VNera Risponde: stessi risultati passati ma approcci differenti

Tempo di lettura < 1 minuto
580 letto

Tra una polemica per i costi della campagna abbonamenti e l’altra, la Virtus è volata in Sardegna per il torneo di Olbia.

Test vero a differenza dell’ultimo e di quelli dello scorso pre-campionato ma purtroppo con gli stessi risultati.

I tifosi sono così preoccupati nel rivedere gli stessi boxscore del 2017, ma l’attuale VNera è una macchina a diesel e non più a benzina.

Nelle due gare perse siamo sempre partiti soft a differenza dello scorso dove la V faceva subito lei presuntuosamente la partita.

Però quella di quest’anno reagisce nelle difficoltà: si compatta e ha già una chiara identità e quadratura.

Reazione che sicuramente in attacco ha un nome e cognome: Kevin Punter, guardia che ha incantato tutti per i suoi movimenti fuori categoria, confermando le nostre impressioni al momento della firma.

In attesa di rivedere Taylor (piccola scavigliata) la Virtus ha sfruttato questa occasione per testare i suoi giovani in campo: Pajola e Cappelletti non hanno sfigurato anzi, il secondo è stata una piacevole sorpresa e darà filo da torcere in allenamento al nostro Alessandro.

Senza due certezze offensive (Aradori è in ritiro con la nazionale) quindi è mancata la lucidità e la capacità di esecuzione negli ultimi minuti oltre ad evidenti gambe di marmo per alcuni dei nostri dopo solo due settimane di preparazione.

Sacripanti lo sa e ha avvisato tutti ai microfoni ma niente processi sabato si ritorna subito in campo.

Davide Trebbi

Più appassionato che blogger sulla palla spicchi. Bologna è dove sono nato a fine anni Ottanta. Virtussino fin dalla nascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *