Il Post partita Virtus Bologna – Patrasso

Champions League
Tempo di lettura 3 minuti
185 letto

La Virtus vince dopo un tempo supplementare, complicandosi la buona prestazione nei primi tre quarti, subendo un parziale di 15-4 con 5 bombe subite negli ultimi 4 minuti di tempo regolare.

GAME INFO

RISULTATO: Vittoria per 98-91.

ANDAMENTO PARTITA: Primo quarto combattuto 25-23 al gong dei 10 minuti, poi nel secondo quarto negli ultimi due minuti sul 45-43 la V scappa con Punter e Qvale con un parziale di 9-3 e chiude sul punteggio di 52 a 46 all’intervallo. Nella ripresa Taylor continua a tener vivo il divario fino ad nuovo tentativo di rientro greco ma Aradori negli ultimi minuti riallontana sul punteggio di 73 – 64 al trentesimo. Ultimo quarto dopo il canestro di Qvale al 35esimo per il +10 la Virtus rallenta il ritmo in difesa e subisce 5 triple: Gikas, Saloustrus, Mantzoukas, Hall e Meier; la Virtus dopo la bella schiacciata nel frattempo di Taylor, con Aradori in lunetta ha la possibilità per vincere la partita ma appunto la tripla di Meier porta la contesa ai tempi supplementari.

All’overtime Patrasso nei primi tre minuti della gara è in vantaggio 88-89 ma la Virtus con Moreira si fa sentire sotto canestro e in lunetta, Taylor mette sempre dalla linea della carità la staffa sulla gara, M’Baye con altri due tiri lucrati a tempo scaduto e con una gran schiacciata regala entusiasmo al Paladozza che si conclude sul punteggio di 98 a 91 dopo l’ennesima tripla segnata dai greci con Mantzoukas.

FATTORE X DELLA PARTITA: La stoppata di Moreira su Geromichalos nei supplementari per il possibile -1 greco.

CLASSIFICA: La Virtus chiude prima nel girone D, mentre Patrasso con questa sconfitta e con la vittoria del Besiktas contro Lubiana finisce terza

PROSSIME PARTITE: La Virtus torna in campo tra tre giorni, sabato 9 febbraio, ore 20:30 a Cremona.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SCARIPANTI

grazie della collaborazione con Laura Tommasini

5 APPUNTI SULLA PARTITA

(By Nicola Bonazzi)

1. Le due torri

20 punti e dieci rimbalzi per M’Baye efficace in attacco e presente in difesa. Contrariamente ad altre partite dove in alcune fasi si era nascosto, ieri Amath ha distribuito il suo contributo in modo costante lungo la partita. 16 senza errori dal campo e 6 rimbalzi in poco più di 16 minuti per Brian Qvale, che si sta ritagliando intelligentemente un ruolo di altissima qualità in Coppa. Promitheias vince numericamente la battaglia a rimbalzo (44 a 40) ma la Virtus ne prende ben 10 in attacco (3 per Brian, 2 per Amath), con un eccellente OR% del 27% contro il 17% dei greci. 

 

2. La difesa sul Pick and Roll

Dal terzo quarto la Virtus aggiusta la difesa sul P&R con regole chiare (show forte sul 4 bloccante, chiusura dell’area sul 5 bloccante) e diverse dal primo tempo. Risultato: l’area viene protetta molto meglio e mentre tra primo e secondo quarto i greci fanno 14 canestri dal pitturato, segnano solo 7 volte dall’area fra secondo tempo ed overtime. Solo una gestione non felicissima negli ultimi minuti da parte della Virtus, qualche libero sbagliato in modo inusuale ed una enorme precisione dei greci da tre punti nell’ultimo quarto, dove segnano ben 6 volte, portano all’overtimeuna partita che la Virtus era riuscita a prendere in mano. 

 

3. I cambi del play

Tony Taylor commette due falli in meno di 10 secondi quando mancano 7 minuti alla fine del primo quarto. Disastro? No, perché Alessandro Pajola entra sul 5-8 ed esce quasi 10 minuti dopo sul 28-27, sostituito da Alessandro Cappelletti che conduce la squadra fino all’intervallo, a +6. Taylor può quindi rientrare nel terzo quarto dove gioca però solo 4 minuti prima di commettere il terzo fallo, lasciando il timone a Pajola sul +9. Ancora una volta Pajolaguida la squadra con sicurezza fino alla fine del quarto, che si chiude ancora sul +9. Tocca ad Alessandro Cappelletti iniziare l’ultimo quarto lasciando in mano la squadra a Taylor a 748dalla fine. Dei primi 32 minuti abbondanti il playmaker titolare della Virtus gioca solo 7 e la squadra è a +8. Tony può quindi giocare gli ultimi 8 minuti scarsi dell’ultimo quarto ed i 5 del supplementare senza andare in affanno e gestendo i problemi di falli. 

 

4. Le strane – e azzeccate – scelte di Pino

Ieri sera non c’era chi non si chiedesse “che fine ha fatto Kravic” e “perché Qvale non gioca l’ultimo quarto”. Per il centro slavo della Virtus si conferma un trand in diminuzione di minutaggi in Coppa dall’arrivo di Moreira, che viene probabilmente ritenuto più efficace a livello difensivo e che fa meno fatica contro giocatori di stazza come Ellis e soprattutto Parks, autore ieri di una gran partita (16+14 in 25 minuti). Nell’overtime  peròMoreira è decisivo con un canestro dal campo, due falli subiti (2/4 ai liberi) e la stoppata che di fatto chiude la partita. 

 

5. Reattività difensiva

Un ultimo dato molto significativo sono i punti su palla persa avversaria (22 per la Virtus) e in contropiede (20), sono record in questa stagione e aggiungendo le 18 palle perse di Patrasso, possiamo definire che l’attacco della Virtus è stato molto cinico ad approfittare degli errori della squadra greca.

Recap Virtus Bologna – Patrasso: primo posto nel girone e passaggio del turno!

Champions League
Tempo di lettura 1 minuto
204 letto

La Virtus dopo aver dominato per 34 minuti crolla, si fa raggiungere con 5 triple e vola ai supplementari; ma poi vince la gara riprendendo a difendere nel momento più delicato.

RISULTATO FINALE: vittoria per 98-91.

VIRTUS BOLOGNA
PATRASSO
98 PUNTEGGIO FINALE 91
25 PRIMO QUARTO 23
52 (27) SECONDO QUARTO 46 (23)
73 (21) TERZO QUARTO 64 (18)
84 (11) QUARTO QUARTO 84 (20)
98 (14) SUPPLEMENTARI 91 (7)
15 (00-00) MASSIMO VANTAGGIO 3 (00-00)
2 CAMBI VANTAGGIO 2
37:29 TEMPO IN VANTAGGIO 3:34
FATTORE X DELLA GARA: La stoppata di Moreira su Geromichalos nei supplementari per il possibile -1 greco.

IL TABELLINO

VIRTUS: Taylor 12, Punter 9, Aradori 16, M’Baye 20, Moreira 12, Pajola 4, Cappelletti 6, Martin 3, Baldi Rossi, Kravic NE, Berti NE, Qvale 16. All: Sacripanti

PATRASSO: Hall 3, Lypovyy, Gkikas 12, Tsairelis 10, Germichalos, Sandramanis, Saloustros 9, Katsivelis 17, Meier 15, Ellis, Parks 16, Mantzoukas 7. All: Giatras

STATISTICHE DEI SINGOLI

VIRTUS BOLOGNA
PATRASSO
20 M’baye PUNTI 17 Mantzoukas
10 M’baye RIMBALZI 14 Parks
6 Punter ASSIST 10 Hall
2 Moreira PALLE PERSE 2 Gkikas
2 cinque execuo PALLE RECUPERATE 2 Gkikas
2 Moreira STOPPATE 1 Ellis Lipovyy
27 M’baye VALUTAZIONE 28 Parks
21 Punter +/- 6 Mantzoukas

STATISTICHE DI GIOCO

VIRTUS BOLOGNA
PATRASSO
24/42 57,14% Tiri da 2 25/48 52,08%
9/30 30% Tiri da 3 24/11 45,83%
23/36 63,89% Tiri liberi 8/13 61,54%
10 Rimbalzi difensivi 8
31 Rimbalzi offensivi 36
41 Rimbalzi totali 44
21 Assist 24
8 Palle perse 14
12 Palle recuperate 4
6 Stoppate 2
16 Falli 26

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SACRIPANTI

interviste raccolte grazie bolognabasket.org

VOTA CON NOI!

[poll id=”98″]

PROSSIMO IMPEGNO

La Virtus torna in campo tra tre giorni, sabato 9 febbraio, ore 20:30 a Cremona.

Champions League: cosa succede alla Virtus se…

Champions League
Tempo di lettura 2 minuti
309 letto

Due giornate al termine della regular season di Champions League e Virtus che si trova a fare una botta di conti su come mettere in cassaforte il primo posto. Che è molto vicino, ma non ancora scontato.

Nelle restanti due partite la Segafredo giocherà a Strasburgo e poi in casa con Patrasso. I greci, prima di venire a Bologna, giocheranno in casa col Neptunas Klaipeda. Il Besiktas, che potrebbe tornare in gioco in extremis, ha Ostenda in casa e poi Olimpia Lubiana fuori. Gli stessi belgi di Ostenda con un due su due potrebbero migliorare la propria posizione ma, avendo scontro diretto sfavorevole sia con Virtus che con Patrasso, non puntare al primo posto.

Vediamo allora le possibili combinazioni delle ultime due giornate e come i bianconeri possono arrivare al primato nel girone D.

La situazione di classifica attuale

SE LA VIRTUS VINCE A STRASBURGO

E’ prima matematicamente in caso di sconfitta del Promitheas in casa con Klaipeda, che va in Grecia con l’unico obiettivo di vincere per mantenere intatte le chance di ottenere il quarto posto. In caso di vittoria del Promitheas, invece, si ridurrebbe tutto all’ultimo turno, dove la Virtus otterrebbe il primo posto anche perdendo con i greci ma con un massimo di nove punti di scarto (in virtù del +10 dell’andata ottenuto in terra ellenica).

SE LA VIRTUS PERDE A STRASBURGO

Si riduce tutto all’ultima partita casalinga con il Promitheas. Nel caso in cui i greci battessero il Neptunas la Virtus sarebbe obbligata a vincere l’ultimo turno casalingo, altrimenti le basterebbe anche perdere con al massimo nove punti di scarto. Una sconfitta con oltre nove punti di scarto, poi, potrebbe portare a una avulsa a tre squadre con Patrasso e Besiktas, nel caso in cui i turchi vincessero entrambe le ultime due gare (in casa con Ostenda e a Lubiana) e il Promitheas perdesse al prossimo turno con Klaipeda. Al momento la Virtus ha scontro diretto favorevole con il Besiktas (1-1 ma +3 nella differenza canestri), mentre lo stesso Besiktas ha il vantaggio contro Patrasso (1-1 ma +14 nella differenza canestri).

Focus: quante triple deve segnare la Virtus per vincere la partita?

virtus

Tempo di lettura 1 minuto

231 letto

Diciassette partite in stagione per la Virtus e possiamo notare un altra piccola caratteristica che pregiudica il risultato finale della nostra amata V.

Ebbene abbiamo notato che la VNera vince quando più o meno segna dalle 8 triple in sù.

In campionato la squadra di Sacripanti subisce 7.9 bombe segnate in 21.0 tentativi quindi in media gli avversari hanno il 37% da tre.

In attacco invece la Segafredo segna in media 8 su 22 tentativi quindi in media tira con il 35%.

Ecco un breve elenco delle partite perse e le medie da tre punti:

6/21 vs Milano

5/23 vs Cremona

7/19 vs Venezia

6/22 vs Pesaro

L’attuale record di triple segnate per ora appartiene alla gara d’esordio contro Trieste (13/24 54%) mentre in casa contro Torino ci siamo riavvicinati senza eguagliarlo o superarlo (11/28 39%).

In Champions League invece la Virtus da tre punti ha ottenuto queste percentuali nelle sue vittorie:

9/16 vs Patrasso

10/24 vs Strasburgo

11/28 vs Oostende

9/20 vs Besiktas

7/19 Vs Medi Bayreuth

11/26 vs Lubiana

Subisce in media 5.8 canestri da tre su 15.7 tentativi con una media del 37.3%, mentre realizza appunto 9.1 triple di media su 22.4 tentativi con una media ottima il 40.8%.

A livello singolo in campionato la Virtus ha:

Cappelletti 50% però meno di un tiro a partita,

46% Aradori,

39% Punter,

36% Mbaye,

34% Taylor

12% Martin (1/8)

18% Baldi Rossi (2/11)

In Champions League invece

Punter 49%,

Aradori 46%,

Taylor 38%,

Mbaye 20%

Cournooh 69%!!!!!,

Baldi Rossi 32%,

Cappelletti 50% ma 3/6,

Martin 29%

VNera Pod: Puntata 11

VNera Pod

Tempo di lettura 1 minuto

200 letto

Torna VNera Pod nella sua versione standard.

Puntata numero 11 che si concentra sulle ultime due partite giocate dalla Virtus con Pesaro e Patrasso e fa il punto della situazione sulla stagione al momento della lunga pausa per le partite delle Nazionali.

Come sempre conducono Nicolò Fiumi e David Trebbi, lo staff di VNera.it

Qui la pagina del Podcast su Spreaker,  con tutti gli episodi passati.

Enjoy!

Ascolta “VNera Pod Puntata 11” su Spreaker.