Virtus – Patrasso: il post partita di Vnera

Tempo di lettura 2 minuti
421 letto

Il ritorno al Paladozza ha portato bene alla Virtus che ha battuto Patrasso recuperando anche la differenza canestri .

GAME INFO

RISULTATO FINALE:vittoria per 88-75.

ANDAMENTO DELLA GARA:L’inizio è super incoraggiante e il migliore della Virtus in coppa, parziale di 14-0 con Patrasso che non riuscirà a far canestro anche merito della grande difesa bianconera al 6′. I greci rispondo con 4 bombe approfittando degli errori e l’ingresso della panchina: 19-16 al decimo. Nel secondo quarto la Virtus riscappa a +11 ma Babb e Kaselakis provano a ravvicinarsi, faticando ancora in difesa e all’intervallo è +9 Segafredo. Nella ripresa il Promitheas sempre con le bombe recupera lo svantaggio e al 25′ conduce di tre punti, la Vnera si sveglia dal letargo e prova a riprendersi l’area e il pallino del gioco e lo fa segnando ad ogni azione disponibile anche con Pajola e Baldi Rossi fino al +6 al 30′. Ultimo quarto Patrasso fatica tantissimo sulla grande difesa bianconera, Gaines attacca l’area e si lucra diversi giri in lunetta segnando tutti i liberi e chiudendo anche le speranze di Patrasso e dopo i canestri di Delia e la prima bomba a segno di uno riposato Teodosic il risultato finale è 88-75.

FATTORE X DELLA PARTITA:La maggior fisicità e prensenza a rimbalzo ed in area con 6 rimbalzi in più rispetto gli avversari e 58% da due che le ha garantito la vittoria nel secondo tempo.

CLASSIFICA CAMPIONATO

Questa vittoria di fatto mette la Virtus lontana dal quarto posto, dovrà giocarsi il primo posto contro Monaco, sperando poi in un passo falso di Andorra per aver quasi la certezza del primato nel girone A.

TRE PUNTI SULLA PARTITA

1. GRANDE DIFESA

Patrasso ha tirato con percentuali irreali dalla lunga distanza, ma nel secondo tempo la Virtus ha interpretato molto bene, difensivamente la partita a differenza della gara contro Cremona, Pajola e Baldi Rossi in campo nel break decisivo sono stati bravissimi a contenere gli avversari seguito anche da Delia.

2. Benvenuto Marcos

Sicuramente la maggior sorpresa di questa gara è stato l’impatto di Marcos Delia nella gara: entrato perchè Hunter e Gamble avevano problemi di falli, la sua presenza in area e la grande collaborazione in difesa ha dato certezze e di fatto chiuso l’area agli avversari, che si sono poi avvicinati solo con il tiro da tre punti fino a crollare sul più bello. Movimenti post e di piede perno, bravissimo a far passare i compagni che avevano subito il blocco, una bella certezza per il proseguo della stagione.

3.Rotazioni

Tutti i giocatori a referto. Si Nikolic ha giocato poco ma a parte lui, tutti gli altri hanno giocato 10 minuti di media. E’ secondo noi molto importante, far testare il campo a tutti, non solo per ridurre la fatica di Teodosic e Markovic ma far accumulare e crescere d’esperienza il resto della squadra: aver dodici giocatori pronti deve esser un arma a nostro vantaggio per il proseguo della stagione.

PROSSIME PARTITE

La Virtus scende in campo tra due giorni (sabato 14 dicembre alle 20.30) in casa al Palafiera contro Happy Casa New BasketBrindisi per la 13ª giornata di serie A

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *