La Virtus domina a Pistoia e si scrolla di dosso un po’ di ansie

Virtus
Tempo di lettura 2 minuti
275 letto

La Virtus interrompe una striscia di tre sconfitte tra campionato e coppa andando a vincere largamente a Pistoia, che, al contrario, era reduce da tre successi. La VNere azzannano subito la partita alla giugulare con un ottimo Brian Qvale (14+6 in 17′) e le triple di Punter (15) e Aradori (16). 28-12 dopo il primo quarto, 50-28 all’intervallo, dopo che i padroni di casa erano tornati a -12. Terzo quarto con lo spartito che non cambia: 71-44 al 30esimo e partita già in archivio. L’Oriora rientra nel punteggio fino ad aver il tiro per il -9 nel quarto conclusivo, ma la Virtus non rischia mai realmente di perdere l’incontro.

RISULTATO FINALE: vittoria per 81-71

ORIORA PISTOIAVIRTUS BOLOGNA
71PUNTEGGIO FINALE81
12PRIMO QUARTO28
28 (16)SECONDO QUARTO50 (22)
44 (16)TERZO QUARTO71 (21)
71 (27)QUARTO QUARTO10 (81)
SUPPLEMENTARI
+3MASSIMO VANTAGGIO+27
1CAMBI VANTAGGIO1

FATTORE X DELLA GARA: il primo tempo dove i bianconeri cancellano totalmente dal campo Pistoia. 50-28 tenendo i toscani a 8/27 al tiro e superandoli a rimbalzo 25-15.

IL TABELLINO

ORIORA PISTOIA – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 71-81 (12-28, 28-50; 44-71)
PISTOIA: Bolpin 3; Della Rosa 3; Johnson K. 9; Peak 11; Krubally 19; Auda 11; Di Pizzo NE; Martini 1; Querci NE; Severini NE; Johnson D. 9; Glackness 5. All. Ramagli
VIRTUS: Punter 15; Pajola 0; Taylor 9; Baldi Rossi 2; Cappelletti NE; Kravic 6; Aradori 16; Berti NE; M’Baye 11; Cournooh 8; Qvale 14. All. Sacripanti

STATISTICHE DEI SINGOLI

ORIORA PISTOIAVIRTUS BOLOGNA
19 KruballyPUNTI16 Aradori
10 KruballyRIMBALZI10 Kravic
3 K.Johnson e BolpinASSIST4 Taylor
2 D.JohnsonPALLE PERSE3 Kravic
2 GladnessPALLE RECUPERATEQuattro giocatori con 1
2 KruballySTOPPATE1 Kravic
28 KruballyVALUTAZIONE18 Aradori
12 Bolpin+/-18 Kravic

STATISTICHE DI GIOCO

ORIORA PISTOIAVIRTUS BOLOGNA
1:06Tempo in vantaggio36:47
19/40 (48%)Tiri da 219/32 (59%)
15/26 (58%)Tiri liberi13/13 (100%)
6/16 (38%)Tiri da tre10/28 (36%)
23Rimbalzi difensivi29
12Rimbalzi offensivi12
35Rimbalzi totali41
12Assist13
7Palle perse12
2Palle rubate4
3Stoppate1
20Falli21

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SACRIPANTI

L’importante era vincere questa partita, avevamo perso 2 partite consecutive in campionato facendoci recuperare con poca attenzione. Volevamo assolutamente la vittoria, e per 30-32 minuti abbiamo giocato meglio e fatto tutte le nostre cose. Non nego una piccola preoccupazione: non riusciamo mai a essere forti e duri per 40’. Nell’ultimo quarto abbiamo regalato, smesso di correre e attaccare. Però credo che sia stata una partita di idee chiare e buona esecuzione. E tre quarti di buona difesa. Sono contento della prestazione e dei due punti. Non volevamo che Pistoia avesse dei sovrannumeri, abbiamo lavorato bene sul pick & roll difensivo, lasciando ogni tanto sguarnita l’area. Ma siamo stati bravi a lavorare contro i loro punti di forza. Abbiamo fatto 3-4 cose di buona fattura.
Un po’ mi dispiace il fatto che si è visto un approccio ottimo, poi alla fine arriviamo e non ce la facciamo più. Dobbiamo allenarci ed essere più bravi nella rotazione. Oggi volutamente ho lasciato fuori Cappelletti perché pensavo che con la fisicità dei loro esterni fosse meglio usare Pajola e Cournooh. Diamo una piccola scusa a M’Baye che era reduce da un attacco influenzale. Ma lavoriamo col preparatore e aspettiamo il rientro di Kelvin, che darà tanta energia. Adesso le cose stanno andando molto meglio, il ragazzo sta lavorando tanto con lo staff medico e il preparatore.
Il calo? Non so quanto sia fisico e quanto mentale, affronterò l’argomento coi giocatori. E’ anche vero che noi giochiamo e viaggiamo, giochiamo e viaggiamo, non è facile.

Dichiarazioni raccolte da Bolognabasket

Sorry, there are no polls available at the moment.

PROSSIMO IMPEGNO

La Virtus riprenderà a giocare tra tre giorni in Champions League a Ostenda, il 19 dicembre alle 18.30.

Post-partita Pistoia – Virtus Bologna: a due punti dai playoff?

Virtus

Tempo di lettura 2 minuti

245 letto

Erano importanti i due punti e sono arrivati in una partita oggettivamente brutta, comandando la partita dal primo all’ultimo minuto.

GAME INFO

Risultato: Vittoria a Pistoia 61-74

Fattore X della gara: le percentuali al tiro Virtus rispetto quella avversaria

Tabellino della gara:

VIRTUS: Nicoli NE; Pajola 1 ; Baldi Rossi 7; Ndoja 6; Lafayette 15; Aradori 16; Gentile S. 7; Lawson 4; Slaughter 18; Wilson 0. All. Ramagli

Classifica: ottavo a 30 punti insieme con Varese Cantù (entrambe persa differenza canestri)

Cosa ha detto coach Ramagli: “avevamo bisogno di una gara solida e siamo stati bravi a farlo da subito”

Prossime partite: in casa contro Avellino, trasferta contro Reggio Emilia

5 appunti sul post-partita Pistoia – Virtus

1. Ancora male al tiro libero

68% (siamo per fortuna sopra la media ovvero 67%) ma dopo un 77% contro Varese e le due partite prima con convincenti prove sopra al 80% (a Torino e in casa contro Cantù) tiriamo ancora malissimo in questo fondamentale

2. Dominio a rimbalzo

42 rimbalzi, tra cui 29 in difesa e 13 in attacco; non è la nostra miglior prestazione (44 contro Cantù nonostante la sconfitta) ma è il secondo miglior risultato stagionale

3. Ottima difesa la migliore in trasferta, ma non della stagione

Nell’ultima gara la difesa della Virtus è stata un fattore, 86.1 di difensive rating (punti segnati in 100 possessi) è la migliore in trasferta, ma come abbiamo scritto nel titolo i 66.6 possessi subiti alla seconda di campionato contro Orlandina sono la migliore prestazione difensiva dopo l’altra partita sempre in casa contro Pesaro 85.1.

4. Pistoia ha tirato malissimo

Il 35% dal campo dei toscani è a tutti gli effetti il record di percentuale dal campo subita più bassa in tutto il campionato; sempre Capo d’Orlando e Pesaro in quelle partite si erano avvicinate al 37% al Paladozza, così come Torino al PalaRuffini sempre al 37, ma Pistoia ieri pomeriggio ha fatto peggio di tutte, in casa.

5. LaFayette in trasferta è continuo, in casa fa molta fatica

Infine abbiamo analizzato il giocatore più discusso di quest’anno, notando come le sue percentuali siano completamente differenti rispetto al Paladozza:

In casa Olivier tira da 2 con il 37%, da 3 con il 27% e 32% dal campo, 4 assist e 1,6 rubate e 1,5 perse a partita;

in trasferta LaFayette invece tira da 2 con il 41%, da 3 con il 35% e 38% dal campo, 2,5 assist e 1,3 rubate e 1,5 perse a partita;

cambiate quindi i tabelloni del Paladozza per il povero Olivier!

Tutto semplice per la Virtus Bologna in trasferta contro Pistoia

Virtus

Tempo di lettura 1 minuto

230 letto

Seconda vittoria consecutiva esterna terza delle ultime quattro on the road per la Segafredo che espugna il PalaCarrara 74-61 e sale a 30 punti in classifica con un passo importante qualificazione play-off.

Esordio con pochi minuti e qualche problema per il jet leg per il nuovo acquisto Jamil Wilson; molto positiva la partenza di Aradori, Slaughter e Lawson +11 VNera dopo otto minuti (10-21) e 14-23 al decimo.

La difesa della Segafredo è un fattore, i toscani non riescono a trovare la via del canestro con costanza e LaFayette e Ndoja ne approfittano +15 Virtus (30-45) e 32 a 45 l’intervallo.

In avvio di ripresa Slaughter e il solito Lafayette permettono di toccare addirittura il massimo vantaggio +19 (34-53) 46 a 59 al 30º

Ivanov e Gaspardo fino al fallo tecnico non gettano la spugna e la the Flex si riaffaccia a -9 in apertura di quarta frazione (51-69) ma Aradori e un alley-opp tra Lafayette e Slaughter chiudono definitivamente i giochi con il punteggio di 61 a 74 Virtus.

42% dal campo per Bologna contro 34% degli avversari

18 e 8 rimbalzi e sette falli subiti per Slaughter 16 per Aradori

15 punti 4/8 nelle triple e 5 assist per Lafayette

per gli avversari 17 punti 10 rimbalzi e 5 falli subiti per Ivanov

Pre-partita Pistoia – Virtus Bologna: riuscirà la VNera a centrare la sesta vittoria in trasferta?

Virtus

Tempo di lettura 2 minuti

338 letto

Partita sulla carta facile, ma per la 28 giornata e terzultima gara di campionato, la grossa rivalità tra le due squadre rende questa gara tutto tranne che scontata.

GAME INFO

Quando: Domenica, 29 aprile 2018 ore 18:00

Dove: PalaCarrara – Pistoia, Italia

Tv: Eurosport Player Radio: Radio BolognaUno

Probabili quintetti :

PISTOIA: Moore, McGee, Mian, Gaspardo, Ivanov

VIRTUS BOLOGNA: LaFayette, Pajola, Aradori, Baldi Rossi, Slaughter

Infortunati : Ale Gentile, Umeh (Virtus), Diawara (Pistoia)

VNera pronostico: Pistoia 40% Virtus Bologna 60%

Posizione in classifica:

13.Pistoia 18 punti 9 vinte 18 perse

8. Virtus 28 punti 14 vinte 13 perse

Andamento:

Pistoia tre sconfitte consecutive

Virtus tre vittorie nelle ultime sei gare

5 punti statistici su Pistoia

1. Attacco rivedibile ma occhio al duo McGee – Moore

Pistoia è la squadra che segna di meno in tutto il campionato e secondo le statistiche avanzate il loro offensive rating (punti prodotti in 100 possessi) è di solo 103.3 ma bisognerà stare attenti al duo colored che in campo segnano e muovono più della metà dei possessi offensivi ( McGee14.8 punti di media / 20.8 in proiezione su 40 minuti) (Moore11.6 punti di media / 15.0 in proiezione su 40 minuti)

2. Occhio ai rimbalzi difensivi!

Pistoia è una delle squadre che cattura più rimbalzi in attacco in tutta la serie A, bisognerà quindi stare molto attenti soprattutto a lunghi dinamici come Gaspardo Ivanonv e Bond molto abili a segnare da fuori ma soprattutto molto atletici a recuperare palloni vaganti

3. Attenzione all’uomo assist Ronald Moore

Il playmaker numero due toscano fedelissimo di coach Esposito, è al secondo posto tra i giocatori che distribuiscono più assist in tutto il campionato, bisognerà stare molto attenti e cercare di marcarlo molto bene per evitare di mettere ritmo i propri compagni.

4. Distribuzione di tiri molto simile alla nostra con pochi liberi ma squadra molto discontinua

Statisticamente la TheFlexx effettua lo stesso numero di conclusioni come la Virtus ma tira a differenza nostra il minor numero di tiri liberi in tutto il campionato 19.4 statisticamente su 100 possessi (noi siamo penultimi eh 19.8) però rispetto la Segafredo, Pistoia è una squadra molto discontinua al tiro e questo pregiudica tantissimo le loro prestazioni

5. La più fallosa in LBA ma anche quella che recupera meno palloni in campionato

I problemi in difesa di Pistoia sono sotto gli occhi ma aggiungendo qualcosa statisticamente notiamo anche che la TheFlexx è la squadra che recupera meno palloni in tutta la serie A (8 in steal % in proiezione su 100 possessi) e quella che commette più falli in tutta la serie A (30,5 in Personal Foul in proiezione sempre su 100 azioni) bisognerà quindi attaccare tantissimo e caricare di falli fin da subito i loro giocatori chiave per aver più chance di vittoria

Extra: un paio di anni fa la decise un giovane del vivaio Virtus…

Virtus Film Room: l’analisi della partita contro Pistoia

Virtus

Tempo di lettura 3 minuti

143 letto

Non una grande vittoria, ma è arrivata e noi la prendiamo lo stesso.
Non è stata una bellissima partita, molto fisica e con parecchio nervosismo nel secondo tempo.
La Virtus però dal canto suo è sempre stata in vantaggio, pur non riuscendo mai a scappare. Rendendo così la sua prestazione niente più che sufficiente contro una Pistoia ai minimi storici e in piena lotta per non retrocedere.

Subito dalla palla due, però, il game-plan è stato chiaro: palla a Marcus Slaughter, decisamente un cliente molto indigesto in difesa per Deian Ivanov.

Pistoia proverà a più riprese a far canestro ma non lo troverà e la Virtus, con appunto un gran Slaughter, riuscirà a segnare in transizione allungando subito il divario.
Coach Esposito quindi proverà ad usare la zona 2-3, ma dopo un rimbalzo perso in attacco e catturato da Baldi Rossi dovrà parlaci su con un timeout (6-1 Virtus il punteggio).

Rientrati in campo Pistoia cercherà di correre in attacco e segnerà tiri rapidi con Tyrus Mcgee protagonista. Così Ramagli inserirà nel quintetto Kenny Lawson come ala forte, dando un riferimento in più in attacco contro la zona toscana. Ma saranno principalmente Aradori prima e Slaughter poi il problema maggiore per la difesa toscana.

Ecco il nostro numero 44.

La Virtus, però, butterà via ben 5 palloni nel secondo quarto, molti su passaggi sbagliati e conclusioni frettolose. Arrivando ad avere già otto perse complessive all’intervallo. Trend che non migliorerà nemmeno nella seconda metà di gara.

Pistoia con le triple rimarrà aggrappata all’incontro, molte volte grazie a una difesa Virtus passata dietro i blocchi o in ritardo sulle uscite, dando la possibilità alla The Flexx di tirare indisturbata da fuori e passata per l’unica volta in vantaggio nell’incontro con la seconda tripla di baby Della Rosa (34-35). Vantaggio durato poi solo 29 secondi.

Per fortuna in attacco Aradori sarà infallibile e Lawson si farà valere nel colorato in mezzo a tre avversari aiutando la Virtus a chiudere il primo tempo sopra di dieci (48-38).

L’inizio del terzo quarto sarà il momento peggiore della partita per la Vnera: tiri affrettati, ancora passaggi sbagliati e difesa sul pick and roll se possibile più pigra del primo tempo, stavolta anche sul rollante Ivanov. Pistoia potrà così tornare sotto di soli due punti.

Al quarto minuto del terzoperiodo Ramagli scongelerà Ndoja, ma per il momento la Virtus perderà altri due palloni per le stesse identiche scelte: una penetrazione senza controllo del tiro e un extrapass da sotto canestro nell’angolo.

Pistoia però ne approfitterà solo in un’occasione: dopo l’ennesima persa di Umeh e un altro contropiede sbagliato stavolta da Bond ci penserà Diawara a finalizzare.

Dopo un canestro su rimbalzo in attacco di Aradori la Virtus vedrà crescere la propria difesa con Umeh, molto bravo a seguire il suo avversario, e costringerà Pistoia a una persa per 24″ e un canestro difficilissimo realizzato allo scadere dell’azione con Ivanov.

Esposito, frustrato dal metro arbitrale, proverà a cambiare la musica della partita facendosi fischiare un fallo tecnico. In seguito inserirà Barbon che punirà con l’ennesima tripla, ma la freschezza di Ndoja sule palle vaganti prenderà il sopravvento, in una partita parecchio fisica per entrambe le squadre. Dopo un rimbalzo quasi conquistato, l’ala albanese continuerà a mettere tanta pressione ai ricevitori in post recuperando un pallone ma soprattutto segnando due triple fondamentali, trovato con grande visione di gioco da Alessandro Gentile.

Questa più decisiva con Ndoja ottimo a farsi trovare nell’angolo.

Pistoia quindi cercherà con poca lucidità l’ultimo sforzo, sopratutto dai propri esterni, ma dopo una persa successiva all’azione del video qui sopra, complice l’ottima pressione di LaFayette, alzerà ufficialmente bandiera bianca. La Virtus, come già capitato in tutto l’incontro, nonostante i tre liberi a disposizione non riuscirà ad approfittarne completamente, ma arriverà comunque al traguardo, tagliato sul 75-67 finale…

Ma abbiamo vinto no?