Una Virtus bella come (quasi) mai sbanca Varese, si mette in tasca un posto per le Final Eight (già sicuro prima della palla a due, in verità) e infila la terza vittoria consecutiva, mantenendo l’imbattibilità nel nuovo anno. Apprensione per l’infortunio alla caviglia di David Cournooh.

GAME INFO

RISULTATO: Vittoria per 86-79.

La progressione di offensive rating e punteggio della partita

ANDAMENTO PARTITA: La Virtus, a differenza di quanto fatto con Lubiana, approccia la gara alla grande. Chirurgica in attacco e con un mix efficace di difese dietro. Subito avanti largamente, con un M’Baye clamoroso nel primo quarto (15 punti, da lì in avanti sparito): 34-22, 47-33 in apertura di secondo tempo. Poi il solito black out, con Varese che rientra e sorpassa sul finire di terzo quarto (56-54). E’ la gara dei bianconeri, però, che subito reagiscono, infilando un break di 14-2 tra terza e ultima frazione che spezza le reni ai padroni di casa. Taylor è il mattatore, l’11/17 da tre punti aiuta, Martin fa il califfo anche in attacco e Moreira, subito in quintetto, esordisce alla grande (13+6 rimbalzi).

FATTORE X DELLA PARTITA: La lucidità della Virtus nel momento di maggior difficoltà. Quando Varese nel terzo quarto rientra e sorpassa, i bianconeri giocano forse i cinque minuti migliori della propria gara, costruendo tiri puliti e chiudendo la strada alla Openjobmetis in difesa.

CLASSIFICA: Virtus che chiude il girone d’andata all’ottavo posto, con otto vittorie e sette sconfitte, pari a Sassari e Brindisi, avanti però per scontro diretto. Posizione già guadagnata prima della palla a due grazie alla vittoria della stessa Brindisi sul campo di Trento e alla sconfitta di Trieste in casa con Milano. I meneghini, così, saranno gli avversari della Segafredo nei quarti di finale di Coppa Italia, il 14 febbraio alle 18.

PROSSIME PARTITE: Virtus che tornerà in campo mercoledì alle 20 sul campo del medi Bayreuth, per l’undicesimo turno di Champions League. Poi domenica alle 18 prima giornata di ritorno, al Paladozza contro Trieste.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SACRIPANTI NEL POST PARTITA

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Il bicchiere mezzo pieno…

Partita di estremi per la Virtus, che per violare Masnago ha tirato fuori la miglior partita offensiva stagionale (129,8 l’offensive rating) contro la terza miglior difesa del campionato. 11/17 da tre punti, ovviamente season high, 55,2% di assist percentage (16 assist totali, replicato il dato della partita con Brescia) anche qui high stagionale in campionato. Il tutto con il duo Punter-Aradori fermo a sei punti complessivi e 2/8 al tiro.

Il dettaglio ON/OFF dei giocatori (qui il foglio complessivo)

2. … e quello mezzo vuoto.

Ma qualche ombra comunque c’è stata: 119,4 il defensive rating, contro un attacco non proprio siderale. 19 rimbalzi offensivi lasciati a Cain (8 da solo) e compagni, con vittoria a rimbalzo per i lombardi 37-32 e 53,6% di total rebound percentage e doppia cifra di palle perse (12), dato non usuale per una squadra abituata a perdere pochi palloni.

3. Martin-Cournooh-Baldi Rossi i soliti sospetti

Lo avevamo già sottolineato dopo la vittoria di mercoledì in Coppa, ma ci fa piacere ribadirlo: il terzetto qui sopra continua ad essere una garanzia in uscita dalla panchina. Sono ancora loro tre ad avere i migliori dati nell’ On/Off. Con loro in campo insieme il parziale è stato di 26-15 in favore. Martin ha fatto una super prestazione anche in attacco (14 con 6/11), Cournooh (dita incrociate per la sua caviglia) da dietro l’arco sta diventando una sentenza (49% in stagione) e Baldi Rossi ha messo quel canestro pesantissimo a fine terzo quarto, che Varese ha decisamente accusato.

4. Dr. Amath e Mr. M’Baye

Partita dai due volti, se ce n’è stata una, da parte di Amath M’Baye. Iradiddio nel primo quarto (15 punti con 5/6 dal campo), incontenibile in ogni situazione. Totalmente sparito dal campo nei restanti 30′ (zero punti, 0/4 al tiro in 15′), anche per un’ottima marcatura di Scrubb, quando, inizialmente, era stato seguito prevalentemente da Natali e Archie. Avendo imparato a conoscerlo sappiamo bene che ha alti e bassi anche di questa magnitudine all’interno di una partita, ma certo, per Sacripanti non deve essere una variabile semplice da gestire all’interno di un match.

Il dettaglio dei quintetti schierati (qui il foglio complessivo)

5. Per una Virtus grande ci vuole un grande Taylor

Che Tony Taylor sia un po’ il barometro della squadra non è proprio una novità. Quando il numero sette ingrana marce alte la Segafredo spicca praticamente sempre il volo. Anche ieri, 21 punti e 6 assist, con una vittoria che è passata parecchio dalle sue mani. Le cifre cosa dicono? Nelle otto vittorie Taylor ha 16.1 punti di media col 44% al tiro, nelle sette sconfitte scende a 10 col 36%.

Sorry, there are no polls available at the moment.

Recap Varese-Virtus: è spettacolo bianconero a Masnago

Virtus
Tempo di lettura 2 minuti
310 letto

Miglior prestazione stagionale per la Virtus Bologna, che vince con autorità sul campo di Varese (sconfitta una sola volta in casa). Gli uomini di Sacripanti dominano il primo tempo (avanti anche di 14 punti), subiscono il rientro di Varese, ma nel momento di massima difficoltà spaccano di nuovo il match con il parziale decisivo. Fantastici Taylor e Martin, molto bene Moreira. Distorsione a una caviglia da valutare per Cournooh.

RISULTATO FINALE: vittoria per 86-79.

OPENJOBMETIS VARESE
VIRTUS BOLOGNA
79PUNTEGGIO FINALE86
20PRIMO QUARTO29
33 (13)SECONDO QUARTO45 (16)
56 (23)TERZO QUARTO60 (15)
79 (23)QUARTO QUARTO86 (26)
SUPPLEMENTARI
2MASSIMO VANTAGGIO14
1CAMBI VANTAGGIO2
0:22TEMPO IN VANTAGGIO38:21

FATTORE X DELLA GARA: Il parziale di 14-2 con cui la Virtus rintuzza immediatamente il rientro in partita di Varese nel terzo quarto. Quando la Opnejobmetis sorpassa sul 56-54 i bianconeri tornano subito a +10 con una sfilza di triple (11/17 alla fine).

IL TABELLINO

VARESE: Moore 5, Avramovic 11, Scrubb 15, Archie 13, Cain 11, Tambone 7, Ferrero NE, Natali 9, Iannuzzi, Salumu 8, Gatto NE, Verri NE. All: Caja.

VIRTUS: Taylor 21, Punter 5, Aradori 1, M’Baye 15, Moreira 13, Pajola, Cappelletti NE, Cournooh 6, Martin 14, Baldi Rossi 3, Kravic 8, Berti NE. All: Sacripanti

STATISTICHE DEI SINGOLI

OPENJOBMETIS VARESE
VIRTUS BOLOGNA
15 ScrubbPUNTI21 Taylor
16 CainRIMBALZI6 Moreira
3 Avramovic e MooreASSIST6 Taylor
3 ArchiePALLE PERSE4 Punter
3 ScrubbPALLE RECUPERATE2 Taylor
3 ArchieSTOPPATE2 Kravic
22 CainVALUTAZIONE27 Taylor
9 Tambone e Natali+/-12 Baldi Rossi

STATISTICHE DI GIOCO

OPENJOBMETIS VARESE
VIRTUS BOLOGNA
20/43Tiri da 218/40
7/26 Tiri da 311/17
18/24Tiri liberi17/18
18Rimbalzi difensivi23
19Rimbalzi offensivi9
37Rimbalzi totali32
9Assist16
8Palle perse12
6Palle recuperate3
5Stoppate4
23Falli20

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SACRIPANTI

Io sono contento per due motivi. Il primo chiaramente è che abbiamo vinto, e perché già prima della partita eravamo qualificati per le Final Eight, ma come ho detto ai ragazzi ci volevamo andare per i nostri meriti e non per aiuti degli altri. Abbiamo raggiunto un bellissimo obiettivo nonostante il periodo di grande difficoltà e tanti infortuni. Secondo motivo, sono contento perché abbiamo dominato una partita, anche se non abbiamo avuto la forza di non subire il ritorno di Varese. Però l’avevamo preparata bene, abbiamo cambiato le difese e avuto una buona circolazione in attacco, abbiamo sfidato la loro difesa aggressiva. Qualche errore ma ci poteva stare nei 40’. Purtroppo non riusciamo a goderci la vittoria a fondo perché anche oggi abbiamo avuto un infortunio discretamente pesante a David Cournooh. Mi dispiace molto, sembra che non ne veniamo fuori da questa serie di infortuni. Speriamo che si riprenda velocemente. Caviglia, ha sentito un bel dolore, ora è bella gonfia, vedremo il responso medico tra 2-3 giorni.
Moreira? E’ un buon giocatore sui pn’r difensivi, chiude bene l’area e ha un buon tocco. Oggi a un certo punto si è un po’ distratto, non sapendo bene le spaziature, ma è stato coinvolto, pur sapendo non più di 4-5 giochi d’attacco, non di più. Un buon inizio.
Ultima cosa: sono veramente molto molto contento per il club che ci teneva tantissimo ad entrare alle Final Eight. Fino a tre giornate fa sembravamo spacciati. E un pensiero ai nostri tifosi, che ci seguono ovunque e a cui è stata vietata la trasferta per questioni vecchie, che io non so e non voglio sapere. Sono venuti a salutarci alla partenza del pullman, ci tenevano tantissimo e siamo contenti per loro.


Interviste raccolte da Bolognabasket

VOTA CON NOI!

Sorry, there are no polls available at the moment.

PROSSIMO IMPEGNO

Virtus che torna in campo mercoledì 16 alle ore 20 sul campo del medi Bayreuth in Champions League.