Virtus Bologna – Olimpia Milano: il post partita

Tempo di lettura 3 minuti
724 letto

Prima sconfitta in casa contro un signor avversario come l’Olimpia Milano.

GAME INFO

Risultato: Perso in casa contro l’AX Armani Exchange Olimpia Milano per 79-88

Andamento: per 36 minuti la Virtus lottato contro Milano avendo due possibilità per allungare dal +5 ( al 24′ 51-45 e al 26′ 60-54). Poi è crollata dal 36′ subendo un parziale di 16-6 con Mike James protagonista.

Fattore X della gara: 11/23 su 47,8% da tre punti per Olimpia Milano, Micov e soprattutto Mike James hanno distrutto le speranze di vittoria della Virtus. In particolare il playmaker ha segnato una bomba e un grande canestro da fuori che ha di fatto chiuso la partita.

Il grafico con la progressione della partita: offensive rating (in alto) e punteggio (in basso)

Tabellino della gara

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – AX ARMANI EXCHANGE MILANO 79-88 (16-22, 40-39; 64-69)
VIRTUS: Punter 14; Martin 6; Pajola 0; Taylor 15; Baldi Rossi 0; Cappelletti NE; Kravic 6; Aradori 8; Berti NE; M’Baye 7; Cournooh 5; Qvale 18. All. Sacripanti
MILANO: James 26; Micov 11; D’Ambrosio NE; Gudaitis 14; Bertans 0; Fontecchio 0; Nedovic 18; Kuzminskas 2; Cinciarini 0; Burns 12; Brooks 2; Della Valle 3. All. Pianigani

Classifica: siamo con una vittoria e una sconfitta a 2 punti nel gruppone al decimo posto per la differenza canestro (-5) dietro a Avellino, Torino, Brindisi, Reggio Emilia, Brescia e Sassari e davanti a Cantù, Pesaro e Varese.

Cosa ha detto coach Sacripanti:

Prossime partite: martedì sera alle 20:30 contro Filou BC Oostenda

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Benvenuto Capitano

18 punti, 12 rimbalzi, 9/14 al tiro. Il tutto contro la terribile front line milanese. Una prestazione davvero superlativa per Brian Qvale, che si è fatto vedere per la prima volta in tutto il suo meglio al pubblico bolognese. Dopo i problemi alla schiena la condizione fisica sta tornando e questa gara è sicuramente una splendida notizia per lo staff tecnico bianconero che fa grande affidamento su di lui.

Il dettaglio ON/OFF dei giocatori Virtus. La statistica riporta l’andamento della squadra con il giocatore in campo (IN) o in panchina (OUT)

2. Triple a perdere

Virtus in calando da dietro l’arco: 13/24 a Trieste, 7/20 col Neptunas, 6/21 ieri con l’Olimpia. La sensazione che le difese fisiche di lituani e milanesi abbiano un po’ messo in difficoltà la squadra nel trovare tiri puliti e, contestualmente, reso più difficili mandarli a bersaglio, arrivando a scagliare il tiro con le gambe più stanche.

3. AAA cercasi …

Amath M’Baye. Che per la terza volta in fila finisce con un differenziale on/off court (in breve, la differenza di rendimento della squadra con lui in campo o in panchina) in territorio pesantemente negativo: -12 con lui in campo, +3 con lui in panchina contro l’Olimpia. Continua ad avere prestazioni dove parte discretamente per poi perdersi lungo le curve della partita. E’ prestissimo per gridare all’allarme, ma già da domani in coppa ci si aspetta di vedere un minimo di inversione di rotta.

4. Taylor senza cambio

Il grosso problema della Virtus contro Milano è stato gestire i cambi di Taylor. Pajola ha, fisiologicamente, accusato l’impatto contro una squadra di un livello mai affrontato. Sacripanti, dalla sua, ha preferito non usare molto Cournooh in cabina di regia e così l’ex Banvit è dovuto stare in campo 31′. Dove ha fatto molto, molto bene. Come detto, però, quei 9′ di riposo sono stati drammatici per la Virtus: 17-4 il parziale per gli ospiti, che lì hanno costruito la vittoria.

Il dettaglio dei quintetti schierati contro Milano

5. Buona gestione del pallone

Positiva la voce delle palle perse: solo 9 in una partita da 72 possessi offensivi (12,5% di turnover ratio). Già contro il Neptunas si erano tenute cifre simili ed è una buona indicazione per il futuro: anche contro difese fisiche e di alto livello i bianconeri sono capaci di gestire il pallone con buona lucidità, senza buttarlo nella spazzatura.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *