VNera Risponde prima puntata

Tempo di lettura 2 minuti
247 letto

Buongiorno amici e amiche, tifosi della Virtus!

Eccovi la prima puntata di VNera risponde, rubrica pronta a rispondere alle domande di voi tifosi bianconeri sull’andamento della squadra e non solo.

Siamo alla prima puntata e questa settimana abbiamo cercato dal mondo social quattro domande e infine per ultimo la vera e prima domanda inviata da un nostro tifoso.

Bene siamo pronti possiamo iniziare a rispondere!

Social 1 domanda:

Stando alle ultime notizie la Virtus può davvero permettersi di congelare il mercato?

VNera risponde:

Per noi si. La Virtus vera la possiamo ammirare solo dopo il completo recupero di Baldi Rossi. In più se vogliamo prendere il famoso quinto americano, il momento ideale è dal 7 febbraio in poi: quando le prime fasi delle coppe europee si concludono e metà delle squadre escluse da questi tornei inizieranno a svendere i propri Usa pur di incassare qualcosa in più in stagione.

 

Social 2 domanda:

Alla luce delle ultime prestazioni serve davvero un Playmarker vecchio stampo in campo?

 

VNera risponde:

Se Stefano Gentile è quello di domenica assolutamente no, ma tutto dipende dal momento di forma del nostro numero 22. Se lui è in campo e aiuta in difesa LaFayette ci servirà al massimo un ala piccola come cambio di Aradori e Umeh.

 

Social 3 domanda:

Come procede la convivenza in campo di Pietro Aradori e Alessandro Gentile?

 

VNera risponde:

Migliora partita dopo partita. Ad inizio stagione essendo la prima vera stagione insieme ( non conterei la Nazionale) ed essendo due ottimi attaccanti dovevano semplicemente conoscersi. Più passa il tempo, stiamo notando un maggior coinvolgimento tra i nostri due fuoriclasse, nella speranza di vederli nel massimo del loro potenziale durante i playoff.

 

Social 4 domanda:

Stefano Gentile nell’ultima gara è stato MVP in campo: deve giocare di più e LaFayette di meno?

VNera risponde:

Devono giocare assieme, statisticamente sono il migliore duo in campo della Virtus in questa stagione e ogni uno copre i difetti dell’altro, quindi perché dividerli? Piuttosto bisogna trovare alternative a loro quando non giocano assieme.

 

Marco V. domanda:

Qual’è secondo voi il miglior quintetto di sempre della Virtus con i giocatori di ogni epoca e quale campionato ha avuto la squadra più forte ( per me quello con Ginobili)?

VNera risponde:

Bella domanda. Come playmaker andrei su Roberto Brunamonti senza neanche pensarci, come guardia tiratrice sicuramente Sasha Danilovic, invece come ala piccola premerei il palmares di Manu Ginobili piuttosto che quello di Sugar Richardson, così come ala grande  il mitico Renato Villalta al posto di Smodis Savic o Woolridge, infine il centro visto le tante belle parole sentite andrei su Krešimir Ćosić, ma non dimentico in questa lista: Fultz, Griffith, Bertolotti, Driscoll, Caglieris, Lombardi, Binelli Jaric, J. McMillian, Bonamico, Nesterovic, Best, Abbio, Morandotti, D. Andersen, Coldebella, Van Breda Kolff, Sconochini, T.McMillen, C. Johnson ecc.

Come campionato invece è una bella lotta tra la Kinder 98’ e la Kinder del 2001, perché nonostante le altre annate vincenti queste sono quelle più nitide e più vincenti:

pensandoci bene direi la Virtus del 2001: giovane, profonda, talentuosa e soprattutto Vincente.

 

Ed anche per oggi è tutto. Nell’augurarvi un Santo Natale, vi do l’appuntamento a Venerdì prossimo.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *