Virtus-Patrasso: il pre partita di VNera

Tempo di lettura 3 minuti
454 letto

Subito in campo la Virtus dopo la brutta sconfitta di Cremona. C’è in palio in primo posto del girone di Eurocup, da contendere ai greci di Patrasso che all’andata sconfissero le VNera per 78-69.

GAME INFO

Quando: mercoledì 11 dicembre 2019, ore 20:30

Dove: Paladozza, Bologna

TV: Eurosport Player

Radio: Radio Bologna Uno

All’andata: sconfitta per 78-69

Gli highlights della gara d’andata

PROBABILI QUINTETTI

VIRTUSPATRASSO
Stefan MarkovicGerald Robinson
Frank GainesChris Babb
Kyle WeemsLeonidas Kaselakis
Giampaolo RicciChase Fieler
Julian GambleOctavious Ellis

COME STA PATRASSO: rispetto alla partita di andata il Promitheas vive un momento leggermente meno positivo. In Eurocup è arrivata una pesante sconfitta sul campo di Monaco (80-59) seguita da una vittoria sofferta in casa contro Ulm. In campionato solo un successo all’ultimo turno (con 18 punti dell’ala Chase Fieler) contro il Lavrio per 77-66. Non c’è più il centro Bogris, mentre è arrivata la guardia Gerald Robinson. Assenza di peso anche quella di Langston Hall, che all’andata di fatto vinse la partita con un grande ultimo quarto. Ha rimediato un infortunio nella penultima di campionato contro l’AEK ed è ai box.

Chi vincerà stasera?

View Results

Loading ... Loading ...

CINQUE SPUNTI SULLA PARTITA

1. Attacco molto distribuito

Il Promitheas fa forza su un attacco che non ha un singolo trascinatore, ma vede tanti diversi protagonisti alternarsi. Il miglior realizzatore in Eurocup è Chris Babb che segna poco meno di 12 punti di media, ma dietro di lui ci sono altri sei giocatori che non scendono sotto i 7.8 punti a incontro di Chase Fieler. Anche le statistiche avanzate confermano il dato, con ben otto giocatori tra il 24,5% di usage di Agravanis e il 18.2 di Leonidas Kaselakis.

2. Ottima gestione del pallone

Il rapporto assist/palle perse è scintillante (19 contro 11.5), segnale di una squadra magari senza enormi picchi di talento individuale ma che si cerca tanto, facendo ruotare il pallone. Langston Hall sta vivendo un’ottima stagione (6 assist di media nella competizione fin qua), ma in generale tutta la squadra vive su meccanismi ben oliati e la presenza di diverse minacce sul perimetro aumenta l’efficienza.

3. Giocano molto a metà campo

Non è certo una squadra da corsa il Promitheas, che per pace (71.2 possessi a incontro) è una delle ultime squadre dell’Eurocup. La manovra, come visto passa molto dalle mani di Hall, ma anche, se non di più, da quelle di Dimitrios Agravanis, giocatore che risultò parecchio indigesto alla Segafredo in Grecia. Ala che può aprire il campo, ma anche giocare il pick & roll, magari per colpire col tiro dalla media, talvolta in schieramenti leggeri dove agisce da “5” nominale.

4. Fisici in difesa, ma possono soffrire Hunter e Gamble

Anche difensivamente Patrasso è una squadra che fin qua si è fatta rispettare: 102.4 il rating difensivo, settimo in tutta la competizione. Hanno giocatori molto aggressivi sui portatori di palla: Katsivelis e l’ultimo arrivato Robinson su tutti, ma anche Hall e Lypovyy si fanno sentire. Fieler è un ottimo atleta, Ellis tosto fisicamente. Ma l’assenza di Bogris, che con la sua stazza fu un bel problema nella partita d’andata, potrebbe creare qualche grattacapo extra al Promitheas, che specie contro la stazza di Gamble non hanno tantissimo da opporre.

5. Uno sguardo alla classifica

Due giornate al termine della regular season di Eurocup. E un’occhiata alla classifica diventa impossibile non darlo. La Virtus ha già staccato il pass per le Top 16 da tempo, ma oggi potrebbe sigillare anche il primo posto. Serve vincere di almeno dieci punti per ribaltare la differenza canestri e sperare che, nel frattempo, Ulm sul proprio campo faccio lo scherzetto a Monaco. Difficile, ma non impossibile.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *