Virtus-Trieste: il post partita di VNera

Tempo di lettura 3 minuti
436 letto

Cinque su cinque per la Virtus in gennaio. I bianconeri si sbarazzano anche di Trieste con una prestazione solida: spigolosa nel primo tempo, scoppiettante nel secondo, con annesso calo di tensione evitabile nel finale.

GAME INFO

RISULTATO: vittoria per 82-74.

La progressione di offensive rating e punteggio della partita

ANDAMENTO PARTITA: partenza contratta della Virtus, con Trieste che riesce ad avere gli unici vantaggi della sua partita (7-11) mentre la Segafredo prende le misure alla gara. Cappelletti e Martin dalla panchina, però, danno la sveglia ai padroni di casa, che vanno avanti e cominciano a mettere i primi punti di margine tra sè e gli ospiti (35-27 a metà). Nel terzo quarto la partita si spacca: Moreira prima e Kravic poi fanno il vuoto sotto canestro, in mezzo Punter spara quattro siluri dai 6.75 che fanno volare la Segafredo sul 70-47. Partita in archivio, con Trieste che, comunque, ha la forza per tornare fino al -8, facendo arrabbiare Sacripanti proprio nel finale.

FATTORE X DELLA PARTITA: la fiammata di Kevin Punter, che nel terzo quarto si accende con quattro triple per dodici punti quasi consecutivi.

CLASSIFICA: Virtus che mette quattro punti tra sè e il nono posto e, contestualmente, si arrampica fino alla settima piazza, in un gruppo di quattro squadre composto, oltre che dai bianconeri, da Sassari, Varese e Brindisi a quota 18 punti.

PROSSIME PARTITE: si torna in campo per la Champions League mercoledì 23 alle 20.30 contro il Besiktas.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

STEFANO SACRIPANTI E ALESSANDRO CAPPELLETTI

Video by Sport Press di Laura Tommasini

5 APPUNTI SULLA PARTITA

1. Dominato sotto canestro, finalmente.

Trieste presentava forse la partita perfetta per farlo (squadra “piccola”, con centri sottodimensionati), ma la Virtus, comunque, è stata brava a sfruttare l’occasione facendo partita di testa sotto i ferri. 12 rimbalzi offensivi, 33% di percentuale offensiva a rimbalzo (finora si viaggiava sotto il 28). 40-33 il dato globale a rimbalzo, 54.8% di rimbalzi totali controllati. Doppia doppia contemporanea per Yanick Moreira e Dejan Kravic (22+22 combinato).

Il dettaglio ON/OFF dei giocatori (qui il foglio complessivo)

2. Massimo stagionale di assist

La Virtus ha confermato come la circolazione di palla offensiva stia migliorando ultimamente. Il numero degli assist (dato che non è da solo sinonimo di qualità offensiva, ma dà comunque un’indicazione in tal senso) era in crescita costante da qualche partita e contro Trieste è arrivato il massimo stagionale in campionato con 19. Certo, le cinque triple di Punter (sei dei diciannove assist sono andati a lui) hanno aiutato ma, per esempio, all’andata furono dieci in meno.

3. La staffetta Cappelletti-Pajola funziona

Buona notizia per la Virtus: nonostante una giornata poco felice di Tony Taylor, la coppia Cappelletti-Pajola ne ha fatto le veci molto bene. Con uno di loro in campo e Taylor in panchina il parziale è stato di 44-34 per la Virtus. Al solito, Cappelletti ha dato ritmo offensivo alla squadra (4 assist), mentre Pajola ha avuto il suo miglior momento nel secondo quarto, recuperando palloni in difesa e lanciando il contropiede dei compagni. Peccato per l’1/4 dalla lunetta.

4. M’Baye killer silenzioso

Nota di merito per Amath M’Baye, che si è visto meno del solito, ma alla fine è risultato essere un bel problema per Trieste: 11 punti in 25′ forzando il meno possibile, cinque falli subiti, +22 di plus/minus. Una partita d’esperienza come ci piacerebbe sempre avere da lui.

Il dettaglio dei quintetti schierati (qui il foglio complessivo)

5. Pressione difensiva che ha dato frutti copiosi

Ottima partita difensiva della Virtus (92.6 di defensive rating, high stagionale), tutta venuta da una pressione difensiva tenuta sempre al massimo e che ha portato gli ospiti a perdere tantissimi palloni, che spesso hanno portato i bianconeri in contropiede. 19 i palloni buttati dai triestini, che è il dato migliore in campionato per la Virtus e il secondo peggiore per l’Alma.

Sorry, there are no polls available at the moment.

Nickfiumi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *