Virtus – Treviso: il pre partita di VNera

Tempo di lettura 3 minuti
230 letto

Sarà Virtus-Treviso la partita d’esordio della VNera sulla sua nuova provvisoria casa: la Segafredo Arena.

Virtus
Foto dalla pagina Facebook Virtus Segafredo Bologna

GAME INFO

Quando: domenica 10 novembre ore 18:15

Dove: Segafredo Arena, Bologna

TV: Eurosport player

RADIO: Radio Bologna Uno

PROBABILI QUINTETTI

VIRTUSTREVISO
Stefan MarkovicAleksej Nikolic
Frank GainesLorenzo Uglietti
Kyle WeemsCharles Cooke
Giampaolo RicciIsaac Fotu
Julian GambleAmedeo Tessitori

COME STA: Treviso è decima in campionato con sei punti: tre vittorie e quattro sconfitte; non ha ancora vinto in trasferta e speriamo che non accada nella gara di domenica. Recupera, probabilmente, per la partita Matteo Imbrò, ex virtussino oggi capitano dei trevigiani.

VOTATE CON NOI!

Chi vince domenica tra Virtus e Treviso?

View Results

Loading ... Loading ...

5 SPUNTI SULLA PARTITA

1. Aggredirli a rimbalzo

Come normale che sia, Treviso sta un po’ pagando il cambio di fisicità che impone la serie A. La De’Longhi, sotto canestro, ha fatto scommesse forti su Tessitori e la coppia Severini-Chillo alle sue spalle, mettendogli al fianco la chioccia Isaac Fotu. Ma per ora a rimbalzo ci sono state grandi sofferenze. La squadra di Max Menetti è penultima per percentuale di rimbalzi totali catturati (45,9%) e tredicesima per percentuale di rimbalzi offensivi concessi (29,2%). Lì la Virtus dovrà far valere i propri muscoli.

2. Nikolic e Fotu i trascinatori, occhio a Logan

I due che, al momento, stanno facendo le fortune della De’Longhi sono Aleksej Nikolic e Isaac Fotu. Il play, tanto vicino alla Virtus in estate, si sta rivelando un giocatore davvero di alto livello. Segna con un’efficienza incredibile (47% da tre, 132 di rating offensivo) ed è abilissimo nello sviluppo del pick&roll, da cui trova tante soluzioni personali. Fotu, quasi specularmente, è il riferimento in area e sta producendo la sua miglior stagione in carriera fin qua: 15 punti e 5 rimbalzi di media, col 59% da due e anche il 40 da tre su oltre un tentativo a incontro. Da non dimenticare David Logan. Ormai 36enne, esce dalla panchina ma dà ancora verve all’attacco veneto. Menetti sfrutta tanto la sua capacità di colpire col tiro in uscita dai blocchi.

3.Leggere il difensore!

Treviso è una squadra che mette grande aggressività sulla palla, specie con Uglietti e lo stesso Nikolic, e sulle linee di passaggio. E’ prima in palle recuperate con 8.1 a incontro. Sarà importante cercare di evitare le palle perse vive che possono regalare punti facili in contropiede, leggendo il difensore avversario e cercando di batterlo con tagli backdoor verso canestro, in cui la Virtus è tanto abile, oppure ricevendo e attaccando il difensore in aiuto.

4. Tirano benissimo da tre punti

La partita vinta in extremis contro Ulm deve mettere in guardia contro un’altra squadra che tira molto bene da tre punti; infatti la DeLonghi è al quarto posto per percentuale realizzativa da dietro l’arco col 36%. Sarà importante, quindi, essere molto aggressivi sui tiratori. Magari uscendo per togliere la conclusione a costo di concedere qualche penetrazione in più. Considerando anche la grande fatica che i trevigiani fanno a trovare tiri puliti in area. Discorso collegato a una carenza di stazza tra i lunghi già vista nel primo punto (tredicesimi per percentuale nel tiro da due).

5. Approccio

Ci sarà molta curiosità dopo le parole di Djordjevic in sala stampa mercoledì sera; la Virtus non può permettersi di approcciare male l’incontro di nuovo e siamo tutti in attesa di una risposta alle critiche del proprio allenatore arrivate mercoledì in conferenza stampa.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *